Press ESC to close

Ugo Benedetti

Almanacco Bergamo 31 dicembre 2021 (Venerdì)

52^ settimana – Giorni inizio/fine anno 365/00 – BUONE SAN SILVESTRO
AUGURI di BUON COMPLEANNO e di BUON ONOMASTICO a tutti coloro che oggi lo festeggiano

SEI NATO OGGI? I nati il 31 dicembre possiedono una forte inclinazione verso le esperienze estetiche di diverso tipo e dedicano spesso la carriera alla promozione della bellezza e dell’armonia, in una forma piuttosto che in un’altra: molti rivelano una sorta di adorazione per la letteratura, l’arte e la musica. Tuttavia, dal momento che, per arrivare alla bellezza, il più delle volte è necessario prima disfarsi della bruttezza, può anche capitare di trovarli impegnati a individuare, isolare ed eliminare i fattori che disturbano il mondo circostante.

SIGNIFICATO del NOME SILVESTRO è che vive nella foresta. Oggi è San Silvestro. In Italia portano questo nome circa 13.667 persone di cui il 20% in Sicialia, 15,3% in Campania, 12,2% in Lombardia.

AFORISMA del GIORNO
Il meglio della vita si passa a dire è troppo presto… poi è troppo tardi

PROVERBI
A San Silvestro la neve alla finestra
Per San Silvestro, ogni oliva nel canestro


I MORTI DEL GIORNO A BERGAMO E PROVINCIA (clicca qui)

I SANTI del GIORNO

San SILVESTRO I Papa Fu il Papa che creò la domenica, giorno festivo, in tutto l’Impero di Roma ( vedi nota) – Santa CATERINA LABOURE’ Veggente ( vedi nota) – Santa MELANIA “la giovane” monca penitente – Santa COLOMBA Vergine e martire – San ZOTICO sacerdote – Santa DONATA e Compagne martiri – San MARIO Vescovo – La Chiesa celebra la festa di altri 10 SANTI e 5 BEATI

Da LUNEDI’ la LOMBARDIA in ZONA GIALLA

Mancava soltanto l’ufficialità, ma ora è arrivata. La Lombardia, dopo sei mesi di zona bianca, torna in zona gialla. La conferma è arrivata venerdì 31 dicembre per bocca del governatore Attilio Fontana. “I dati del monitoraggio settimanale della cabina di regia di ministero della Salute e Iss confermano il superamento dei parametri da zona bianca, pertanto da lunedì prossimo la Lombardia passerà in zona gialla”. Ma quali sono le novità? Quali sono i nuovi divieti e le nuove restrizioni all’orizzonte? Praticamente nessuno. Gli ultimi interventi dell’esecutivo in buona sostanza hanno cancellato le differenze tra le due zone. La differenza più grande era l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto: inizialmente prevista dalla zona gialla in poi, la misura è stata invece estesa a tutta Italia a partire dal giorno di Natale. L’introduzione del super green pass – che si ottiene solo con la vaccinazione o la guarigione dal covid – ha poi fatto sì che le differenze tra bianco e giallo divenissero molto sfumate, quasi nulle. In giallo, come in bianco, è confermato l’obbligo del green pass – basta quello base per ora, ma dal 10 gennaio servirà il “super” – per i mezzi pubblici nelle città e per i mezzi a lunga percorrenza. Resta sempre possibile uscire dal proprio comune e dalla propria regione. Anche in giallo negozi e centri commerciali restano aperti sempre, senza nessun limite d’orario.

