NECROLOGIE DI OGGI 17 MARZO 2022

I SANTI del GIORNO
San PATRIZIO Vescovo. Apostolo del Vangelo tra il popolo irlandese oggi in festa nazionale (Saint Patrick’s Day) patrono degli Ingegneri e dei minatori. Consacrò monaca Santa BRIGIDA d’Irlanda la cui sua presenza tra i minatori/carcerati nelle miniere locali ha dato il nome alla località in alta Valle Brembana. Il colore del Santo è il verde. Oggi è tradizione mondiale bere birra di colore verde (vedi note) – Santa GERTRUDE Badessa – La Chiesa celebra la Festa di altri SANTI e BEATI

*

AFORISMA del GIORNO
Certe cose si capiscono solo dopo. Molto dopo. Troppo dopo.

*

IL PENSIERO del GIORNO
Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, abbi misericordia di noi peccatori! Signore Gesù, nato sotto le bombe di Kiev, abbi pietà di noi! – Signore Gesù, morto in braccio alla mamma in un bunker di Kharkiv, abbi pietà di noi! – Signore Gesù, mandato ventenne al fronte, abbi pietà di noi! Signore Gesù, che vedi ancora le mani armate all’ombra della tua croce, abbi pietà di noi! – Perdonaci Signore, se non contenti dei chiodi con i quali trafiggemmo la tua mano, continuiamo ad abbeverarci al sangue dei morti dilaniati dalle armi. Perdonaci, se queste mani che avevi creato per custodire, si sono trasformate in strumenti di morte. – Perdonaci, Signore, se continuiamo ad uccidere nostro fratello, se continuiamo come Caino a togliere le pietre dal nostro campo per uccidere Abele. – Perdonaci, se continuiamo a giustificare con la nostra fatica la crudeltà, se con il nostro dolore legittimiamo l’efferatezza dei nostri gesti. – Perdonaci la guerra, Signore. – Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, ti imploriamo! Ferma la mano di Caino! Illumina la nostra coscienza, non sia fatta la nostra volontà, non abbandonarci al nostro agire! Fermaci, Signore, fermaci! – E quando avrai fermato la mano di Caino, abbi cura anche di lui. – È nostro fratello. O Signore, poni un freno alla violenza! Fermaci, Signore!”. (Papa Francesco)

*

161° ANNIVERSARIO dell’UNITA’ d’ITALIA
Questa ricorrenza cade annualmente e celebra l’Unità d’Italia, avvenuta in seguito alla proclamazione del Regno d’Italia del 17 marzo 1861 a Torino. La completa unificazione del territorio nazionale avvenne però solo negli anni seguenti: nel 1866 vennero annessi il Veneto e la provincia di Mantova, nel 1870 il Lazio e nel 1918 il Trentino-Alto Adige e la Venezia Giulia. A tal proposito, venne anche istituita la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, che viene celebrata annualmente il 4 novembre ricordando la vittoria italiana nella prima guerra mondiale, evento bellico considerato completamento del processo di unificazione risorgimentale. L’anniversario dell’Unità d’Italia ricorda la promulgazione della legge n. 4671 del Regno di Sardegna con la quale, il 17 marzo 1861, in seguito alla seduta del 14 marzo dello stesso anno della Camera dei deputati nella quale fu approvato il progetto di legge del Senato del 26 febbraio 1861, Vittorio Emanuele II proclamò ufficialmente la nascita del Regno d’Italia, assumendone il titolo di re d’Italia per sé e per i suoi successori. Istituita come festività civile con la legge n. 222 del 23 novembre 2012, con “l’obiettivo di ricordare e promuovere i valori di cittadinanza, fondamento di una positiva convivenza civile, e di riaffermare e consolidare l’identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica”. L’Inno d’Italia, il canto degli italiani scritto da Goffredo Mameli e musicato da Michele Novaro nel 1847, la bandiera d’Italia, conosciuta anche come il tricolore, tutta la storia che dal Risorgimento ha condotto il nostro paese alla nascita della Repubblica e alla Costituzione, sono alcuni dei momenti da ricordare e commemorare in questa data.
*

