NECROLOGIE DI OGGI 16 MARZO 2022

IL GIORNO VINCE sulla NOTTE
A BERGAMO e in PROVINCIA: Il SOLE sorge alle ore 06.29 e tramonta alle ore 18.31– Durata del giorno ore 12.02 (+3 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte ore 11.58 (-3 minuti rispetto a ieri). Siamo entrati nell’Equinozio di primavera 2022.

*

I SANTI del GIORNO
Sant’ERIBERTO Vescovo – Sant’EUSEBIA Badessa – Santi ILARIO e TAZIANO martiri – San GIULIANO martire – La Chiesa celebra la Festa di altri 8 SANTI e 7 BEATI

*

AUGURI di BUON COMPLEANNO – AUGURI di BUON ONOMASTICO

*

AFORISMA del GIORNO
Sono grato alle persone che mi hanno detto di no. E grazie a loro se sono quello che sono (A. Einstein)

*

IL “PENSIERO” del GIORNO
“Servire e dare la vita in riscatto per molti”. L’ascolto, che anima il servizio, ci pone nell’ atteggiamento della comunione e della serena reciprocità, ci apre al desiderio di regalare la bellezza della propria esistenza al fratello per renderlo autentico e fiducioso nel cammino della sua storia quotidiana. In questo è aiutato a superare le proprie chiusure. Infatti nel rapporto fraterno il vero servizio porta ad una comunione di sensibilità e di destino. Qui troviamo il fascino della vera fratellanza di cuori. Padre, quando ci lasciamo attirare dall’incarnazione del tuo Figlio, ci accorgiamo che la nostra esistenza deve essere come la sua: ascoltare l’uomo per imparare ad essere uomini. Nell’accoglienza dell’altro nella sua vera identità noi stessi maturiamo giorno per giorno. In Gesù il donare la vita si ritraduce nel costruire la comunione con ciascuno di noi perché possiamo riscoprirci sempre più vicini a te nella creatività propria dello Spirito Santo nella luminosità di ritrovarci sempre più uomini. Amen – – (a cura di Mons. Antonio Donghi)

*

LA MANCANZA DI PIOGGIA METTE IN CRISI LA LOMBARDIA
Lo scorso anno, in questo periodo, eravamo in “zona rossa”, non si poteva sciare e le montagne erano piene di neve, i laghi erano pieni d’acqua così anche i bacini d’alta montagna. Quest’anno a BERGAMO non piove praticamente più. Il 2022 è iniziato da 75 giorni e quelli bagnati dalla pioggia sono stati solo 5. L’ultima precipitazione risale quasi a un mese fa (il 19 febbraio) e la situazione non è destinata a cambiare tanto rapidamente, anzi. “Purtroppo non si intravedono ancora piogge sostanziali nei prossimi 8-10 giorni. C’è il concreto rischio che anche marzo possa chiudersi in pesante siccità senza piogge significative”, ha detto il meteorologo dell’aeroporto di Orio al Serio nelle sue previsioni. La causa di questa siccità è un anticiclone anomalo in blocco da dicembre sull’Europa occidentale che sbarra la strada delle piovose perturbazioni atlantiche sul Nord Italia. “I fronti sono costretti a passare sul Nord Europa per poi ripiegare verso quella orientale – ha puntualizzato Ferrara -. La coda dei fronti riesce così periodicamente a produrre precipitazioni al Centrosud, specie lato Adriatico, e sporadicamente sul Nordest, ma il Nordovest rimane sempre a secco, complice anche lo sbarramento delle Alpi”. Meno piogge e meno neve e a soffrire è un intero sistema. Alla fine di febbraio, secondo quanto comunicato da Arpa Lombardia, le riserve idriche costituite dall’acqua contenuta nei grandi laghi e negli invasi artificiali, erano il 53,5 per cento in meno rispetto alla media del periodo tra il 2006 e il 2020. Se nelle prossime settimane non arriveranno precipitazioni in grado di riempire gli invasi (secondo i dati Arpa il manto nevoso sulle montagne è inferiore dell’11,6% rispetto alla media degli anni scorsi) la siccità potrebbe intaccare la produzione degli impianti idroelettrici. Tradotto? Potrebbe essere a rischio la produzione di una quota di energia da qui fino al prossimo autunno.