IL PENSIERO del GIORNO  (a cura di Mons. Antonio Donghi)

Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. La luce è la vita dell’uomo, la speranza che ne guida i passi, il calore che riscalda il cuore, la meta verso la quale la nostra natura viene attratta, il clima che fa respirare la bellezza della natura. Amiamo la luce del sole e della luna e gusteremo sempre la vita perché vinceremo le oscurità della storia. Padre, nel tuo Verbo il mondo vive e trova tutta la sua consistenza, e l’umanità respira la vita. In lui ci comunichi il vero valore della nostra esistenza e guidi i nostri passi nel cammino della fede. Apri nella energia dello Spirito Santo i nostri vissuti alla sua persona perché orienti i battiti del nostro cuore e ci conduca verso la bellezza e la pienezza della nostra esistenza quotidiana, nella fecondità della comunione fraterna. Amen

10 ANNI DI ALMANACCO. GRAZIE!!!

Mi ero appena iscritto a Facebook, ebbi già l’idea di rendere la mia pag. interessante con argomenti di carattere sociale, culturale e informativo rispetto alle solite foto copia/incolla che già allora giravano nelle varie pagine. Iniziai così a pubblicare le prime “giornate mondiali”, i Santi del giorno con gli auguri di buon onomastico e subito riscontrai un certo interesse nei pochi “amici” che avevo. Le “Giornate Mondiali” soprattutto quelle che riguardano la salute e i problemi sociali sono diventate, per me, molto importanti come mezzo di sensibilizzazione pubblica in particolare nella prevenzione e lotta a certe malattie. Il mio post trovò quasi subito la testata tutt’ora in vigore “Notizie e Curiosità di oggi … “ e cominciai così a inserire il testo nei vari Gruppi della città e della Provincia. Allora il tutto veniva riassunto in una cartella in A4, il post di oggi ha una media di 6-8 cartelle in A4 molto più ricco e aggiornato di notizie e curiosità locali e di interesse pubblico.. Oggi il post riceve dai 300/400mila cliccate “Mi piace” al mese e viene proposto anche sulla piattaforma Socialbg.it e su Google News a livello nazionale. Ringrazio gli Amministratori dei Gruppi che in città e in tutti i paesi della provincia mi ospitano. Ringrazio Voi amici che ogni giorno mi leggete, mi cliccate, mi mandate i vostri commenti. Tutto il mio lavoro lo raccolgo in due volumi semestrali e quest’anno ho scritto per 1932 pag

ULTIMO DISCORSO alla NAZIONE del PRESIDENTE MATTARELLA

Come di consueto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si prepara a pronunciare il discorso di fine anno. Quello del 2021 l’ultimo per l’attuale Capo di Stato: si avvicina la fine del suo mandato settennale, il 31 Gennaio 2022. Nonostante i numerosi tentativi di convincere Sergio Mattarella a mantenere l’incarico, il Presidente ha più volte ribadito di non aver intenzione di accettare una rielezione. Da mesi ormai circolano voci circa il suo possibile successore, tra cui persino la possibilità del primo Presidente donna. Il discorso di fine anno sarà trasmesso questa sera in diretta TV a reti unificate il 31 Dicembre 2021 a partire dalle 20.30. Poco dopo la sua conclusione, sarà caricato anche in rete.

lL CANTO del TE DEUM

I Vespri, le Messe di fine anno, il Te Deum, e poi la solennità di Maria Santissima Madre di Dio: ci congediamo così da un altro anno imprevedibilmente sofferto e accogliamo il nuovo anno colmi di attesa e di speranza. Lo facciamo anche nella preghiera alla quale da sempre ci chiama la Chiesa in queste ore: il ringraziamento per quanto ricevuto nel 2021 (perché “tutto è grazia”) e il gesto di porre l’anno nuovo sotto il manto della Madonna la cui presenza materna ci appare oggi più necessaria che mai. Il ricordo, nelle preghiere, corre sempre a tutti coloro che, causa la pandemia, ci hanno lasciato mentre a Lei, Madre di Dio, affidiamo tutta l’Umanità nuovamente travagliata da questa feroce quarta pandemia mondiale. Domani si celebra la Festa di Maria SS. Madre di Dio.

PERCHE’ si dice NOTTE di SAN SILVESTRO?

