Almanacco Bergamo 5 novembre 2021 (Venerdì)

44^ settimana – Giorni fine/inizio anno 56/309 – BUONA GIORNATA
AUGURI di BUON COMPLEANNO e di BUON ONOMASTICO a tutti coloro che oggi lo festeggiano

E’ incredibile quando diventi sicuro di te stesso se non hai più nulla da perdere

Il SOLE sorge alle ore 07.04e tramonta alle ore 17.06 – Durata del giorno ore 10.02 (-4 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte ore 13.58 (+4 minuti rispetto a ieri) – La LUNA calante (visibile al 3%) sorge oggi alle ore 07.37 e tramonta alle ore 17.32.

SIGNIFICATO del NOME “GUIDO” è: “istruito”. (Oggi San Guido), In Italia portano questo nome circa 139.448 persone di cui il 18,6% in Lombardia

SEI NATO OGGI? Sei molto sensibile ed intuitivo, ma devi fare attenzione a non lasciarti dominare dalle impressioni e a non diventare eccessivamente fatalista. Nel lavoro verrai premiato, se metterai a frutto la tua fantasia e avrai il coraggio di assumere iniziative. In amore, cerca un partner forte e sicuro di sé che possa aiutarti nei momenti di scoraggiamento.

PROVERBI E MODI DI DIRE
“L’istruzione è l’arma più potente per cambiare il mondo”
“Educare la mente senza educare il cuore, non educhi niente”
“L’ istruzione è la chiave per sbloccare la porta della libertà”


OGGI in QUESTO ALMANACCO

  • I MORTI DEL GIORNO A BERGAMO E PROVINCIA (clicca qui)
  • I Santi del giorno
  • Il “pensiero” del giorno
  • I cioccolatini della ricerca contro il cancro
  • Novembre. Mese della prevenzione del Tumore alla prostata
  • Le vie di Bergamo. Chi è Giuseppe Cesare Abba
  • I Vigili del Fuoco liberano la Bandiera italiana sul Pennone della Rocca
  • Covid: un anno fa e i dati di oggi
  • L’Angolo della Cultura
  • L’Angolo della Lettura
  • L’Angolo del Cinema
  • L’Angolo della Cucina: i benefici del tartufo
  • Novembre: il calendario dei lavori nell’orto

I SANTI del GIORNO

San GUIDO MARIA CONFORTI fondatore dei Missionari Saveriani. Proclamato Santo da Papa Benedetto XVI – Santa COMASIA Vergine e martire – San DONNINO medico e martire – Santa BERTILLA fondatrice, proclamata Santa da San Giovanni XXIII Papa – San MARCO Vescovo – La Chiesa celebra la festa di altri 17 SANTI e 44 BEATI

IL “PENSIERO” del GIORNO  (a cura di Mons. Antonio Donghi)

“I figli di questo mondo verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce”. La bellezza del cammino quotidiano è creare una continua sintesi di intelligenza e di ideali attraverso una giusta furbizia esistenziale. Quando nel cuore c’è un grande ideale, qualunque esso sia, per perseguirne le giuste finalità lo spirito assume una corretta azione per raggiungere il suo scopo. È una intelligenza intelligente che non rifiuta l’ideale, ma cerca di realizzarlo nelle situazioni contingenti della storia, senza danneggiare nessuno. È l’intelligenza del cuore nel clima di una vasta esperienza di vita per dare corpo a un grande valore per la costruzione vera e autentica della storia quotidiana, in cui la creatura si realizza effettivamente. Padre, nei comportamenti quotidiani Gesù ci insegna ad essere prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. Nelle complesse relazioni umane di tutti i giorni avvertiamo la nostra fragilità nel discernimento. Donaci lo spirito dell’equilibrio interiore perché ogni pensiero e azione siano destinati al vero bene dei fratelli e della comunità. Solo il tuo Spirito Santo può illuminarci e donarci la forza per costruire il vero bene dei fratelli con l’intelligenza del cuore e il coraggio di un cuore che, dimentico di se’, sia aperto a ciò che è vero e giusto. Amen

