Almanacco di oggi 24 maggio 2021 (Lunedì). Notizie e curiosità

21^ settimana – Giorni inizio/fine anno 144/221 – BUONA SETTIMANA

OGGI in QUESTO ALMANACCO:

  • I morti di oggi e la data dei funerali (clicca qui)
  • I Santi del giorno
  • La tragedia della funivia in Piemonte
  • Feste Mariane: storia e fede
  • 1915 l’Italia entra nella Prima Guerra Mondiale
  • Tutta l’Italia “in giallo”
  • Giornata Europea dei parchi
  • Parchi e Oasi WWF
  • Date pagamento pensioni INPS giugno, luglio e agosto
  • Il “pensiero” del giorno
  • Bergamo e i “Grandi Personaggi
  • Accadde Oggi
  • Altre “Notizie e Curiosità” di oggi
  • TUTTA LA CRONACA (clicca qui)

I SANTI del GIORNO
Sant’AMALIA martire
Santi DONAZIANO e ROGAZIANO martiri
San SIMONE Anacoreta
San VINCENZO Abate

La FUNIVIA STRESA-MOTTARONE la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti e ha colpito il cuore di tutti. Era una giornata di svago per gli occupanti la cabina e in pochi secondi la festa si è tramutata in una tragedia. Noi tutti, mentre ci uniamo al dolore dei familiari, non possiamo che affidare alla Madonna la salute dell’unico superstite e affidare a Dio, con la preghiera, le 14 Vittime.

La Chiesa celebra la Festa della B.V. MARIA, MADRE della CHIESA (solennità mobile che si tiene il lunedì che segue la festa di Pentecoste) e quest’anno coincide anche con la Festa di MARIA SS. AUSILIATRICE dei CRISTIANI (vedi nota)

24 MAGGIO 1915 le Truppe del Regio Esercito Italiano (106 anni fa), dopo che era stata dichiarata guerra all’Impero Austro-Ungarico, venivano inviate al fronte e l’Italia entrava definitivamente tra le 27 Nazioni coinvolte nella Prima Guerra Mondiale. “Il Piave mormorava calmo e placido, al passaggio // dei primi Fanti il 24 maggio // L’Esercito marciava …” questo è il canto che ci ricorda quella tragica data. La Prima Guerra Mondiale durò 3 anni e pochi mesi, l’Italia ne uscì vittoriosa per la Sua Unità, ma fu un grande mondiale massacro: 10milioni di morti, 20milioni di feriti, intere famiglie distrutte, enormi le distruzioni civili. Migliaia di giovani bergamaschi persero la vita sul fronte e non fecero più ritorno a casa. Il nostro ricordo a tutti i Caduti di tutte le guerre.

TUTTI “IN GIALLO”: A partire da oggi lunedì 24 maggio 2021 tutta l’Italia è collocata in zona gialla. Una situazione che non si era finora mai verificata dal momento dell’introduzione delle fasce a colori. Non ci saranno quindi particolari limitazioni per chi desidera spostarsi, anche per motivi di turismo, nelle varie zone della nostra Penisola. L’autocertificazione, il modulo che è possibile scaricare dal sito del Ministero dei Trasporti e utilizzato per giustificare gli spostamenti, sarà quindi richiesto esclusivamente durante il coprifuoco, valido ora dalle 23 fino alle 5 del mattino successivo. Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione resta comunque sempre consentito. Resta obbligatorio l’uso della mascherina e del assembramento di persone. A livello generale, la situazione epidemiologica del nostro Paese fa registrare un sostanziale miglioramento, al punto tale da vedere ormai prossima la collocazione di alcune Regioni in zona bianca. Se non dovessero esserci ulteriori incrementi di contagi, lo scenario potrebbe riguardare dal 1 giugno 2021 Sardegna, Friuli-Venezia Giulia e Molise, dalla settimana successiva Veneto, Liguria, Umbria e Abruzzo. Da metà giugno i benefici potrebbero riguardare anche Lazio e Lombardia. In zona bianca non è più attivo il coprifuoco, gli unici obblighi riguardano distanziamento e utilizzo della mascherina.

