Almanacco di oggi 14 settembre 2021 (Martedì); Notizie e curiosità

37^ settimana – Giorni inizio/fine anno 257/108 – BUONA GIORNATA
AUGURI di BUON COMPLEANNO e di BUON ONOMASTICO a tutti coloro che oggi lo festeggiano

La pazienza ha un limite e di solito quel limite è il bene che ti vuoi

Il SOLE sorge alle ore 06.56 e tramonta alle ore 19.38 – Durata del giorno 12.42 (-3 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte: 11.18 (+3 minuti rispetto a ieri) – La LUNA crescente (visibile al: 56%) sorge oggi alle ore 15.51 e tramonta domani alle ore 00.13

OGGI in QUESTO ALMANACCO:

  • I Santi del giorno
  • Festa dell’Esaltazione della Santa Croce
  • Il “pensiero” del giorno
  • Giornata Mondiale del Primo Soccorso
  • Giornata Nazionale del Biologico
  • Bergamo: Festival Organistico Internazionale
  • 1321 La scomparsa del Maestro Dante Alighieri (700 anni fa)
  • Bergamo: “I maestri del paesaggio
  • Consigli della nonna: come puoi sapere se un uovo è fresco?
  • Giornata Dante Day: il cibo nella Divina Commedia: all’Inferno, Purgatorio e Paradiso
  • Sei nato oggi?
  • Altre “Notizie e Curiosità” del giorno 
  • I MORTI DI OGGI E LA DATA DEI FUNERALI A BERGAMO E PROVINCIA (clicca qui)
  • SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK (clicca qui)

I SANTI del GIORNO: San CORNELIO Papa e martire – San CRESCENZIO martire – Sant’ALBERTO  Vescovo e martire – Santa GREGORIA martire – La Chiesa celebra la festa di altri 4 SANTI e 4 BEATI. La Chiesa celebra la solennità dell’ESALTAZIONE della SANTA CROCE il “Trofeo della Vittoria Pasquale”. E’ il giorno in cui si ricorda il ritrovamento della Santa Croce dove fu crocefisso Gesù ( vedi nota) e alla Vigilia della festa della B.V. Maria Addolorata. Nella bergamasca oggi è festa a Santa Croce (Frazione di San Pellegrino Terme)

IL PENSIERO del GIORNO (di Mons. Antonio Donghi) “Dio ha mandato il Figlio nel mondo perché il mondo sia salvato per mezzo di lui” –  Amare l’uomo è il dono che ognuno si sente di vivere nella libertà e nella purezza del cuore. Infatti ogni fratello ci viene donato perché ci aiutiamo reciprocamente a rendere feconda la bellezza d’essere creature. La gioia nel costruire tale stile di vita offre un senso nuovo al nostro cammino quotidiano nella costruzione della storia personale e fraterna –  Padre, nel mistero del tuo amore per l’uomo ci hai regalato il tuo Figlio perché ogni creatura vivesse una intensa comunione con te e con l’intera umanità. Apri il nostro cuore ad ogni fratello per crescere nel dono della serena e gioiosa reciprocità per dare alla luce un mondo nuovo nella fecondità creatrice dello Spirito Santo. Amen

GIORNATA MONDIALE del PRIMO SOCCORSO: quest’anno in particolare sarà dedicata al tema “Primo soccorso e sicurezza stradale”. Attualmente sulle strade ogni 30 secondi c’è un incidente e più del 50 per cento delle morti si verificano nei primi minuti dopo l’accaduto. Eppure, gran parte di questi decessi possono essere evitati. I corsi di formazione al primo soccorso educano i cittadini a prevenire gli infortuni insegnandogli inoltre a rispondere in maniera tempestiva alle maggiori o minori emergenze. La Giornata Mondiale del Primo Soccorso rappresenta per il Movimento di Croce Rossa un’importante occasione per sollecitare una legge che renda obbligatoria la formazione al primo soccorso per tutti coloro che devono prendere la patente di guida. In un’emergenza medica bisogna agire rapidamente. In attesa dell’arrivo dei professionisti, fornire primo soccorso a chi viene improvvisamente colpito da un malore o rimane coinvolto in un infortunio può evitare o limitare i danni alla salute e addirittura salvare la vita.

