NOTIZIE e CURIOSITA’. Almanacco di oggi 1 marzo 2021 (Lunedì)

9^ settimana – Giorni inizio/fine anno 60/305 – BUONA SETTIMANA

OGGI in QUESTO ALMANACCO:

  • I morti di oggi e la data dei funerali (clicca qui)
  • I Santi del giorno
  • Lombardia: zona arancione
  • Giornata Mondiale contro la discriminazione
  • Giornata “No dei mozziconi di sigarette a terra”
  • 1961 nascono Le Freccie Tricolori
  • Giornata Mondiale di sensibilizzazione sull’autolesionismo
  • Giornata Mondiale dei complimenti
  • Nasce il “calendario “giuliano”
  • Il “pensiero del giorno”
  • Bergamo e “I grandi Italiani
  • Altre “Notizie e Curiosità” del giorno
  • TUTTA LA CRONACA (clicca qui)

I SANTI del GIORNO
Sant’ ALBINO di ANGERS Vescovo difensore dei poveri e dei prigionieri
 San FELICE III Papa
 San DAVIDE Vescovo

LOMBARDIA “ZONA ARANCIONEpassa nuovamente in zona arancione per effetto dell’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza. Il peggioramento della situazione epidemiologica comporterà ulteriori restrizioni limitando la libertà parziale riconquistata da un mese a questa parte con la zona gialla. Ci si deve spostare anche nella propria residenza con l’autodichiarazione.

GIORNATA MONDIALE CONTRO la DISCRIMINAZIONE: è il ripudio di ogni forma di discriminazione: l’orientamento sessuale, la disabilità, il colore della pelle, lingua, la provenienza geografica e in generale per qualsiasi altro motivo. Anche la nostra Costituzione all’art. 3 ci ricorda che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Tali valori sono peraltro ribaditi dall’articolo 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea e dall’articolo 14 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Nel mondo della scuola è importante diffondere la conoscenza della giornata poiché sempre di più dilagano forme di discriminazione e bullismo e sempre meno si riescono a prevenire e a salvaguardare le diversità che oggi popolano le nostre istituzioni educative.

GIORNATA NAZIONALE “NO AI MOZZICONI di SIGARETTE a TERRAQuando si gettano per terra, i mozziconi di sigaretta sono un rifiuto a tutti gli effetti. Spesso non si pensa agli impatti ambientali che questo gesto comporterà. Il filtro delle sigarette è costituito principalmente da acetato di cellulosa, un materiale non biodegradabile (occorrono fino a circa 5 anni prima della completa degradazione). Nei mozziconi di sigarette rimangono intrappolate tutte le 4.000 sostanze chimiche prodotte dalla combustione del tabacco. Una certa quantità di queste sostanze sono presenti nel mozzicone di sigaretta: si tratta, ad esempio, di nicotina, benzene, ammoniaca, polonio-210, metalli pesanti e IPA, sostanze che possono avere effetti gravi sia per l’uomo sia per l’ambiente. Frequentemente i fumatori spengono le sigarette a terra e lì le lasciano. L’effetto provocato è un problema per la pulizia urbana: basta pensare ai mezzi di pulitura delle strade, che non hanno sufficiente capacità di trattenere i mozziconi perchè facili ad incastrarsi negli interstizi più disparati. Un effetto spiacevole del rilascio incontrollato nell’ambiente dei mozziconi di sigaretta è rappresentato dagli incendi (es. sigarette non spente o spente male e gettate dalle auto in zone a rischio). Anche gli animali subiscono gli effetti provocati dall’azione inquinante dell’uomo. Pensiamo ai mozziconi abbandonati nei parchi o sulle spiagge con effetti immaginabili

1961 – L’AERONAUTICA ISTITUISCE le “FRECCE TRICOLORI” (60 anni fa). Da sempre simbolo dell’eccellenza Made in Italy nel mondo, le Frecce hanno il compito di rappresentare i valori, la tecnologia, la professionalità e la capacità di fare squadra dell’intera Aeronautica Militare. Con la propria attività, sono portatori dei valori e delle competenze che sono proprie in generale delle Forze Armate e promuovono con esse anche l’industria nazionale e quindi tutto il “Sistema Paese”. Le Frecce Tricolori sono conosciute, apprezzate e portano in tutto il mondo il nostro Tricolore sintetizzano in tutto quello che è tecnologia, passione, capacità, competenza e professionalità che l’Italia è in grado di esportare e portare nel mondo.

GIORNATA MONDIALE di SENSIBILIZZAZIONE sull’AUTOLESISIONISMO è un disturbo che colpisce il 6% della popolazione adulta e oltre il 15% degli adolescenti e dei giovani adulti. Particolarmente diffuso nella popolazione psichiatrica, si presenta di frequente all’interno dei disturbi di personalità, ma può comparire anche in pazienti affetti da disturbi d’ansia, depressione, disturbi del comportamento alimentare o disturbi di personalità diversi. Sebbene gli atti autolesionisti abbiano una natura diversa rispetto ai tentativi di suicidio, esiste un forte legame predittivo tra i primi e i secondi, che sottolinea ulteriormente la necessità di conoscere ed intervenire tempestivamente su questa forma di sofferenza.

