NOTIZIE e CURIOSITA’, almanacco di oggi 6 aprile 2021 (Martedì)

14^ settimana – Giorni inizio/fine anno 96/269 – BUONA CONTINUAZIONE

OGGI in QUESTO ALMANACCO:

  • I morti di oggi e la data dei funerali (clicca qui)
  • I Santi del giorno
  • Personale Sanitario: obbligo di vaccinazioni
  • Giornata Mondiale dello sport per lo Sviluppo e la Pace
  • Giornata Mondiale del “Lavoro Invisibile”
  • Giornata Nazionale contro la corruzione nella Sanità
  • Il “pensiero” del giorno”
  • Bergamo e i “Grandi Bergamaschi”
  • Domani si torna a scuola: non per tutti
  • Altre “Notizie e Curiosità” del giorno
  • TUTTA LA CRONACA (clicca qui)

I SANTI del GIORNO
Beata PIERINA MOROSINI di Fiobbio di Albino (vedi nota)
San PIETRO di Verona Sacerdote e martire ( vedi nota)
San GUGLIELMO Abate
San PRUDENZIO Vescovo.

ACCADDE OGGI: 6 aprile 2009 (12 anni fa) il TERREMOTO dell’AQUILA Alle 3:32 si aprì una profonda ferita nel popolo italiano che a distanza di anni dal disastro è ben lungi dal rimarginarsi. Pesantissimo il bilancio umano: 309 vittime e 1.178 feriti, oltre a 65mila sfollati. Fu il 5º terremoto più distruttivo in Italia in epoca contemporanea. La burocrazia e la complessità del contesto urbano continuano a rallentare la ricostruzione dell’Aquila, ad oggi ridotta a un enorme cantiere a cielo aperto. Per non dimenticare !!!

PERSONALE SANITARIO: OBBLIGO di VACCINAZIONE all’ art. 4 del DL 1 aprile 2021 approvato dal Consiglio dei Ministri, nei suoi vari commi, viene affermato che la vaccinazione anti COVID-19 è obbligatoria per tutto il personale sanitario e che tale obbligo è esteso anche al personale di interesse sanitario. L’articolo indica anche le procedure e le sanzioni che devono essere attuate nei confronti del personale sanitario e di interesse sanitario che non si vaccina per scelta volontaria, oppure come agire nel caso di personale che non possa vaccinarsi per motivi sanitari.

La STRAGE CONTINUA: Ancora troppi decessi per coronavirus. Da febbraio a lunedì 5 aprile in tutta la Lombardia si sono contate 4.117 vittime del Covid, 179 delle quali in provincia di Bergamo. Sono dati che anche quest’anno continuano a far paura

GIORNATA MONDIALE dello SPORT per lo SVILUPPO e la PACE: L’ONU, con questa commemorazione, riconosce il potere dello sport nel guidare il cambiamento sociale, lo sviluppo della comunità e promuovere la pace e la comprensione. Lo sport dunque come strumento di pace e come legame tra i popoli. Viene celebrata ogni anno in tutto il mondo, in memoria della data di inizio dei primi Giochi Olimpici dell’era moderna del 1896 tenutisi ad Atene. Scopo della celebrazione è contribuire ad accrescere la consapevolezza del ruolo storico svolto dallo sport nel perseguire sviluppo, pace, parità di genere e integrazione sociale. Lo sport è un potente strumento sociale, capace di promuovere l’integrazione sociale e lo sviluppo economico in contesti geografici, culturali e politici diversi, nonché di diffondere ideali e valori fondamentali come pace, fraternità, solidarietà, non-violenza, tolleranza e giustizia. La Giornata Internazionale dello Sport cade quest’anno nel pieno della pandemia da coronavirus.

GIORNATA MONDIALE del LAVORO “INVISIBILE”: Le cose cambiano. Fino a 50-70 anni fa, essere una buona madre significava restare a casa ad accudire i figli e assicurare al marito, il capofamiglia, una vita pacifica dopo una lunga giornata di lavoro: le donne dovevano essere “l’angelo del focolare”, dedicate alla cura della famiglia. Oggi se dici che sei casalinga ti senti dire:”Ah, allora tu non lavori”. Non è solo un commento sessista, riservato solo alle signore: il lavoro di cura, il lavoro volontario non retribuito, è tenuto in bassissima considerazione nella nostra società, a casa e fuori. Il lavoro che non rende non vale nulla. Non c’è traccia del lavoro silenzioso delle migliaia di volontari che ogni giorno permettono alla nostra società di sopravvivere, che si prendono cura dei nostri giovani e dei bambini, dei malati, degli anziani, dei profughi, dei disperati. Di chi segue i nostri figli nello sport e di chi tutela l’ambiente e le opere d’arte del nostro Paese. Se non è retribuito, se è fatto solo per amore, se è invisibile, allora non esiste. E può essere ignorato, dai politici, dalla società, dal welfare, dalle amministrazioni. Per dare visibilità al lavoro invisibile di milioni di persone, per riconoscerne l’inestimabile contributo, la giornata viene celebrata con un foglio bianco che tutti i lavoratori invisibili sono invitati a spedire ad amici, familiari, associazioni, politici, deputati, per ricordare loro l’importanza fondamentale dell’umile lavoro di cura, da supportare e riconoscere, in casa e nella società.