*

OSPITARE i PROFUGHI UCRAINI
Chi volesse ospitare i profughi ucraini in arrivo in casa propria ha diversi mezzi per farlo. I Comuni di diverse città hanno attivato varie modalità per poterlo fare, anche in collaborazioni con associazioni e organizzazioni come Caritas o Croce Rossa. In generale, i cittadini italiani che intendono accogliere ucraini in fuga, devono rivolgersi alla prefettura del proprio Comune, o comunque monitorare i siti della propria città, della propria Regione e delle principali organizzazioni che vi operano per vedere se sono state attivate iniziative specifiche. Non accogliete persone senza aver coordinato la vostra buona disponibilità con gli Enti preposti (dal permesso di ospitalità, al contratto di gestione, ecc…). In Lombardia, anche Caritas ha attivato una procedura attraverso cui segnalare la propria disponibilità a ospitare sfollati in fuga dall’Ucraina. I privati, insieme alle parrocchie e agli istituti religiosi del capoluogo lombardo, possono indicare la volontà di accogliere i profughi alla Caritas Diocesi o alla propria Parrocchia. Vanno indicati nome e cognome, contatto telefonico, dove si trova l’abitazione, quante persone possono essere ospitate, per quanto tempo e gli eventuali costi. Non fate le cose senza le dovute informazioni e garanzie.

*

La CICLOVIA BERGAMO-BRESCIA
La ciclovia dei sogni collegherà Bergamo e Brescia, lungo un percorso unificato di circa 75 chilometri: e potrebbe essere pronta, o quasi, in tempo per celebrare le due città quali capitali della cultura (nel 2023). I primi passi del progetto sono stati svelati solo pochi giorni fa: Brescia e Bergamo, ovviamente, sono i Comuni capofila, ma saranno affiancati dai due enti provinciali (Provincia di Brescia e Provincia di Bergamo) coinvolgendo in tutto una trentina di paesi. Si chiamerà, manco a dirlo, “Ciclovia culturale”: sarà questa la “guida” del progetto, fanno sapere da Brescia e Bergamo, “un filo che permetta di fare un’esperienza di immersione nel paesaggio culturale fra le due città”. A partire dai tanti siti che sono patrimonio Unesco (le mura venete di Bergamo, Santa Giulia e il Capitolium a Brescia), e poi castelli, monasteri, ville, centri storici, borghi e cascine, e ancora i musei, gli insediamenti di archeologia industriale, le aree naturali, paesaggi enogastronomici, i grandi e i piccoli laghi. La linea è già tracciata, simbolica: da Bergamo e Brescia passando per il Sebino. Il percorso potrà così collegarsi alle ciclabili già esistenti di Val Brembana, Val Seriana, Val Cavallina e Val Calepio, a parchi naturali e Plis come il Parco Serio Nord, il Plis del Malmera, il Parco regionale del Serio, il Parco Oglio Nord, le Torbiere del Sebino, la Franciacorta, il Plis delle colline di Brescia.

*

GIORNATA MONDIALE del PANDA
Per oltre 50 anni è stato l’icona globale delle specie in estinzione e il simbolo del WWF. Dal 2016, grazie alle politiche di conservazione, il panda gigante è stato declassato, diventando una specie vulnerabile. ggi, in alcune parti del mondo, ricorre la Giornata del Panda, una festa per celebrare l’iconico urside e ricordare l’importanza della tutela dell’ambiente. Secondo l’ultimo censimento del WWF sono esattamente 1.864 gli esemplari di panda rimasti nelle foreste della Cina, a cui si aggiungono i 300 esemplari circa nelle strutture e riserve mondiali (in Cina oltre due terzi di questi).