Perché si chiama proprio in questo modo? Il giorno 31 dicembre è una data dedicata proprio al santo, nonché Papa Silvestro, il 33° vescovo della città di Roma. San Silvestro quindi è il traghettatore, colui che guida e trasporta le anime e le persone, verso il Nuovo Anno. Il Papa Silvestro comunque è stato un personaggio importante nella storia della cristianità, in quanto è sotto il suo pontificato che la Roma “degli Imperatori” lasciò il posto a quella cristiana, pur conservando alcuni riti e cerimonie. Il 31 dicembre del 335 è stato proprio il giorno della morte del Papa Silvestro. A Roma una delle più antiche Basiliche della città è dedicata a San Silvestro Papa. E’ curioso ricordare che, fino al 1700, le città festeggiavano il Capodanno quando più gli era consono, per motivi interni di politica e cancelleria. A Venezia, la Repubblica, lo festeggiava il 1 marzo, a Firenze il 25, a Parigi si cominciava a contare l’anno dalla Pasqua. Nel medioevo comunque il 1 Gennaio veniva riconosciuto come il giorno della Circoncisione di Gesù Cristo. L’introduzione del Calendario Gregoriano a livello internazionale ha poi spostato il Capodanno al 1° gennaio di ogni anno.

BOLLETTE ELETTRICITA’ +55% – GAS +41,8% e TUTTO il RESTO?

Nel 2022 il Comune di Bergamo avvierà la riqualificazione del centro civico del quartiere della Malpensata, in via Furietti: il progetto del primo lotto La festa è finita. A partire dal primo gennaio l’aumento per la famiglia tipo in tutela sarà del +55% per la bolletta dell’elettricità e del +41,8% per quella del gas per il primo trimestre del 2022. Lo rende noto l’Arera, Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente . In un anno, la spesa per luce e gas, per una famiglia tipo, ammonterà a 2.383 euro, in crescita di 944 euro rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente. Per Arera, in termini di effetti finali, per la bolletta elettrica la spesa per la famiglia-tipo nell’anno in corso (compreso tra il 1 aprile 2021 e il 31 marzo 2022) sarà di circa 823 euro, con una variazione del +68% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1 aprile 2020 – 31 marzo 2021), corrispondente a un incremento di circa 334 euro/anno.

CAPODANNO SICURO

I giochi pirotecnici sono pericolosi anche se possono sembrare potenzialmente innocui. Occorre quindi: 1) al momento dell’accensione, mai avvicinare viso e occhi alla miccia –2) i bambini non vanno mai lasciati soli a usare fuochi di artificio – 3) I fuochi di artificio vanno accesi all’aperto, lontano da case, automobili e dalla scatola degli altri fuochi per limitare il rischio di incendio e incidenti – 4) Fare attenzione alla direzione in cui si lanciano i fuochi: non ci siano delle persone, perciò non vanno lanciate verso zone buie né da balconi né da finestre – 5) I fuochi non vanno mai accesi dentro nessun tipo di contenitore, in ferro o lattine, perché l’esplosione degli artifizi potrebbe generare la dispersione di schegge omnidirezionali che si trasformerebbero in tanti piccoli e pericolosi “proiettili” – 6) Va sempre tenuto a portata di mano un estintore da usare in caso di incendio – 7) Quando si trovano fuochi d’artificio che funzionano male e perciò non bruciano, non si deve mai cercare di riaccenderli – 8) non nasconderli negli zaini – 9) I genitori devono raccomandare ai bambini i pericoli dei fuochi d’artificio. 10) Fontanelle, trottole, fumogeni, petardini, miccette e girelline: dopo aver acceso la miccia bisogna allontanarsi subito. 11) Bottigliette a strappo, pistole a strappo e snappers: non bisogna mai mirare le persone – 12) Candeline e stelline: vanno usate lontano dai vestiti, dalle tende, dai divani e da tutti gli oggetti infiammabili.