GIORNATA NAZIONALE del BIOLOGICO: Ma cosa significa essere biologici oggi? Significa rispettare le regole dettate dalle leggi in vigore e richiedere che il rispetto di tali regole siano verificate da enti di certificazione terzi, gli organismi di controllo autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Quelle stesse figure che trovate indicata obbligatoriamente nelle etichette dei prodotti da agricoltura biologica. Lo potete trovare indicato in due modi: con il nome per intero – pratica sempre più rara – oppure con un codice a tre cifre. In quest’ultimo caso, se non resistete dalla curiosità, su internet potete tranquillamente trovare le corrispondenze fra quel codice e l’organismo che rappresenta. Il ruolo di questi organismi è quello di certificare, su autorizzazione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il rispetto delle regole sull’agricoltura biologica da parte della singola azienda e di vigilare che questa stessa azienda continui sulla stessa strada nel tempo. Ma essere biologici significa esclusione di prodotti chimici di sintesi, che alterano profondamente l’ambiente ed influiscono negativamente sulla salubrità delle produzioni ottenute. Questo vuol dire che si possono usare solo prodotti ricavati direttamente in natura per fertilizzare le colture, proteggerle, alimentare gli animali e curarli da eventuali malattie. Oltre a questo significa anche rispettare al massimo e per quanto possibile le esigenze delle singole colture o degli animali allevati, garantendo loro uno standard di vita molto più elevato di animali allevati con metodi convenzionali.

FESTA dell’ESALTAZIONE della SANTA CROCE: La festività ricorre il 14 settembre, in ricordo del ritrovamento della croce di Gesù da parte di sant’Elena, avvenuto il 3 Maggio 320 e che, sempre secondo la tradizione, fu “esaltata” cioè “elevata” per la prima volta, quindi “innalzata” come lo era stato quel giorno in cui innalzato il Figlio di Dio. La tradizione racconta che Sant’Elena giunta sul Calvario trovò molte croci sparse qua e là e perciò era difficile individuare la “vera” croce di Cristo. Sant’Elena Imperatrice, madre dell’Imperatore Costantino, fece portare sul luogo delle persone ammalate che si misero a toccare le varie croci quando alcuni di questo ne toccarono una, subito guarirono. La prova avvenne con altro ammalati e tutti guarirono. Il 14 settembre del 320: la reliquia della Santa Croce fu “alzata” dal vescovo di Gerusalemme di fronte al popolo, che fu invitato all’adorazione. In quella data poi, e da lì inizierà veramente la tradizione, ci sarà la dedicazione della Basilica del Santo Sepolcro. La Chiesa cattolica, molte Chiese protestanti (spesso quelle di matrice anglicana), e la Chiesa ortodossa celebrano la festività liturgica dell’Esaltazione della Santa Croce, il 14 settembre, anniversario appunto, della consacrazione della Chiesa del Santo Sepolcro in Gerusalemme.

FESTIVAL ORGANISTICO INTERNAZIONALE “CITTA’ di BERGAMO Bergamo lancia una nuova ricchissima edizione per invitare tutti a una festa di vera rinascita nel nome di una Luce faticosamente riconquistata Sei concerti – uno in più rispetto ai tradizionali cinque degli altri anni. Il programma dei concerti – venerdì 24 settembre alle ore 21 in Cattedrale.(Città Alta) all’Organo il Maestro Ben van Oosten (Olanda)- venerdì 1 ottobre ore 21 nella Chiesa di San Leonardo, all’Organo il Maestro Gianpaolo Di Rosa (Italia) – venerdì 8 ottobre ore 21 nella Chiesa “Alle Grazie” con il Maestro Christoph Schonfelder (Germania) – Venerdì 15 ottobre ore 21 in Basilica di Santa Maria Maggiore in Città Alta all’Organo il Maestro Thomas Ospital (francese) – venerdì 22 ottobre ore 21 nella Chiesa di S.Alessandro in Croce (Via Pignolo) all’Organo il Maestro Marina Tchebourkina (Russia) – venerdì 29 ottobre in Cattedrale (Città Alta) ultimo Concerto con il Maestro Jonathan Scott (Inghilterra). In internet puoi trovare tutto il programma più dettagliato. Ingresso libero e gratuito nel rispetto delle norme anti covid in vigore al momento del Concerto.

