Come abbiamo visto anche dai dati emessi da Ats Bergamo, anche il contagio nelle scuole è in continuo avanzamento, anche se attualmente si mantiene sotto controllo, ma resta importante ricordare che la lotta la coronavirus passa anche e soprattutto dalla prevenzione.

Ecco perchè l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale ha realizzato un video intitolato “Rientro a scuola in sicurezza”, pensato per gli studenti di ogni ordine e grado e disponibile sul canale YouTube di Ats Bergamo.

Patrizia Graziani, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo ha così voluto presentare il progetto. “Il progetto “Rientro a scuola in sicurezza” rappresenta una delle numerose azioni condivise fra l’Ufficio Scolastico Territoriale e l’Agenzia di Tutela della Salute per far arrivare a tutti gli istituti bergamaschi e, per il loro tramite, agli studenti e alle studentesse, un messaggio molto chiaro sui comportamenti responsabili da tenere per prevenire l’infezione e rallentare la diffusione del virus. Il video, in particolare, attraverso immagini accattivanti e coinvolgenti, riassume semplici regole che riguardano il distanziamento fra le persone, l’evitare assembramenti e contatti fisici con i compagni, l’utilizzo della mascherina per la protezione del naso e della bocca, il lavaggio delle mani, l’uso del gel idroalcolico. Viene raccomandata l’importanza di restare a casa e parlare ai genitori se non ci si sente bene e si avvertono sintomi da infezioni respiratorie acute, febbre, tosse, raffreddore. Davvero è fondamentale la collaborazione di tutti, perché solo insieme possiamo proteggerci”.

A parlare del progetto anche lo stesso Massimo Giupponi, direttore generale di Ats Bergamo: “Come Agenzia di Tutela della Salute siamo da sempre impegnati sul fronte della prevenzione: un’attività ancora più importante con la pandemia in corso. I dati delle ultime settimane evidenziano come il contagio avvenga sempre più in famiglia: per questo tramite la scuola ci rivolgiamo ai più giovani per tutelare i più “grandi”. Il video è stato realizzato internamente dal nostro ufficio comunicazione, per arrivare direttamente ai ragazzi, alle ragazze e alle loro famiglie tramite You Tube. Ma è anche in circolazione su whatsapp grazie alle numerose reti attive sul territorio. Contiamo quindi che passi di cellulare in cellulare per raggiungere quante più persone possibile”.

Print Friendly, PDF & Email