GIORNATA EUROPEA dei PARCHI I Parchi e le Aree protette costituisco un patrimonio unico e prezioso da vivere e da tutelare. Ogni anno il 24 maggio si festeggia la Giornata Europea dei Parchi e si rinnova l’iniziativa della Federazione Europea dei Parchi (EUROPARC) per ricordare il giorno in cui, nel 1909, venne istituito in Svezia il primo parco nazionale in Europa. In Italia i primi Parchi furono creati nel 1922: il Gran Paradiso e il Parco d’Abruzzo, divenuto poi Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. I parchi, le riserve e le aree naturali in genere, protetti e preservati dallo sviluppo umano e dall’inquinamento, contenenti uno o più ecosistemi e habitat intatti e/o ad alta biodiversità, sono molto importanti. In Italia il 45 % delle specie animali rischia l’estinzione (ad esempio: l’orso bruno marsicano e il camoscio d’Abruzzo nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, lo stambecco nel Parco nazionale del Gran Paradiso, la lontra nel Parco nazionale del Cilento, la vipera dell’Orsini nel Parco nazionale de Gran Sasso e Monti della Laga). I parchi nazionali interagiscono in armonia con l’indotto agricolo, studiando e mettendo in atto progetti rivolti al recupero di razze locali e di coltivazioni a rischio, azioni di restauro ambientale e rimboschimento, promuovendo le coltivazioni e l’allevamento tradizionale e biologico. I parchi devono anche garantire una migliore qualità di vita al cittadino: il silenzio, l’acqua potabile e l’aria pulita sono risorse fondamentali per il benessere dell’uomo.

GIORNATA delle OASI WWF sono 106, ricoprono circa 31.000 ettari di territorio – di cui 6500 ettari di proprietà del WWF -, sparse un po’ ovunque: un Sistema di aree protette complesso e articolato, il più vasto gestito da un’Associazione privata in Italia e tra i primi in Europa. Nelle Oasi WWF sono rappresentati quasi tutti gli ambienti naturali del nostro paese, tanto da costituire un sistema omogeneo e ampiamente rappresentativo degli ecosistemi naturali italiani: si va dalle praterie alpine alle coste di gesso, dall’insieme di aree umide più vasto d’Italia ai canyon selvaggi, dalle cascate alle grotte, dai boschi planiziali alle foreste mediterranee, dalle cime innevate alle steppe, dalle faggete alle siepi campestri. Ci sono aree che senza il WWF oggi non ci sarebbero più, altre che abbandonate al degrado e sottoposte a caccia e sfruttamento sono tornate a vivere. Ci sono animali e piante in diminuzione ovunque che grazie alle Oasi hanno trovato un rifugio sicuro, altre che si sono riprese: come il cervo sardo, ormai salvo dall’estinzione, o il lupo, in crescita costante, o la lontra, per la quale esiste ancora qualche speranza di salvarla; così le tante piante, spesso endemiche, o quei complessi vegetali sempre meno diffusi come le abetine lungo l’Appennino, i boschi igrofili, le foreste sempreverdi. Molti degli ambienti protetti nelle oasi appartengono a ecosistemi minacciati a livello europeo, oppure accolgono specie migratorie transcontinentali.

PAGAMENTO PENSIONI GIUGNO – LUGLIO – AGOSTO È dall’inizio della pandemia che Poste Italiane adotta misure di contingentamento per l’accesso ai suoi sportelli, sia per favorire il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del Covid che per assicurare le varie prestazioni a tutti coloro che ne hanno diritto, senza difficoltà. Questo soprattutto attraverso la programmazione dell’accesso agli sportelli nell’arco dei giorni lavorativi precedenti al mese di competenza delle prestazioni. Ad essere erogati prima saranno ancora una volta trattamenti pensionistici, assegni, pensioni e indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili. Ecco il nuovo calendario definitivo per i mesi di giugno, luglio e agosto 2021:  pagamento di giugno: dal 26 maggio al 1° giugno 2021 –  pagamento di luglio: dal 25 giugno al 1° luglio 2021 –  pagamento di agosto: dal 27 luglio al 31 luglio 2021. Resta fermo che il diritto al rateo mensile delle prestazioni si perfeziona comunque il primo giorno del mese di competenza dello stesso.