IL POZZO di SAN PATRIZIO
In seno alle religioni antiche i pozzi furono spesso ricollegati alle divinità che li custodivano come fonte di vita e ingresso al cuore della terra. Con l’avvento del Cristianesimo molti pozzi furono cristianizzati e chiamati con nomi di santi. Una storia a sé stante è quella del Pozzo di S. Patrizio, entrato da secoli a far parte dell’immaginario comune come metafora di infinita ricchezza. Da cosa nasce questa immagine? Secondo una leggenda medioevale, il cosiddetto pozzo di san Patrizio era una caverna molto profonda che si trovava su un isolotto del Lough Derg, nell’Irlanda nord-occidentale. Qui San Patrizio era solito ritirarsi in preghiera e si narra che Cristo gli aveva indicato la caverna per far vincere l’incredulità dei fedeli poco convinti a proposito delle pene dell’aldilà: chi fosse riuscito a raggiungerne il fondo, superando una serie infinita di prove, avrebbe ottenuto la remissione dei peccati e l’accesso a un luogo di delizie e infine al Paradiso. L’isola del Lough Derg è meta di moltissimi pellegrini ancora oggi, ma la grotta fu chiusa nel 1457 per ordine di Papa Alessandro VI.
*

La BIRRA VERDE di San PATRIZIO
Il 17 marzo si celebra il Saint Patrick’s Day, la Festa di San Patrizio, santo patrono d’Irlanda,e  per l’occasione, si beve la famosa birra verde. Festival, concerti, musica live in molti pub e locali, per quanto catturino centinaia di migliaia di persone, sembrano aver messo in secondo piano il vero senso della ricorrenza, che per moltissimi secoli ha avuto un’impronta quasi esclusivamente religiosa in Irlanda. Da quel lontano 17 marzo del 461- giorno in cui morì il santo- sempre più comunità nel mondo hanno iniziato a vedere in questa data l’occasione per creare una giornata dai toni folcloristici. Risultato? Ben presto diventata sinonimo di Festa della Birra e divertimento, in cui si indossa categoricamente qualcosa di verde, per richiamare i paesaggi gaelici mozzafiato. In tutti e 6 i continenti, addirittura, i principali monumenti delle città vengono illuminati di verde, in onore di San Patrizio. Tributo a cui l’Italia partecipa colorando il Colosseo, la Torre di Pisa, la Mole Antonelliana a Torino e la Villa reale di Monza e a BERGAMO Porta San Giacomo. Ma soprattutto, non si bada al limite della birra verde, che si consuma esclusivamente per quest’occasione.
*

FINE DELLO STATO DI EMERGENZA
La fine dello stato di emergenza che oggi il Governo ha ufficializzato, insieme con l’allentamento delle restrizioni, scrive finalmente una pagina positiva della storia della pandemia Covid 19, che da due anni ha messo sotto scacco la nostra regione e il mondo intero. La Lombardia ne era stata investita per prima e per prima ha dovuto combattere e reagire”. A celebrare il passo dell’Esecutivo è il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. “Abbiamo sofferto, ma grazie all’impegno straordinario delle donne e degli uomini delle nostre strutture sanitarie, alla sinergia con gli amministratori locali, al Terzo settore e soprattutto al grande senso di responsabilità dei Lombardi – prosegue Fontana – siamo riusciti non solo a rialzarci, ma anche a mettere a disposizione le nostre ‘best practice’ al resto d’Italia e a tutto il mondo”. “Ora andiamo verso un ritorno alla normalità – conclude Fontana – e sono certo che i nostri cittadini riusciranno a far tesoro dell’esperienza avuta e a mantenere comportamenti virtuosi. Colgo l’occasione per ringraziare, ancora una volta, tutti e mi auguro che presto possa concludersi anche la pagina oscura della guerra in Ucraina, per riacquistare quella serenità che tutti meritiamo”.
*

ARRIVA lo SCIOPERO dei CAMIONISTI
Il caro carburanti preoccupa e non poco i cittadini ma una delle categorie più colpite, con drammatiche conseguenze a catena sul resto delle attività, è quella degli autotrasportatori. La minaccia di un blocco dei camion per protestare contro il caro benzina diventa concreta e dopo le proteste spontanee avvenute nei giorni scorsi, le federazioni aderenti ad Unatras, hanno annunciato un fermo dal prossimo 4 aprile. Gli autotrasportatori chiedono un “diretto interessamento della Presidenza del Consiglio al fine di individuare le soluzioni possibili che producano un tetto massimo del prezzo dei prodotti energetici, come avvenuto in altri settori produttivi ed energivori”. Se nelle prossime settimane non dovessero arrivare dei nuovi provvedimenti, il rischio è che il prossimo 4 aprile il “blocco totale” diventi realtà.
*