1321 (700 anni fa) la SCOMPARSA di: DANTE ALIGHIERI Il Sommo Poeta, Dante Alighieri, battezzato Durante di Alighiero degli Alighieri, nasce a Firenze tra il 21 maggio e il 21 giugno del 1265 (morto nella notte tra il 13 e 14 settmbre 1321 – 700 anni fa) da una famiglia della piccola nobiltà. In tutta Italia e in ogni Comune gli è stata dedicata una Via. Le sua vita è strettamente legata alle vicende politiche della città in cui vive che, al momento della sua nascita, era in procinto di divenire la più potente tra le città dell’Italia centrale. Nel 1250 l’ordine aristocratico era infatti stato sovvertito da un governo comunale di estrazione borghese, aprendo le strade a decenni di dure lotte tra la fazione guelfa, sostenitrice dell’autorità temporale papale, e quella ghibellina, fedele al primato politico dell’imperatore. Dopo una dominazione ghibellina durata più di sei anni, nel 1266, Firenze rientrò sotto l’autorità guelfa, che si divise però ben presto tra fazione bianca e nera. Stando alle notizie contenute nella “Vita Nova, il prosimetro autobiografico composto tra il 1292 e il 1293, Dante conobbe Beatrice nel 1274 all’età di nove anni, salvo poi rincontrarla solo nove anni dopo e perderla per sempre nel 1290. La Vita Nova, oltre a dare testimonianza della vicinanza alla poetica dello stilnovo, fornisce indicazioni importanti circa l’influenza della filosofia aristotelica e tomistica della sua formazione. Sin dal 1293 la sua vicinanza alla corrente dei guelfi bianchi comporta non pochi problemi: si trova infatti a difendere Firenze dalle ingerenze di Bonifacio VIII procurandosi, nel 1300, di essere convocato davanti a papa Caetani per rispondere dell’accusa di corruzione proprio quando a Firenze, con un abile colpo di mano, andavano al potere i guelfi neri. Condannato alla confisca dei beni, al rogo degli immobili e a morte qualora fosse rientrato su suolo fiorentino, Dante si trova all’improvviso a vivere la condizione di esule. Seguono lunghissimi anni di peregrinazioni, di speranze e di vette artistiche che lo conducono a Forlì, Bologna, Padova, nella Trevigiana, nella Lunigiana, nel Casentino, a Lucca, Parigi, Verona e, infine, a Ravenna, dove morì per malaria nella notte tra il 13 e 14 settembre 1321 (700 anni fa). La prima opera di Dante sono le Rime, una raccolta di poesie giovanili che testimoniano la vicinanza alla poetica stilnovistica e alle istanze cortesi, cui fanno seguito la già citata “Vita Nova”, il “Convivio”, un’opera in volgare rimasta incompleta il cui scopo era trattare i grandi temi della filosofia (cosmologia, metafisica, politica…), il ”De vulgari eloquentia”, un trattato linguistico atto a individuare, nel particolarismo linguistico italiano, un volgare da eleggere a lingua poetica, il “De monarchia”, sulle prerogative del potere secolare della papa e di quello imperiale, e, naturalmente, la “Divina Commedia, capolavoro poetico che consacrerà l’autore a imperitura memoria. Tra le opere minori possiamo ricordare le tredici “Epistole”, importanti per ricostruire gli anni dell’esilio, le ”Egloghe” e la “Quaestio de aqua et terra”.

BERGAMO: “I MAESTRI del PAESAGGIO” in PIAZZA VECCHIA: Si è aperta la XI edizione promossa da “I maestri del paesaggio” dal 9-26 settembre che ha come tema «Dalla natura alla natura: un viaggio nella città del futuro», con Nigel Dunnett, progettista, designer del paesaggio e «artista a tutti gli effetti» che è l’ospite internazionale al centro della manifestazione voluta da Arketipos e Comune di Bergamo. Piazza Vecchia è diventata così ancora una volta una «Green Square», trasformata in una prateria che qualcuno ha definito «un Monet» per le sue macchie vive di colore che galleggiano su una tavolozza di verdi un po’ sauvage, seguendo il progetto «gioioso, immersivo e ispirazionale» di Dunnett. Al centro degli allestimenti dei Maestri del Paesaggio Piazza Vecchia con 15 mila piante di 100 varietà diverse. Il progetto ha previsto che il 60% della sua superficie diventi una prateria. Altre Piazza di Bergamo Altra hanno cambiato volto e sono un invito per fare duee passi nella nostra bella città storica.