*

1978 – IL SEQUESTRO di ALDO MORO
44 anni fa avvenne l’agguato sanguinario ad Aldo Moro e alla sua scorta. La tormentata prigionia. La condanna a morte. Tutto in 55 giorni, i più lunghi della storia della Repubblica italiana, che segnarono il passaggio tra due epoche e il tramonto di un progetto politico che, forse, avrebbe potuto scrivere un futuro diverso per il Paese. La mattina di giovedì 16 marzo Moro era atteso alla Camera, dove Andreotti avrebbe dovuto presentare il nuovo governo con il sostegno, per la prima volta, dei comunisti. Alle 9 scese dalla sua abitazione romana e salì a bordo della Fiat 130 blu di ordinanza, seguita dall’Alfetta bianca della scorta. All’incrocio tra via Fani e via Stresa, ad attenderlo un commando di 19 brigatisti (11 secondo un’altra versione), armati di mitragliette automatiche e pronti a far scattare un agguato in pieno stile RAF (gruppo terroristico tedesco di estrema sinistra).

*

I TURNI delle FARMACIE:
TURNO DIURNO durante il giorno, per sapere i turni si può chiamare il Numero Verde Gratuito 800.356114 “Pronto Farmacie” attivo 24 ore su 24.
TURNO NOTTURNO: (da questa sera ore 21 a domani 17 marzo 2022 alle ore 9,00): Albino Farmacia Bondo Betello – Almenno San Bartolomeo (fino le ore 24) – Ardesio – BERGAMO Farmacia Via Gombito 10 (Città Alta) – Capizzone – Castelli Calepio Farmacia di Tagliuno – Cavernago (fino alle ore 24) – Credaro – Fiorano al Serio – Martinengo – Oltre il Colle – Presezzo – San Pellegrino Terme Farmacia “alla Fonte” – Schilpario – Trescore Balneario – TREVIGLIO Farmacia Comunale 3 Viale Piave – Treviolo Farmacia di Albegno (fino le ore 24) – Zanica.
CONTINUITA’ ASSISTENZIALE (ex Guardia Medica) tel. 116117 attivo dalle ore 20 alle ore 8 nei giorni lavorativi – 24 ore su 24 nei giorni di sabato e domenica (fino le ore 8 di lunedì) e festivi.

*

BERGAMO e i GRANDI BERGAMASCHI
EVARISTO BASCHENIS nato a Bergamo il 7 dicembre 1617 – morto a Bergamo il 16 marzo 1677 (345 anni fa) è stato uno dei più insigni pittori bergamaschi del 600. La Città di Bergamo gli ha intestato una Via. E’ stato possibile risalire alla data di nascita grazie al ritrovamento dell’atto di Battesimo presso la Parrocchia di Sant’Alessandro in Colonna che certifica anche il nome del padre, Simone e della madre, Maddalena Francesca Volpi. La famiglia Baschenis, originaria di Averara, nell’alta Val Brembana, ebbe una lunga tradizione in campo artistico tanto è vero che taluni suppongono che il collaboratore di Evaristo, firmante B.B., altri non sia che il fratello Bartolomeo. Baschenis prese gli ordini tra il 1640 e il 1643 e proprio in questi anni che dovette iniziare l’attività pittorica del “Prevarisco”, subito dopo il passaggio alla condizione di ecclesiastico, senza che se ne conosca, a tutt’oggi, né il maestro che lo avviò alla professione né l’iter formativo. La sua vita di sacerdote gli consentì comunque di viaggiare e di esercitare la sua attività artistica con il massimo della libertà e della disponibilità di tempo, essendo egli tra l’altro in buone condizioni economiche. Baschenis si applicò quasi esclusivamente al genere della Natura morta, cucine e soprattutto strumenti musicali; questi ultimi sono gli unici attori della scena rappresentata, dal momento che Baschenis aboliva nelle sue opere la figura umana. L’interesse per gli strumenti musicali è dovuto al fatto che Evaristo era un musicista, come dimostra il suo autoritratto nel Trittico Agliardi; inoltre è storicamente accertato che la pratica musicale, associata alla poesia, alla letteratura e alla storia, era allora diffusa nelle famiglie agiate bergamasche. Il lavoro più prestigioso e impegnativo di Baschenis fu quello realizzato per la biblioteca del monastero di San Giorgio Maggiore a Venezia. Importanti scoperte archivistiche, volte ad illuminare la sua vita e la sua attività artistica, sono il testamento olografo del pittore; l’inventario dei suoi beni e della sua collezione di dipinti; la nota della vendita di quanto conservato nella sua casa-bottega al momento della morte, sopraggiunta il 16 marzo 1677. Alcune sue opere si possono ammirare presso l’Accademia Carrara di Bergamo.