QUANDO la PASQUA?
Questa notte ci sarà la luna piena ma secondo il calendario astrologico arriva prima del 20 marzo cioè prima dell’Equinozio di Primavera per cui bisogna aspettare la prossima luna piena tra 30 giorni. La Pasqua si celebra la domenica successiva alla prima luna piena dopo l’Equinozio di Primavera e quest’anno sarà ad aprile. Se il Natale si festeggia sul “solstizio d’inverno” cioè sul sole, la Pasqua si festeggia sulla Luna piena dopo l’equinozio di primavera. Il cielo grigio di questa notte non ci permetterà di vedere la Luna piena di marzo.
*

I TURNI delle FARMACIE:
TURNO DIURNO durante il giorno, per sapere i turni si può chiamare il Numero Verde Gratuito 800.356114 “Pronto Farmacie” attivo 24 ore su 24.
TURNO NOTTURNO: (da questa sera ore 21 a domani 18 marzo 2022 alle ore 9,00): Albino Farmacia Bondo Betello – Almenno San Bartolomeo (fino le ore 24) – Ardesio – BERGAMO Farmacia Via Gombito 10 (Città Alta) – Castelli Calepio Farmacia di Tagliuno – Cavernago (fino alle ore 24) – Credaro – Fiorano al Serio – Martinengo – Oltre il Colle – Presezzo – San Pellegrino Terme Farmacia “alla Fonte” – Trescore Balneario – TREVIGLIO Farmacia Comunale 3 Viale Piave – Treviolo Farmacia di Albegno (fino le ore 24) – Vilminore di Scalve – Zanica.
CONTINUITA’ ASSISTENZIALE (ex Guardia Medica) tel. 116117 attivo dalle ore 20 alle ore 8 nei giorni lavorativi – 24 ore su 24 nei giorni di sabato e domenica (fino le ore 8 di lunedì) e festivi.

*

BERGAMO e i GRANDI BERGAMASCHI
ANTON MARIA BORGA nato a Locarno il 25 marzo 1723 – morto a Venezia nel 1768 è stato un prete e letterato italiano. La Città di Bergamo gli ha intestato un Via. La sua famiglia ha origini di Zogno in Valle Brembana, dove proseguì i suoi studi a Bergamo e a Milano, vestì l’abito clericale e studiò teologia sino a conseguire il titolo di dottore. Terminati gli studi e ordinato prete dal vescovo di Como, monsignor Cernuschi, il Borga risiedette per alcuni anni sempre nel Bergamasco, prima a Cavernago, che era un feudo della famiglia Martinengo Colleoni, dove ebbe l’ufficio di rettore, e poi a Lepreno dove restò dal 1755 al 1768 come parroco dell’antichissima chiesa madre di quel paese. Borga ebbe diverse contese con il suo sostituto e con i parrocchiani di Lepreno per via della sua noncuranza e prodigalità e il 2 marzo 1768 fu quindi costretto a rinunciare all’incarico per ordine del vice capitano di Bergamo. A Milano conobbe Baretti, da poco rientrato dall’Inghilterra, del quale divenne amico per qualche tempo. Quest’amicizia non rimase senza effetto su quella che è da considerare la sua opera più importante e riuscita, in cui poté meglio sfogare il suo umore bizzarro e smanioso di novità e di rinomanza. L’Opera fu stampata dal bergamasco Serassi. L’amicizia col Baretti durò poco tempo, lo accusò di avergli rubato una borsa contenente del denaro; lo accusò che era un ladro di professione, avendo derubato due corrieri, nonché i parrocchiani di Lepreno. Nella stessa nota s’insinua anche che tutta la vita del poeta bergamasco era dissoluta e che di ciò era convinto lo stesso suo vescovo Antonio Redetti che mai gli avrebbe rilasciato “una buona fede de vita et moribus”. A sua volta, il Borga accusò il Baretti di averlo diffamato presso i suoi amici di Milano. Trascorse alcuni anni anche nel Veneto e a Venezia dove conobbe il Goldoni. È inutile ricordare quale peso abbiano le parole in queste polemiche letterarie del ‘700. Ciò non toglie che la vita del Borga si sia svolta al limite tra quella del letterato e quella dell’avventuriero, come è forse provato anche dalla morte che lo raggiunse a soli quarantacinque anni e a cui non dovette essere estranea la sua vita disordinata. Trascorse i suoi ultimi anni a Venezia dove morì nel 1768 in estrema indigenza.
*