COME PUOI SAPERE SE UN UOVO è FRESCO? C’è un trucco per verificarne la reale freschezza delle uova che non tutti lo conoscono, nonostante sia molto utilizzato e antico. Basta immergere l’uovo in una ciotola d’acqua fresca. Se galleggia, è nocivo e non va mangiato, ma se invece va a fondo si può consumare perché è ancora fresco. Nel caso in cui l’uovo resti a metà, è preferibile consumarlo cotto. Questo metodo antico, ma efficace, ha una sua spiegazione tutt’altro che banale. Il guscio, essendo poroso, se ha trattenuto tanta aria da far galleggiare l’uovo, vuol dire che quell’uovo è in circolazione da tanto tempo. Insomma, un trucco facile e rapido per evitare brutte conseguenze, ma anche di buttare anche le uova a ridosso della scadenza, che potrebbero essere ancora fresche e quindi consumate.

SIGNIFICATO del NOMEDANTE” è: “perseverante, fermo, risoluto”. In Italia portano questo nome circa 47.724 persone di cui il 19,6% in Lombardia, 16,4% in Emilia Romagna, 9,3% nel Lazio e poi …

PROVERBI: “Per Santa Croce, pane e noce”

ACCADDE OGGI:
– 1224 San Francesco d’Assisi riceve le stigmate
1321 Muore a Ravenna (700 anni fa) Dante Alighieri, rientrando da Venezia passando nelle zone paludose delle Valli di Comacchio contrae la malaria
1886 Viene brevettato il nastro per la macchina per scrivere

GIORNATA NAZIONALE “IL CIBO” nella DIVINA COMMEDIA: all’INFERNO: La gastronomia entra a far parte della Commedia dantesca con significato decisamente negativo, il cibo viene considerato peccato di gola. Accompagna, da un lato, i ricchi nel quotidiano, dall’altro è considerato un miraggio per i poveri e per le pene imposte ai puniti, per cancellare una colpa, fare penitenza o purificarsi. Nell’Inferno dantesco, viene rappresentata una grande cucina dove i diavoli diventano raccapriccianti cuochi, comandano agli sguatteri di mettere a bagno la carne dei dannati affinché non emerga e prosegua la cottura fino a giungere a perfezione – nel PURGATORIO: troviamo in più punti l’alimentazione, vista come sbalordimento, confusione, fino all’angoscia delle anime, che giungono approdate nella spiaggia, per degustare nuove vivande. La metafora alimentare appare nella forma del pasto di cui si sazia l’anima, che nello stesso tempo avverte il senso di pienezza, di fame e di sete di Dio – PARADISO: ci troviamo di fronte al “pan degli angeli”. Dante si serve del cibo sotto forma di metafora. La golosità è consentita, porta all’appagamento, alla beatitudine, Santi e beati tengono conto delle schiere celesti, si sostengono cibandosi di estasi mistica, e si alimentano di verità soprannaturali. In questo caso la gola è lecita, è una golosità di benessere. Nel Paradiso cibarsi è fare festa, non è fonte di peccato, ma la ricompensa per una vita limpida. Nutrirsi è un’impresa di alto livello spirituale e ricopre un ruolo riconosciuto. Il cibo, quindi, si riveste di significati, nelle funzioni e nelle incarnazioni, nei riti e nei simboli.

SEI NATO OGGI: Hai un temperamento avventuroso: sei attratto dalle novità e dall’esplorazione. Probabilmente la tua vita si svolgerà assai lontano dal luogo in cui sei cresciuto: potrai avere molti successi ma, perlomeno inizialmente, anche qualche difficoltà economica. La vita affettiva è movimentata e se deciderai di legarti, lo farai in età matura.

L’almanacco di oggi lo trovi anche su Google News


Print Friendly, PDF & Email