Le SCARAMANZIE nella NOTTE di San SILVESTRO

La notte di San Silvestro è alle porte e quest’anno più che mai l’auspicio è gettarsi alle spalle un 2021 da dimenticare per dare il benvenuto ad un nuovo anno che doni speranza. L’ultima notte dell’anno è sempre un momento magico, tutto va curato nei dettagli dai cibi da preparare alla tavola, senza dimenticare le decorazioni. Niente può essere lasciato al caso ma c’è chi, non perde occasione per accogliere il nuovo anno con qualche rito scaramantico che possa invocare la buona sorte. Si tratta solo di superstizioni? L’unica certezza è che tentar non nuoce e spesso anche i più scettici si lasciano suggestionare da queste consuetudini propiziatorie. Scopriamo insieme di cosa si tratta e quali sono le più diffuse. Il bacio sotto il vischio è un classico di buon auspicio per le coppie già nate e per l’inizio di un nuovo amore. Particolarmente diffusa la consuetudine a non cominciare nessun lavoro manuale  nè tantomeno lasciarlo in sospeso l’ultima sera dell’anno l’accensione del fuoco inoltre è simbolo di energia per questo si accendono i fuochi. Cosa indossare a Capodanno? Per la notte biancheria intima rigorosamente rossa, la mattina dopo si dovrebbe indossare un capo di abbigliamento nuovo. La tradizione vuole inoltre che l’ultima notte dell’anno ci si liberi delle cose negative del passato da qui la tendenza a buttare oggetti vecchi e addirittura a gettarli dalla finestra. Rompere i piatti? Scaccerebbe via i demoni, si può rompere inoltre un solo bicchiere dopo il brindisi. Poco prima della mezzanotte inoltre si dovrebbe aprire la finestra di una stanza buia per far uscire gli spiriti maligni e chiudere la finestra di una stanza illuminata per non far uscir fuori quelli del bene. Di buon augurio per amore e soldi è quello di accendere per tutta la notte una candela verde, una bianca e una rossa.

1861 PRIMO CENSIMENTO in ITALIA

Nel pomeriggio del 31 dicembre 1861 e 1° gennaio 1861 (160 anni fa) a nome mesi dalla nascita del REGNO D’ITALIA, gli Italiani provarono a contarsi e a tracciare la prima radiografia della popolazione, suddivisa per sesso, età, stato civile, attività, titolo di studio e proprietà immobiliare.

MISSIONARI UCCISI QUEST’ANNO

I nuovi martiri ormai si contano nelle terre di Missione. Nel 2021 sono stati 22: 12 sacerdoti, 3 religiosi, 3 religiose, 4 laici. Sono alcune migliaia invece i cristiani uccisi per la propria fede in varie nazioni dove il fondamentalismo islamico o altro (vedi India in questi giorni) è a maggioranza tra la popolazione.