GIORNATA MONDIALE del COMPLIMENTO: esprimere ammirazione ed elogio nei confronti del destinatario, valutandone positivamente l’aspetto fisico, il carattere, il talento, gli oggetti posseduti, o anche esprimendo apprezzamento verso i suoi familiari, amici, animali domestici, luoghi di provenienza, ecc… Lo scambio dei complimenti svolge una pluralità di funzioni: rafforzare la solidarietà accorciando la distanza con l’interlocutore; obbedire alle norme della buona educazione; incoraggiare un comportamento gradito o socialmente apprezzabile specie nel caso di complimenti rivolti dai genitori ai figli. Fare un complimento, apprezzamento è un’arte.

CAPODANNO GIULIANO: il 1º marzo (2067 anni fa) era primo giorno dell’anno (Capodanno) divenuto poi il 1º gennaio dopo l’introduzione del calendario Giuliano promulgato da Giulio Cesare nell’anno 46 aC. Fu elaborato dall’astronomo egizio Sosigene di Alessandria e promulgato da Giulio Cesare (da cui prende il nome), nella sua qualità di Pontefice Massimo nell’anno 46 aC. (titolo che spettava solo agli Imperatori romani, con la caduta dell’Impero romano il titolo fu acquisito dai Papi. Fu Papa Giovanni XXIII ad abolire il termine “Massimo”). Esso divenne da allora il calendario ufficiale di Roma e dei suoi domini; successivamente il suo uso si estese a tutti i Paesi d’Europa e d’America, man mano che venivano cristianizzati o conquistati dagli europei. Rispetto all’anno astronomico, ha accumulato un piccolo ritardo ogni anno fino ad arrivare a circa 10 giorni nel XVI secolo. Per questo nel 1582 è stato sostituito dal calendario gregoriano per decreto di papa Gregorio XIII. Alcune Chiese appartenenti alla Chiesa ortodossa tutt’ora usano il calendario giuliano come proprio calendario liturgico.

STORIA e CURIOSITA’: Nella Repubblica di Venezia, compresi i territori appartenenti (anche Bergamo) il “calendario giuliano” restò in vigore fino all’anno 1797 poi cambiò con la conquista napoleonica. L’introduzione del calendario gregoriano colpì tutti i territori della “Serenissima” a partire dal 1582 ma, per non stravolgere il computo del tempo, le date dei documenti della Serenissima furono affiancate dalla dicitura more venetoe cioè “secondo l’usanza veneta”. Ad esempio il gennaio 1582 “more veneto”, corrispondeva al gennaio 1583 del calendario gregoriano.

IL PENSIERO del GIORNO: (di Don Antonio Donghi) ”… su un alto monte”  La solitudine in cima ad una montagna apre lo sguardo del cuore sull’infinito, e lo spirito della creatura ritorna a respirare la grandezza della vita. Usciti dallo smog cittadino la persona si ritrova in una solitudine che la fa sognare e che le permette di ritrovare il coraggio di riprendere con entusiasmo il cammino della vita. Infatti in un ambiente naturale e puro si riesce a ritrovare un nuovo significato da dare allo scorrere ordinario dell’esistenza.  Padre, Gesù ci conduce a vivere l’esperienza della montagna, salendo con il desiderio di entrare in profonda comunione con te, fonte della vita. In questo clima ci insegni a guardare in alto e dall’alto per crescere nella bellezza di vedere diversamente il reale e di crescere nella speranza. Lo Spirito ci guidi ogni giorno in questa ascesi interiore per gustare il creato secondo il tuo cuore. Amen

AFORISMA del GIORNO: “Lascia andare. Perderai molte cose del tuo passato. Ma ritroverai te stesso”