I CIOCCOLATINI DELLA RICERCA CONTRO IL CANCRO

” La campagna di Fondazione AIRC  “I Giorni della Ricerca“, dal 31 ottobre al 19 novembre 2021, avrà il duplice obiettivo di informare e sensibilizzare il pubblico sull’emergenza cancro e insieme raccogliere i fondi per garantire i nostri ricercatori. La pandemia ha dimostrato una volta di più il ruolo fondamentale della scienza e la sua capacità di fornire le giuste risposte per tutelare la nostra salute. Forte di questa consapevolezza, Fondazione AIRC, con la campagna “È questo il momento”, promuove una mobilitazione collettiva per imprimere una forte accelerazione al lavoro dei ricercatori, coinvolgendo le trasmissioni televisive e radiofoniche, gli studenti delle scuole superiori, gli stadi di calcio e migliaia di volontari che sabato 6 novembre torneranno in 1.200 piazze per distribuire I Cioccolatini della Ricerca. Anche su AMAZON.

NOVEMBRE: MESE della PREVENZIONE del TUMORE alla PROSTATA

Novembre è il mese dedicato alla salute dell’uomo e alla prevenzione dei tumori maschili, come quello alla prostata, tra i più diffusi nella popolazione maschile, che si può curare se diagnosticato precocemente. Eppure, di solito gli uomini sono meno abituati a sottoporsi a visite ed esami di controllo con regolarità, e spesso sono le loro mogli a prendere per loro l’appuntamento dal medico. Un uomo su otto potrebbe ammalarsi di tumore alla prostata nel corso della propria vita, ma l’80 per cento degli italiani non ha mai fatto una visita specialistica dall’urologo. Per questo è fondamentale parlare di prevenzione maschile e sensibilizzare gli uomini affinché si prendano cura della propria salute. Diverse indagini, anche internazionali, hanno dimostrato su vasta scala che gli appartenenti al genere maschile giovani, in età matura e anziani sono restii ai controlli e tendono ad andare dal medico solo quando il problema è diventato intollerabile. Novembre è il mese dedicato in tutto il mondo alla prevenzione e alla cura della salute maschile, durante il quale dal 2003 si svolgono diverse iniziative con l’obiettivo di far conoscere meglio le principali patologie..

LE VIE DI BERGAMO. CHI E’ GIUSEPPE CESARE ABBA?

nacque a Cairo Montenotte (Sv) il 6 ottobre 1838 da famiglia benestante – morto a Brescia il 6 novembre 1910, è stato uno scrittore e patriota italiano. La città di Bergamo gli ha intestata una Via. Dopo una prima formazione presso gli Scolopi, si iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Genova, dove studiò per qualche tempo. Nel 1860 si arruolò con Garibaldi partecipando alla spedizione dei Mille, esperienza fondamentale nella sua biografia, rievocata in molte delle opere. Dopo Calatafimi e Palermo ebbe i galloni di ufficiale. Nel 1862 si stabilì a Pisa per continuare gli studi; qui iniziò la propria attività letteraria; compose i due poemi In morte di Francesco Nullo (1863) e Arrigo. Da Quarto al Volturno (1866). Come garibaldino partecipò anche alla terza guerra di indipendenza (1866). Combattè a Bezzecca, guadagnando la medaglia d’argento al valor militare- Nel 1867 si stabilì a Cairo Montenotte, fu sindaco e ricoprì altri incarichi nell’amministrazione del comune. In questi anni scrisse il romanzo storico Le rive della Bormida nel 1794 (1875) e la prima stesura della sua opera più nota Noterelle d’uno dei Mille edite dopo vent’anni (1880). Redatto in forma di diario, il testo rievoca la vicenda garibaldina in toni celebrativi; la distanza di tempo tra i fatti e la stesura dell’opera contribuisce a dare un tono idealizzato alla storia. L’opera di Abba fu apprezzata da Carducci, con cui lo scrittore strinse un rapporto d’amicizia; Carducci lo aiutò in seguito ad impiegarsi come professore di lettere nel liceo di Faenza dal 1881 al 1884. Nel 1884 si trasferì a Brescia come professore e preside. Intanto cresceva la sua fama come letterato. Le ultime raccolte di versi hanno il titolo di Romagna (1887) Dogali (1887) e Vecchi versi (1906). In questi anni Abba scrisse anche i racconti raccolti in Montenotte, Dego e Cosseria (1884) e Cose vedute (1887). Nell’ultimo periodo della sua vita si dedicò alla stesura di opere divulgative sulla storia garibaldina