LE VIE E LE PIAZZE DI BERGAMO. GIACOMO DAVID

Nato a Presezzo (Bg) nel 1750 morto a Bergamo il 31 dicembre 1830 è stato un tenore italiano. La Città di Bergamo e il Comune di Presezzo gli hanno dedicato una Via. Avendo avuto tra i propri insegnanti, tra gli altri, Nicola Sala, egli si esibì comunque a partire dagli anni settanta nei principali teatri italiani, ed in particolar modo al  San Carlo di Napoli, al Teatro San Benedetto e a La Fenice di Venezia, alla cui inaugurazione prese anzi parte personalmente interpretando il ruolo di Eraclide ne I giuochi d’Agrigento di Paisiello. Nel 1791 egli si esibì per la prima volta a Londra, dove il suo cognome Davide fu anglicizzato in via definitiva in David, forma con la quale sarebbe passato alla storia, insieme al figlio. A Londra si esibì al King’s Theatre in the Haymarket in uno dei suoi ruoli preferiti, il protagonista del Pirro di Paisiello, e partecipò, il 17 maggio, nelle Hannover Square Rooms, ad un concerto di beneficenza dove eseguì, tra l’altro, l’aria per tenore “Cara deh torna“, composta appositamente per l’occasione da Haydn. Alla Scala aveva esordito nel 1782 e ricomparve poi costantemente dopo la fine del secolo. Nel 1801 partecipò anche all’inaugurazione del Regio Teatro Nuovo di Trieste eseguendo, il 20 e 21 aprile, due prime rappresentazioni: l’Annibale in Capua di Salieri (Scipione) e la Ginevra di Scozia di Mayr (Polinesso). Raramente all’estero, egli fu però particolarmente longevo, essendo la sua carriera perdurata, pare, fino al primo ventennio dell’Ottocento, con un repertorio basato su autori come, oltre ai citati Paisiello e Mayr, Bertoni, Cimarosa, Guglielmi, Sarti, Zingarelli ed in particolare Francesco Bianchi, nella cui produzione operistica ebbe spesso modo di lavorare insieme ai castrati Girolamo Crescentini e Gaspare Pacchierotti, ed al soprano Brigida Banti, che condividevano i suoi ideali e i suoi gusti musicali e canori. Punto di riferimento di una vera e propria scuola tenoristica bergamasca, alla quale appartennero figure come Andrea Nozzari e il figlio Giovanni, suoi allievi e poi coppia aurea dell’operismo rossiniano, e come Eliodoro Bianchi (1773-1848), Domenico Donzelli, Giovanni Battista Rubini e Marco Bordogni, David morì, rimpianto, nella sua città, nel 1830.

FARMACIE di TURNO NOTTURNO

(da questa sera ore 21 a domani 1 gennaio 2022 alle ore 9,00): TURNO NOTTURNO: Almè (fino alle ore 24) – BERGAMO Farm. Grumellina Via Tadino 4/d – Berzo San Fermo – Carvico – Chiuduno – Costa Valle Imagna – Curno (fino alle ore 24) – Ghisalba – Gorle (fino alle ore 24) – Leffe – Olmo al Brembo – Pradalunga – Rovetta – Stezzano – Trescore Balneario – Treviglio Comunale 3 – Zogno. FARMACIE di TURNO DIURNO durante il giorno, per sapere i turni. puoi chiamare il Numero Verde Gratuito 800.356114 “Pronto Farmacie” attivo 24 ore su 24. CONTINUITA’ ASSISTENZIALE (ex Guardia Medica) tel. 116117 attivo dalle ore 20 alle ore 8 nei giorni lavorativi – 24 ore su 24 nei giorni di sabato e domenica e festivi. SERVIZIO PEDIATRICO GRATUITO sabato 1 gennaio 2022 è sospeso per festività. Rivolgersi alla GuardiaMedica

L’ANGOLO della CULTURA A BERGAMO

  • BERGAMO – Biblioteca A. Mai – fino al 10 genn. 2022 orari biblioteca – Mostra “L’assiette au Beurre” – Ingresso libero
  • BERGAMO – Teatro Donizetti – 31 dic. ore 20 e 1 gen. 2022 ore 15 – Operetta “Una notte a Venezia” – prevendita biglietti
  • BERGAMO – Astino Chiesa del S. Sepolcro – Esposizione del Presepio donato dalla Regione Campania – Orari 9,30 -12 e dalle 14 alle 17,00
  • ZANICA – Chiesa Parrocchiale – 1 genn. ore 16 – Concerto di Natale – prenotazione obblig. Tel. 349 7428922

L’ANGOLO del CINEMA

SUPEREROI critica *** – durata 113 minuti – Consigliato a ragazzi + 13 anni – Milano. Anna e Marco si incrociano per la prima volta mentre si stanno riparando dalla pioggia. Lei è un’aspirante fumettista, dinamica e dal carattere impulsivo. Lui è un professore di fisica che crede che dietro ogni nostro comportamento ci sia una spiegazione logica. Si rivedono, finiscono a letto insieme. Poi si separano di nuovo. Marco è fidanzato con Pilar, con cui sta per andare a convivere, Anna convive con Tullia. Ma il loro destino è quello di stare insieme. Nel corso degli anni la loro coppia si regge su un equilibrio, ora stabile ora molto precario. Emergono incomprensioni, fughe, scontri, cose non dette. Ma anche momenti di intensa felicità. Intanto il tempo passa e anche loro cambiano. Il tempo è il vero protagonista di Supereroi. Il film racchiude infatti vent’anni dell’esistenza dei due personaggi e va continuamente avanti e indietro. Mostra come Anna e Marco, interpretati rispettivamente da Jasmine Trinca e Alessandro Borghi, cambiano.