BERGAMO e i “GRANDI ITALIANI”: Beato Don CARLO GNOCCHI sacerdote. Nato a San Colombano al Lambro, 25 ottobre 1902 morto a Milano, 28 febbraio 1956 (65 anni fa) è stato un sacerdote, attivista e scrittore italiano. Proclamato Beato il 25 ottobre 2009 a Milano. La città di Bergamo gli ha dedicato una Via. Venne ordinato sacerdote nel 1925. La passione primaria di Carlo Gnocchi, fin dai primi anni di sacerdozio, fu la crescita e l’educazione dei giovani avvicinatisi alla chiesa e all’oratorio. Affidato prima alla parrocchia di Cernusco sul Naviglio e, nel 1926, alla popolosa San Pietro in Sala di Milano, protrasse per anni la sua vocazione, creando un profondo legame con i suoi parrocchiani. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale, don Gnocchi partì volontario nel Battaglione alpini “Val Tagliamento”, destinato al fronte greco/albanese. Terminata la dolorosa Campagna dei Balcani nel 1941, nel 1942 Carlo Gnocchi, con il grado di tenente, ripartì per il fronte russo, a seguito della Divisione alpina “Tridentina”, dove partecipò in veste di cappellano alla Battaglia di Nikolaevka. Sopravvissuto al conflitto, raccolse dai feriti e dai malati le loro ultime volontà, che lo porteranno, al rientro in patria, ad un viaggio per la penisola, messaggero tra le famiglie degli scomparsi. Andò tra le valli alpine a trovare i parenti dei commilitoni caduti. Aiutò ebrei e prigionieri alleati scappati a riparare in Svizzera. Fu rinchiuso più di una volta nel carcere di San Vittore, ma ottenne la liberazione grazie all’intervento dell’arcivescovo di Milano, Ildefonso Schuster. In quegli anni nacque l’idea di creare un centro caritatevole che potesse seguire le vittime di questa guerra, che si sviluppò in futuro con la nascita della Pro Juventute. A guerra finita, egli rivolse dapprima la sua opera assistenziale agli orfani degli alpini, ospitandoli nell’Istituto Arosio; successivamente dedicò le sue cure ai mutilatini ed ai piccoli invalidi di guerra e civili, fondando per essi una vastissima rete di collegi in molte città d’Italia. Morì il 28 febbraio 1956, morendo fece dono delle sue cornee a due giovani ciechi, ospiti della sua fondazione questo aprì il dibattito in materia, con la promulgazione a breve del D.L. n. 235 del 3 aprile 1957 che fu la prima Legge in Italia sulla donazione degli Organi (NdR: per mancanza di spazio questi cenni storici sono state riassunti. In internet potrai trovare una descrizione più dettagliata e completa)

SCOMPARSI OGGI: 1773 Luigi VANVITELLI (248 anni fa) apprezzato per i progetti presentati per la facciata principale di San Giovanni in Laterano e per la Fontana di Trevi in Roma, nel 1751 disegnò il suo capolavoro assoluto: la Reggia di Caserta, morì prima di vederla ultimata – 1938 Gabriele D’ANNUNZIO (83 anni fa) autore simbolo del Decadentismo italiano – 2012 Lucio DALLA (9 anni fa) nel gotha dei cantautori italiani, il Lucio “nazionale” ha dato del tu all’arte nelle sue svariate forme, dalla musica al cinema, passando per la pittura.

SIGNIFICATO del NOME “ALBINO” è: “di colore tendente al bianco”. In Italia portano questo nome circa 23.452 persone di cui il 24,4% in Lombardia

PROVERBI:
“Marzo passerello guarda il sole ma prendi l’ombrello”
“Neve marzolina dalla sera alla mattina (dura poco)
“Marzo ventoso, frutteto maestoso”

DETTI e PROVERBI BERGAMASCHI:
Bisogna bat ol fèr intàt che l’è cold” (bisogna battere il ferro quando è caldo)
Bisogna fa l’pass second la gamba” (bisogna fare il passo secondo la propria gamba)
Tèp al tèp” (tempo al tempo)
Bisogna sentile tute i campane” (bisogna sentire tutti i pareri prima di esprimersi)

COME LI CHIAMAVANO gli ABITANTI di: Bagnatica: “i tigòcc” e/o “i mira nioi” – Bani di Ardesio: “i macc de bà” – Baresi di Roncobello: “i s’ciopetì” – Bariano: “i badèi” e/o “i gulòcc” – Barzana: “i castralòch” – Schilpario: “i litigànce” – Barzizza (Gandino) “i tere” – Bedulita: “I patatì”

GIORNATA NAZIONALE di GIOCCHINO ROSSINI in CUCINA: è nato il 29 febbraio però il “grande musicista” festeggiava il suo compleanno il 1° marzo così che questa è chiamata la “giornata nazionale di Giocchino Rossini” in cucina. Non solo musicista ma amante della buona cucina. Orgogliosamente rotondo, oggi diremmo obeso, il musicista chef componeva i suoi piatti con una varietà di ingredienti non estranea alla straripante ornamentazione del suo canto. Una cucina fiorita, potremmo dire, vissuta come esperienza estetica totale: dalla ricerca degli ingredienti pregiati, le olive e i tartufi di Ascoli, la mortadella di Bologna, gli zamponi di Modena, i maccheroni di Napoli, la crema di nocciole di Marsiglia e il prosciutto di Siviglia, alla cura maniacale dei dettagli durante la preparazione, con i famosi tegami del Vesuvio e la siringa d’argento per le farciture, fino alla decorazione della tavola tra fiori e frutta candita per allietare la vista oltre che il palato.

SEGNO ZODIACALE: PESCI dal 20 febbraio al 19 marzo 2021

A BERGAMO e in PROVINCIA: Il SOLE sorge alle ore 07.01 e tramonta alle ore 18.07 – Durata del giorno 11.06 (+5 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte: 12.54 (-5 minuti rispetto a ieri) – La LUNA calante (87%) sorge oggi alle ore 17.52 e tramonta domani alle ore 06,51 