*

SIGNIFICATO del NOME
ERIBERTO: Nome di origine germanica composto con harja “popolo in armi, esercito” e con berhta “illustre famoso”: il significato è quindi “illustre nel suo esercito”. Oggi Sant’Eriberto – In Italia portano questo nome circa 363 persone di cui il 55,7% in Lombardia.

*

PROVERBI
“Non tenere il piede in due scarpe”
“Ballare è la poesia dei piedi”
“Tieni i piedi per terra”
“L’oro non compra tutto”
“A mali estremi, estremi rimedi”

*

L’ANGOLO della LETTURA
La SCELTA di Walter Veltroni – Editore Rizzoli – pag. 240 – costo € 18,50 – Trama: Siamo a Roma, nei giorni afosi del luglio 1943. In una casa di un quartiere popolare, Margherita, quattordici anni, diventa donna e si sente sola. Suo fratello Arnaldo, diciottenne ribelle, è ormai lontano. La madre Maria cerca il cibo per sfamare la famiglia. Il padre Ascenzo, usciere all’agenzia di stampa Stefani, accudisce con devozione personale e politica il fascistissimo presidente Morgagni. Padre e figlio sono nemici. Nemici che si vogliono bene. Ma nemici. Margherita è smarrita, la paura che tracima dal cuore. Intanto arrivano giorni decisivi per il destino dell’Italia: la convinzione che la città eterna, con i suoi simboli, sia intoccabile va in frantumi. È luglio, il sole riscalda le strade, ma all’improvviso il cielo si oscura. A San Lorenzo piovono bombe. Mentre il mondo di prima scompare, ogni membro della famiglia De Dominicis deve fare i conti con un presente che scaglia l’uno contro l’altro. In sei giorni Roma è bombardata dagli Alleati e Mussolini cade. La Storia corre veloce e mette tutti con le spalle al muro.

*

L’ANGOLO degli AVVENIMENTI
BERGAMO – Teatro Donizetti – dal 17 al 20 marzo – “Bergamo Jazz Festival” pre-vendita ticket
BERGAMO – Cattedrale – 19 marzo ore 21 – Festival Organistico Internazionale – Concerto – Ingresso libero
BERGAMO – Sale delle Carte Centro Culturale “Alle Grazie” – 17 marzo ore 17,30 – “Beppe Fenoglio” (1922-19639 – Relatore Angelo Bendotti Presidente ISREC
BERGAMO – Auditorium P.za Libertà – dal 17 al 9 marzo ore 9, 30 e 11,00 – School Jazz – “Incontriamo il Jazz – riservato a studenti e insegnanti
BERGAMO – Chiesa di San Giuseppe Via Garibaldi – dal 17 al 19 marzo – celebrazioni in onore del Santo – il 19 alle ore 16,30 elevazione musicale –
BERGAMO – Cattedrale – 18 marzo ore 11 – Concerto in occasione della “Giornata Nazionale in ricordo delle Vittime da Covid” – su invito
BERGAMO – Creberg Teatro – dal17 al 20 marzo ore 21 – “Non ci resta che ridere” con “I Legnanesi”
BERGAMO – Teatro Sant’Andrea – 17 marzo ore 18 – Concerto. Tania Giannouli
BERGAMO – Biblioteca Tiraboschi – 17 marzo ore 17,30 – Incontro con gli Autori del Premio Naz. Narrativa : “Invulnerabile altrove”
BERGAMO – Ex Chieda della Maddalena Via S. Alessandro – 17 marzo ore 15 – Inaugurazione della Mostra di Jimmi Katz “ Jazz exhibition”
BERGAMO – Teatro Sociale – 17 marzo ore 21 – Concerti di Vijay Lyver
BERGAMO – ARIBI – 20 marzo ore 9 – “Pedalata per la pace” – ritrovo P.le Cittadella dello Sport in Via Gleno – info 338.8401535
COLZATE – Santuario di San Patrizio – dal 17 al 20 marzo – Esposizione straordinaria delle tavolette “ex voto” dal 1600 al 1800
DALMINE – Biblioteca Civica – 17 marzo ore 21 – “Un futuro migliore per la nostra specie” Relatore Prof. Dott. Giuseppe Remuzzi
ROMANO di LOMBARDIA – Teatro Rubini – 17 marzo ore 15 – “Pier Paolo Pasolini” – incontro culturale
URGNANO – Cinema Cagnola – 17 marzo ore 20,45 – Cineforum “Al pozzo di Sicar”

