L’incidente è avvenuto in un lampo: Cristian Gritti era appena sceso dal cambio di proprità dell’azienda di famiglia, la Gritti Costruzioni, quando è stato improvvisamente travolto da una ruspa che aveva appena messo  la retro.

Un tragico incidente sul lavoro avvenuto a Cazzago San Martino, in provincia di Brescia, quello che ha tolto la vita al 42enne di Carobbio degli Angeli atorno alle 10.30. Una fine atroce quella ricostruita dai carabinieri della zona con il supporto dei tecnici di Ats. Il conducente della ruspa pare non si sia accorto di nulla fino a che è sceso dal mezzo e ha trovato il collega schiacciato tra camion e ruspa.

L’uomo, sotto shock ha immediatamente chiamato i soccorsi, ma l’automedica e l’ambulanza accorse sul posto non hanno potuto far altro che constatare la morte. Inutili infatti i tentativi di rianimazione: le gravi lesioni riportate hanno provocato la morte sul colpo dell’uomo. Come da prassi i mezzi coinvolti e l’area del cantiere sono stati messi immediatamente sotto sequestro in attesa degli accertamenti di legge.

Cristian Gritti lascia la moglie Sara e le figlie Aurora e Maria Tina, di 7 e 10 anni, i genitori Maria Rita e Claudio, e il fratello Gianni che era con lui in cantiere al momento della tragedia.