LIBRI DA LEGGERE

ATALANTA LA DEA CHE MI FA GODERE di Vittorio Feltri – Rizzoli Editore – Costo € 17,00 – pag. 160 – Trama: quando si parla di sport spesso si invoca il Dio Calcio. A Bergamo però, c’è una sola divinità: l’Atalanta. Se sei bergamasco sei atalantino, non si discute. Lo sei letteralmente appena vieni al mando quando dopo il primo vagito ricevi in regalo dalla società la maglietta della squadra con il tuo nome scritto sopra. Lo sei per definizione, Bergamo e Atalanta sono praticamente sinonimi. Qui nasci dell’Atalanta e muori dell’Atalanta, la Dea è parte del tuo DNA. E questo vale anche per Vittorio Feltri, bergamasco e atalantino doc, che non poteva esimersi dal comporre un inno alla sua Dea. Un racconto che prende spunto da una lunga chiacchierata col suo amico e complice di atalantismo, Cristiano Gatti. Si parte dal calcio e si entra nel cuore di Bergamo e del suo prodigio sportivo. Il settore giovanile, la cultura aziendale che diventa gestione e anche stile, sul campo e fuori. Un reportage su quanta Atalanta c’è davvero a Bergamo e quanta Bergamo c’è nell’Atalanta di oggi. Quale dimensione abbia assunto tra la gente del suo territorio e nel pianeta più ampio del calcio italiano ed europeo. Un approfondimento dei due volti che all’Atalanta danno l’impronta che ha oggi, Antonio Percassi e Gian Piero Gasperini, la mente che muove i fili e l’esecutore che dà un senso all’etica e all’estetica della squadra.Atalanta la Dea che mi fa godere è una lettera d’amore che Feltri ha scritto in collaborazione con Cristiano Gatti, e con il cuore di chi l’Atalanta la sente un pezzo di sé, come ogni vero tifoso.

L’ANGOLO della CUCINA. COTECHINO E ZAMPONE

Deve essere in sintonia con il pranzo, deve essere equilibrato per stuzzicare senza appesantire. Ogni regione arricchisce l’antipasto con i propri Non possono mancare nelle festività natalizie o al cenone di Capodanno vengono accompagnati da lenticchie benauguranti o da soffice purè, lo zampone e il cotechino sono eccellenze della norcineria italiana. La certificazione IGP assicura che lo Zampone Modena e il Cotechino Modena siano proprio quelli nati dalla sapiente miscela di carni e aromi in uso fino dal lontano Rinascimento. Ma cosa mettere in tavola a Capodanno? Immancabili le lenticchie, simbolo di prosperità e quindi di denaro. La tradizione vuole che mangiarle da sole o con cotechino possano favorire guadagno, meglio se mangiate con le mani. Direttamente dalla Spagna arriva la credenza che mangiare 12 chicchi d’uva nera a mezzanotte, uno per ogni mese dell’anno che sta arrivando, garantirebbe l’entrata di denaro. In tavola non può mancare la melagrana simbolo di fertilità. Per allontanare la malasorte non si può rinunciare al peperoncino. E se non bastasse per allontanare gli spiriti maligni in Irlanda si getta una pagnotta di pane contro il muro . Inoltre si può anche donare una piccola scatola contente sale che rappresenta il cibo, una moneta che simboleggia la prosperità e un pezzo di carbone che esprime il calore

Per tutte le notizie seguici su Google News

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

Preferenze dei cookie