ACCADDE OGGI
1861 Nasce il Regno d’Italia e Re Vittorio Emanuele II vine eletto Re d’Italia
*

SIGNIFICATO del NOME
PATRIZIO Proviene dal sostantivo romano Patricius, che, a sua volta, deriva da pater, con il chiaro significato di “padre”. Il termine patricius, di tarda origine latina, veniva utilizzato per definire le persone che potevano essere elette in Senato. Per questo motivo il significato di Patrizio è “di nobile stirpe. In Italia portano questo nome circa 17.591 persone di cui il 15,2% in Toscana e il 14,5% in Lombardia.
*

L’ANGOLO della LETTURA
FABBRICANTE di LACRIME – Autore Erin Doon – Narrativa 682 pagine – costo € 15,90 – Trama: Tra le mura del Grave, l’orfanotrofio in cui Nica è cresciuta, si raccontano da sempre storie e leggende a lume di candela. La più famosa è quella del fabbricante di lacrime, un misterioso artigiano dagli occhi chiari come il vetro, colpevole di aver forgiato tutte le paure e le angosce che abitano il cuore degli uomini. Ma a diciassette anni per Nica è giunto il momento di lasciarsi alle spalle le favole tetre dell’infanzia. Il suo sogno più grande, infatti, sta per avverarsi. I coniugi Milligan hanno avviatole pratiche per l’adozione e sono pronti a donarle la famiglia che ha sempre desiderato. Nella nuova casa, però, Nica non è da sola. Insieme a lei viene portato via dal Grave anche Rigel, un orfano inquieto e misterioso, l’ultima persona al mondo che Nica desidererebbe come fratello adottivo. Rigel è intelligente, scaltro, suona il pianoforte come un demone incantatore ed è dotato di una bellezza in grado di ammaliare, ma il suo aspetto angelico cela un’indole oscura. Anche se Nica e Rigel sono uniti da un passato comune di dolore e privazioni, la convivenza tra loro sembra impossibile.
*

L’ANGOLO degli AVVENIMENTI
BERGAMO – Teatro Donizetti – dal 17 al 20 marzo – “Bergamo Jazz Festival” pre-vendita ticket
BERGAMO – Cattedrale – 19 marzo ore 21 – Festival Organistico Internazionale – Concerto – Ingresso libero
BERGAMO – Bosco della Memoria alla Trucca – 18 marzo ore 12 – Commemorazione delle Vittime da Covid19 –
BERGAMO – Chiesa di Ognissanti Cimitero di Bergamo – 18 marzo ore 15,30 – Santa Messa in ricordo delle Vittime da Covid. Concelebrazione Mons. Pelucchi.
BERGAMO – Accademia Carrara – 18 marzo ore 16,45 – presentazione del libro “La memoria e il domani” di Fabiana Tinaglia
BERGAMO – Auditorium P.za Libertà – dal 18 al 19 marzo ore 9, 30 e 11,00 – School Jazz – “Incontriamo il Jazz – riservato a studenti e insegnanti
BERGAMO – Chiesa di San Giuseppe Via Garibaldi – dal 17 al 19 marzo – celebrazioni in onore del Santo – il 19 alle ore 16,30 elevazione musicale –
BERGAMO – Spazio Polaresco – 18 marzo ore 19 – “Effetto Carsico” ospite il trombettista Mirko Cisilino (BergamoJazz)
BERGAMO – Cattedrale – 18 marzo ore 11 – Concerto in occasione della “Giornata Nazionale in ricordo delle Vittime da Covid” – su invito
BERGAMO – Creberg Teatro – dal 18 al 20 marzo ore 21 – “Non ci resta che ridere” con “I Legnanesi”
BERGAMO – Ex Chieda della Maddalena Via S. Alessandro – 17 marzo ore 15 – Inaugurazione della Mostra di Jimmi Katz “ Jazz exhibition”
BERGAMO – Sala Civica Cooperativa Vic. S.Agata – 18 marzo ore 20,45 – presentazione del libro: “Il più crudele dei mesi” di Gigi Riva
BERGAMO – ARIBI – 20 marzo ore 9 – “Pedalata per la pace” – ritrovo P.le Cittadella dello Sport in Via Gleno – info 338.8401535
COLZATE – Santuario di San Patrizio – dal 18 al 20 marzo – Esposizione straordinaria delle tavolette “ex voto” dal 1600 al 1800