*

L’ANGOLO del CINEMA
La PROMESSA – il TEMPO del POTERE critica *** – Film drammatico – Durata 98 minuti – consigliato +10 anni – Trama: Il film di Thomas Kruithof si muove a piedi, avanti e indietro, tra il centro e la periferia, tra i ristoranti affollati dei pranzi di lavoro e le sale gremite dall’assemblea dei condomini: è la traiettoria di un ponte in lenta costruzione, quotidianamente minacciato di sabotaggio. Le telefonate, invece, viaggiano veloci, e arrivano fino all’Eliseo, ma quello che interessa a Kruithof è un pedinamento, sulle tracce di quella politica locale che è fatta ancora di sentimenti, di conoscenza diretta, di preoccupazioni reali, oltre che di strategia, di scambi di favori e di arte della retorica. Nella fotografia in movimento del mestiere della politica (locale ma non solo), non mancano i luoghi comuni, le scarpe di lusso da un lato, la facilità alla violenza dall’altro, ma è proprio in quanto luoghi comuni, e cioè verità apparenti, che questi elementi hanno posto nel film. Ciò che è più interessante, invece, e merita di essere testimoniato dalla cinepresa, è il ruolo del dialogo.

*

L’ANGOLO della CUCINA
La CASSATA SICILIANA è un dolce ricco dai decori sontuosi tipico della pasticceria siciliana, a base di pan di spagna, crema di ricotta e gocce di cioccolato, pasta reale e frutta candita. Un mix di profumi e sapori che nasce a Palermo tra il IX e XI secolo, durante le dominazioni arabe. Dall’arabo infatti Cassata “Quas’at” significa grande bacinella, nome della ciotola in cui venne mescolata la farcia cremosa al formaggio con lo zucchero. Una bontà unica famosa in tutto il mondo, come i cannoli siciliani, che si prepara principalmente per le feste di Pasqua, Natale, occasioni speciali. Realizzarla in casa è un lavoro laborioso, che richiede un po di tempo a disposizione, ma grazie Ricetta Cassata siciliana illustrata passo passo in internet, non incontrerete nessuna difficoltà e il risultato degno delle migliori pasticcerie vi ripagherà di ogni attesa.

*

SEI NATO OGGI?
A causa del vostro spirito sognatore voi preferite trascorrere il tempo da soli. La filosofia è una delle vostre materie preferite. Vi ponete spesso dei quesiti esistenziali e amate vedere le cose da diversi punti di vista. Siete fatti di contraddizioni e amate questo vostro aspetto. Ottimisti nei confronti della vita, spesso siete molto fortunati e potete conseguire con facilità onori. Siete sentimentali ma senza eccessi, introspettivi, analitici. Avete pochi amici, ma siete buoni compagni di voi stessi. L’amore è importante ma non indispensabile. Il possibile partner può incorrere in difficoltà, perché non siete delle persone adattabili.

*
A BERGAMO e in PROVINCIA: Il SOLE sorge alle ore 06.29 e tramonta alle ore 18.31– Durata del giorno ore 12.02 (+3 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte ore 11.58 (-3 minuti rispetto a ieri) – Siamo nell’Equinozio di Primavera La LUNA crescente (visibile al 89%) sorge oggi alle ore 16.22 e tramonta donai alle ore 06.34.

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,