IL RISPETTO della NOSTRA BANDIERA

I Vigili del Fuoco di Bergamo sono intervenuti sul pennone della Rocca in Città Alta per liberare la bandiera che si era arrotolata tanto da non riuscire a liberarla. Un Agente dei Vigili del Fuoco si è dovuto arrampicare sul pennone (impossibile portarci scale o altro in dotazione) e la bandiera è tornata a sventolare. La richiesta d’intervento è partita dagli Uffici Comunali previo parere favorevole del sindaco Gori. Un fatto come questo dovrebbe richiamare tutti i Responsabili degli Uffici Pubblici, Scuole, Enti vari ad un maggiore rispetto della Bandiera perché molte volte noti il Drappo strappato, scolorito, ecc…

COVID: UN ANNO FA e i DATI di OGGI

La LOMBARDIA veniva dichiarata “ZONA ROSSA” con la totale chiusura di tutti i bar, negozi (alimentari esclusi), divieto di allontanarsi dalla propria abitazione superiore ai 200 metri, scuole e Università chiuse, Chiese aperte ma vietate le funzioni compresi matrimoni e funerali. I dati di OGGI 5 novembre sono: diminuiscono in Lombardia i ricoverati nelle terapie intensive (-1). A fronte di 114.326 tamponi effettuati, sono 840 i nuovi positivi (0,7%). I dati di oggi: – i tamponi effettuati: 114.326, totale complessivo: 17.880.354 – i nuovi casi positivi: 840 – in terapia intensiva: 48 (-1) – i ricoverati non in terapia intensiva: 336 (+6) – i decessi, totale complessivo: 34.194 (+7) I nuovi casi per provincia: Milano: 293 di cui 124 a Milano città; Bergamo: 50; Brescia: 77; Como: 45; Cremona: 24; Lecco: 17; Lodi: 20; Mantova: 52; Monza e Brianza: 105; Pavia: 46; Sondrio: 14; Varese: 49.

L’ANGOLO della CULTURA A BERGAMO

  • Seriate – Teatro Gavazzeni – 5 novembre ore 21 – “Dantiamo Insieme” con il clavicembalista bergamasco Federico Caldara, voci di Giusy Bonacina e Alessandro Cuppini promosso in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Seriate.
  • Martinengo – “Giornata Agricola Martinenghese” dal 5 al 7 novembre – Torna la Festa dell’Agricoltura – tre giorni con manifestazioni e vendita di prodotti agricoli locali
  • Bergamo – Basilica di Santa Maria Maggiore – 6 novembre ore 21 –  Evento Straordinario – “Requiem” in memoria delle Vittime per il Covid19 di Cristian Gentilini – Direttore Filippo M. Bressan
  •  Bergamo – Teatro Creberg  oggi 5 novembre ore 21 – “Noi Mille Volti Una bugia” con Giuseppe Giacobazzi: l’uomo e la sua maschera in un dilogo. www.crebergerteatrobergamo.it

L’ANGOLO della LETTURA

UNA VITA NUOVA” – Autore: Fabio Volo – Argomento. Narrativa moderna – Editore: Mondadori – pag. 204 – Costo € 19,00 – Consigliato: per tutti – Trama: Due amici su un’auto rossa attraversano l’Italia: musica da cantare, il vento tra i capelli, la mano fuori dal finestrino a giocare con l’aria. Hanno una quarantina d’anni e una vita incagliata. Andrea aspetta un verdetto da cui dipende la sua vita sentimentale. Paolo è in crisi: di coppia, di identità, di mezza età. O forse è solamente bisogno di leggerezza. L’auto su cui viaggiano è una vecchia Fiat 850 spider. Il padre di Paolo l’aveva dovuta vendere per far spazio alla famiglia, e ancora la rimpiange. Così Paolo ha deciso di recuperarla e fargli una sorpresa. Mentre risalgono dalla Puglia a Milano, Paolo e Andrea parlano tra loro con la spietatezza che ci si può concedere solo fra amici: l’amore, il lavoro, i genitori… E quelli che sembravano problemi insolubili si sgonfiano alla luce di una leggera ironia. Sarà un viaggio pieno di divertentissimi imprevisti e di scoperte, delle bellezze che a volte non si vedono mentre siamo concentrati a fare quello che gli altri si aspettano da noi. Un viaggio che condurrà Paolo dal dovere al volere, dal pensare al sentire, dal pudore alla tenerezza