DUE FESTE MARIANE in UN GIORNO: STORIA e FEDE L’invocazione AUXILIUM CHRISTIANORUM appare, per la prima volta, nella versione delle litanie lauretane pubblicata nel 1576 e approvata da Papa Clemente VIII nel 1601; essa era assente nella versione più antica, risalente al 1524. Secondo la tradizione tale invocazione fu aggiunta da San Pio V dopo la vittoria riportata dalla Lega santa sugli ottomani a Lepanto (7 ottobre 1571), probabilmente come variante del titolo Advocata christianorum che si trova nell’edizione del 1524. Il titolo (insieme a quelli di Avvocata, Soccorritrice e Mediatrice) è anche utilizzato nella costituzione dogmatica sulla Chiesa Lumen Gentium del 1964: Con la vittoria del 7 ottobre Papa Pio V nel 1571 istituì la Festa della Madonna del Rosario che ancora oggi si festeggia: Oggi poi si celebra la festa della B.V. MARIA MADRE della CHIESA istituita da Papa Francesco l’11 febbraio 2018 (Festa della Madonna di Lourdes) e come stabilito con Decreto questa solennità è da celebrarsi ogni anno il lunedì seguente la Festa della Pentecoste. Maria SS. era con gli Apostoli quando con la discesa dello Spirito Santo, questi formarono la “prima” Chiesa per questo Essa è la “Madre” della Chiesa. Già San Paolo VI Papa a chiusura del Concilio Ecumenico Vaticano Secondo chiamò la B.V. Maria Madre della Chiesa e Papa Francesco ha ufficializzato la ricorrenza.

IL “PENSIERO” del GIORNO (di Don Antonio Donghi) “Donna, ecco tuo Figlio” –  Qui si rivela l’intenso rapporto tra la mamma e il figlio, un rapporto di generazione costante. Infatti la gioia di dare alla luce un bambino è un’esperienza che si distende in tutto l’arco della vita che è un processo generativo costante nell’intenso desiderio di comprendere il mistero che è il figlio ed educarlo nella verità della sua misteriosa identità con tante paure e dubbi.  Padre, sull’albero della croce Gesù ci ha consegnati a Maria (e in lei alla Chiesa) perché ci insegnasse a costruire la nostra esistenza nel vivere ogni giorno l’oggi misterioso del tuo amore. Rendici, come lei, docili all’azione dello Spirito per crescere ogni giorno nella nostra vera identità e per poter gustare il dono della vita. Amen

AFORISMA del GIORNO: “Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare”

BERGAMO e i “GRANDI PERSONAGGI”: NICCOLO’ COPERNICO nato a Toruń, 19 febbraio 1473 – morto a Frombork, 24 maggio 1543 (478 anni fa). La città di Bergamo gli ha dedicato una Via (zona Monterosso). E’ stato un astronomo, matematico e presbitero polacco; laureato in diritto canonico a Ferrara, fu anche un giurista. Governatore e medico. Nacque 111 anni prima quell’altro autentico gigante che risponde al nome di Galileo Galilei. Originario di una famiglia di commercianti e funzionari amministrativi di lingua tedesca e originari della Slesia, iniziò gli studi presso l’Università di Cracovia nel 1491, grazie all’influente zio vescovo. Qui però non riuscì a conseguire la laurea motivo per cui, successivamente, si recò in Italia per studiare medicina e giurisprudenza, come era uso e costume di molti polacchi del suo ceto. Nel gennaio 1497 cominciò gli studi di diritto canonico presso l’università di Ferrara e approfondì lo studio della letteratura classica. In quel periodo fu ospite di un professore di matematica, il quale, già critico verso Tolomeo e l’impostazione geografica classica che da lui traeva origine, lo incoraggiò allo studio di quelle materie, unite all’astronomia. Una volta laureatosi, dunque, nel 1500 Copernico insegna astronomia a Roma e l’anno seguente ottiene il permesso di studiare medicina a Padova. Non contento, si laurea in diritto canonico a Ferrara nel 1503 per poi fare ritorno in Polonia, richiamato dagli impegni presi in precedenza come canonico. Qui, tra il 1507 e il 1515 licenzia un trattato di astronomia nel quale già delinea sommariamente i principi della teoria eliocentrica e inizia la stesura della sua opera principale, il “De revolutionibus orbium coelestium” (“La rivoluzione delle sfere celesti”), che termina nel 1530 e che pubblica solo nel 1543, poco prima di morire. Da sempre, infatti, Copernico era assai restio a divulgare le proprie conclusioni, anche per l’evidente contrasto fra queste ultime e le nozioni contenute nella Bibbia. In base al principio della relatività del moto dunque Copernico ipotizza il triplice moto della Terra (attorno al proprio asse, intorno al Sole, rispetto al piano dell’eclittica), pur mantenendo le tesi aristotelico-tolemaiche dell’esistenza delle sfere celesti e della finitezza dell’universo delimitato dal cielo immobile delle stelle fisse. In altre parole, Copernico dimostra che i pianeti ruotano attorno al Sole e che la Terra, ruotando, effettua una precessione sul suo asse, con un moto del tutto assomigliante a quello dell’oscillazione di una trottola. In seguito, come si sa, dopo la condanna della teoria copernicana determinata dal processo intentato contro Galileo dalla Chiesa nel 1615-16, la teoria eliocentrica, sebbene osteggiata, prese il sopravvento, fino alla definitiva affermazione. Copernico muore il 24 maggio del 1543, i resti vennero seppelliti nella cattedrale di Frauenburg in un punto che venne identificato solo nel 2005. Dopo una serie di ricerche, gli archeologi polacchi rinvennero la sua tomba al di sotto del pavimento della cattedrale.