*

L’ANGOLO del CINEMA
MORBIUS – critica non pervenuta – durata 108 minuti – consigliato +13 anni – trama: Biologo geniale, Michael Morbius è tormentato da una malattia degenerativa del sangue, molto rara, che peggiora sempre più velocemente e minaccia di portarlo in breve tempo fino alla morte. Convinto che solo dalla biologia potrebbe trarre una cura per la sua condizione, Michael decide di tentare il tutto per tutto per guarire e sottoporsi a una temeraria contaminazione vampirica con dei pipistrelli. Il contatto coi chirotteri in qualche modo guarisce effettivamente la sua patologia ma ha anche delle conseguenze totalmente inattese sulla sua struttura biologica. Morbius diventa un essere a metà tra l’umano e il vampiro, preda di un’incontrollabile voglia di sangue – che diventa il suo unico alimento – ma anche del continuo timore di poter essere causa di dolore e sofferenza per le altre persone e ovviamente dal senso di colpa per ciò che fa quando è preda della sete di sangue.

*
L’ANGOLO della CUCINA
INVOLTINI nella TRADIZIONE ITALIANA sono costituiti da un alimento o un insieme di alimenti avvolti in una fettina di carne o pesce, in una larga foglia di un vegetale oppure inseriti all’interno di pasta e poi cotti. Ecco alcune tradizioni locali: Abbuticchio – involtino di trippa di pecora, tipico di Torrice, in Lazio – Bombette – involtini di carne fresca di maiale ripieni solitamente di formaggio, sale e pepe, tradizionalmente nati in Puglia – Braciola di capra involtino di carne di capra, ripieno di erbe aromatiche e formaggio pecorino, tipico della Campania – Brasciole involtini di carne di cavallo (o, in alcuni casi, di vitello) tradizionalmente preparati in Puglia – Caponèt involtino di cavolo verza, carne suina e pangrattato, tipico del Piemonte – Gnummareddi involtini di interiora stretti all’interno del budello di agnelli oppure di capretti insieme a qualche foglia di prezzemolo gigante e carosello (semi di finocchio selvatico), tipici della Puglia – Involtini di Fénis involtini di carne di vitello ripieni di mocetta e fontina, tipici della Valle d’Aosta involtini di Sannicandro, preparati con le interiora di agnello: fegato, cuore, polmone, retina e budelline – Saltimbocca involtini di carne di vitello rivestito o condito con prosciutto crudo e salvia, marinato nel vino bianco, olio o acqua salata.

*

SEI NATO OGGI?
Le persone nate in queste date non avranno praticamente mai problemi finanziari. Sapete come fare i soldi e soprattutto come spenderli. Lavorate molto, siete persone serie e riuscite sempre a raggiungere i vostri obbiettivi. Interessati di finanza, progresso e beni materiali, avete la necessità di organizzare, per avere successo. Le vostre potenzialità si esprimono al meglio quando avete degli obiettivi ben chiari. Siete generosi, comprensivi e attivi. Dotati di una mente vulcanica e da un fisico sempre in movimento. Detestate le perdite di tempo e chi ve lo fa perdere. Innate capacità di giudizio, padronanza e capacità di esercitare l’autorità.

*

A BERGAMO e in PROVINCIA
Il SOLE sorge alle ore 06.27 e tramonta alle ore 18.32– Durata del giorno ore 12.05 (+3 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte ore 11.55 (-3 minuti rispetto a ieri) – Siamo nell’Equinozio di Primavera. La LUNA crescente (visibile al 96%) sorge oggi alle ore 17.34 e tramonta domani alle ore 06.55.

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,