L’ANGOLO del CINEMA

Titolo: “IO BABBO NATALE” Giudizio (***) – Un film per +10 anni – Durata: 95 minuti – Trama: Una divertente commedia per tutta l Io sono Babbo Natale passerà alla storia come l’ultimo film interpretato da Gigi Proietti, che presta la sua classe, i sui tempi recitativi impeccabili e la sua profonda umanità al personaggio di Nicola. Èd è commovente vedere i siparietti fra Proietti e Marco Giallini nei panni di Ettore, in cui la romanità di entrambi viene messa a frutto per conferire calore e familiarità ad una storia improbabile proprio nella sua premessa.a famiglia, ricca di straordinari effetti speciali, sull’amicizia, il valore degli affetti e la generosità.

ACCADDE OGGI

  • 1911 L’Esercito del Regno d’Italia annette le Colonie della Tripolitania e Cirenaica (l’attuale Libia)

L’ANGOLO in CUCINA: Giornata Nazionale del tartufo italiano

vive in simbiosi con le radici delle piante e perché non cresce in terreni inquinati. Molto pregiati i tartufi bianchi e neri con caratteristiche diverse, quello delicato bianco è da utilizzare esclusivamente a crudo, al contrario quello nero resiste ad una breve cottura. vive in simbiosi con le radici delle piante e viene considerato una sentinella ambientale perché non cresce in terreni inquinati. Molto pregiati i tartufi bianchi e neri con caratteristiche diverse, quello delicato bianco è da utilizzare esclusivamente a crudo, al contrario quello nero resiste ad una breve cottura.  Insomma: il tartufo fa bene, perché è un alimento che previene l’invecchiamento, oltre a ringiovanire anche i tessuti, con un effetto elasticizzante. Tra gli effetti benefici del tartufo troviamo anche quello di schiarire le macchie: a contatto con la pelle, infatti, i suoi pigmenti agiscono sulla melanina in eccesso, con l’effetto di schiarire possibili macchie cutanee.

LAVORI nell’ORTO: CALENDARIO di NOVEMBRE

Primo: riparare le piante dal gelo. Secondo: preparare il terreno per la semina e i semenzai con le piantine in seguito da trasferire nei vasi o direttamente nella terra. E preparare significa anche concimare, con letame e compost, ovvero con prodotti naturali e senza infilarsi nel tunnel degli aiuti chimici. Terzo: raccogliere ortaggi, dall’aglio agli spinaci, e erbe aromatiche, dal rosmarino alla salvia. Attorno a questi tre paletti si gioca la partita dei lavori nell’orto, in giardino e sul balcone, nel mese di novembre, un periodo di decisa e delicatissima transizione. Tanto che novembre viene considerato il mese della fine dell’anno dell’orto e dell’inizio della nuova stagione di semina e di raccolta. Novembre è un mese piuttosto delicato per i lavori nell’orto e in giardino. L’autunno è ormai molto avanzato, l’inverno si avvicina e alcune gelate, o temporali improvvisi, possono essere più che prevedibili. Ma nonostante le condizioni climatiche non eccessivamente favorevoli, novembre è anche un mese intenso, sia sul fronte della semina sia per quanto riguarda il raccolto. Ma innanzitutto è un periodo importante, sotto certi aspetti decisivo, per alcune attività preparatorie e di conservazione dell’orto

Per tutte le notizie seguici su Google News

Print Friendly, PDF & Email