ACCADDE OGGI: 1884 Morse (177 anni fa) trasmette il primo messaggio telegrafico, fu il primo messaggio della storia delle telecomunicazioni – 1915 L’Italia entra in guerra a fianco di Francia, Gran Bretagna e Impero russo. Dal Forte Verena, sull’Altopiano di Asiago, parte un primo colpo di cannone verso le fortezze austriache situate sulla Piana di Vezzena: l’Italia inizia ufficialmente le operazioni militari nella Prima guerra mondiale. Ai primi fanti del Regio Esercito che varcarono il confine nella medesima data è dedicata la prima strofa de La canzone del Piave1941 Al largo di Siracusa un sommergibile britannico affonda con due siluri la nave italiana Conte Rosso: 2300 i Marinai italiani morti.

PROVERBI: “L’occhio del padrone ingrassa il cavallo” “Il giovane ozioso sarà un vecchio bisognoso” “Con le lacrime e con i lamenti non si cura il mal di denti” “Impara dal passato, credi nel futuro, ma vivi il presente”

AUGURI a BOB DYLAN (80 anni) non è solo uno dei mostri della musica mondiale ma un’icona culturale evergreen.

SEI NATO OGGI? Dinamico ed intraprendente non stai fermo un secondo, non hai mai un attimo di pace. Tutte le tue energie sono sempre indirizzate verso il raggiungimento di una posizione prestigiosa nel lavoro, posizione che sai di meritare e che infine otterrai. In amore potrai contare sull’appoggio e l’affetto sicuro di un partner innamorato.

GIORNATA NAZIONALE della PASTA all’ARRABBIATA: Le penne o la pasta all’arrabbiata sono un tipico della cucina popolare romana, deve il suo nome alla presenza del peperoncino che fa diventare rossi proprio come quando si è arrabbiati. Un piatto semplice che necessità di prodotti eccellenti perché è nella semplicità il segreto della bontà delle penne all’arrabbiata. Non solo con le penne può essere gustata in molti formati di pasta e può essere anche rivisitata in insalata ideale per pranzo veloce ma gustoso fuori casa. Piatto famoso immortalato anche in film come “La grande abbuffata” di Ferreri, “Sette chili in sette giorni” con Carlo Verdone o “Roma” di Fellini.

A BERGAMO e in PROVINCIA: Il SOLE sorge alle ore 05.41 e tramonta alle ore 20.55 – Durata del giorno 15.14 (+2 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte: 08.46 (-2 minuti rispetto a ieri) – La LUNA crescente (87%) sorge oggi alle ore 18.10 e tramonta domani alle ore 04.06 

Seguici su Google News

Print Friendly, PDF & Email