GIORNATA NAZIONALE CONTRO la CORRUZZIONE in SANITA’: Per tutta una serie di ragioni del tutto evidenti a chi conosce la nostra fragilità istituzionale che non può abbassare il livello di guardia preoccupandosi dei livelli di povertà e di rabbia sociale già strumentalizzati dagli apparati devianti che nei momenti di crisi rinnovano le loro forze trovando nuovi e fertili terreni di penetrazione sfruttando la debolezza degli apparati pubblici impegnati ad affrontare la crisi emergenziale per ridurre i contagi e le morti. Nel dolore che ci accomuna bisogna far sentire la voce, che vuole essere una voce di speranza perché da questa emergenza bisognerà ripartire per costruire un mondo più giusto e migliore. Perché la corruzione sottrae risorse pubbliche (5 miliardi di Euro secondo i dati della Corte dei Conti) e perché questa tristissima realtà ci riguarda tutti e perché ciascuno di noi deve contribuire, con il suo impegno, a contrastare questo dilagante fenomeno che offende e ferisce le persone di buona volontà che si impegnano per il bene pubblico.

SANTI BERGAMASCHI:
– Beata PIERINA MOROSINI martire. Nata a a Fiobbio il 7 aprile 1931. Il 4 aprile 1957 tornando dal lavoro fu aggredita a morte da un giovane che tentò violenza su di Lei. Il 6 aprile (a 26 anni) muore presso gli ex Ospedali Riuniti di Bergamo. Il 4 ottobre 1987 San Giovanni Paolo II Papa la proclamò Beata. La Sua Urna, dopo un lungo pellegrinaggio in tutta la Diocesi è custodita nella Chiesa Parrocchiale di Fiobbio meta di migliaia di pellegrini
San PIETRO di Verona, dei Padri Predicatori (domenicani) patrono dei commercianti di tessuti, dei calzolai, birrai è invocato contro il mal di testa. Fu tra i grandi diffusori della recita del Santo Rosario in tutta la bergamasca. Tra il 1232 e il 1245 visse nel Convento di Santo Stefano sulla collina di Bergamo Alta (demolito poi dai veneziani per costruire le Mura e Porta San Giacomo) e istituì a Bergamo il Tribunale dell’Inquisizione. Nel 1244 fece condannare il Podestà di Bergamo per eresia contro la Chiesa.

IL “PENSIERO del GIORNO (di Don Antonio Donghi):  “Donna, perché piangi?”  Il linguaggio delle lacrime incarna la sensibilità del cuore e ne traduce la complessità. L’aspetto che vorrei focalizzare (tanti potrebbero essere i valori ivi presenti) è appunto quello del cuore che ama, che desidera, che sogna e che canta. È l’espressione di una forte potenzialità interiore, anche se qualche volta esse non si manifestano fisicamente ma coinvolgono il soggetto. Il dono delle lacrime del cuore ritraducono una intensa vitalità affettiva che vuol condividere una forte esperienza per crescere in una autentica reciprocità.  Padre, nelle lacrime del tuo Figlio ci indichi l’intensità del suo amore per ogni creatura. Chi sa cosa sia passato nel suo cuore innamorato di ogni uomo… Egli ha solo regalato se stesso in tutti i suoi atteggiamenti. Donaci la grazia di condividere la sua sensibilità per condividere il suo desiderio di vera comunione con tutti per formare una famiglia in cui si condividono i sentimenti più profondi. Lo Spirito ci aiuterà in simile percorso di vita quotidiana. Amen

AFORISMA del GIORNO: “Quando ci si mette a pensare a ciò che può succedere, si inizia a godere di ciò che sta succedendo”

DOMANI si TORNA a SCUOLA: Il ritorno a scuola in presenza come priorità del momento, messa in chiaro dal premier Draghi, avrà l’effetto di riportare sui banchi milioni di alunni che fino a prima della pausa pasquale erano in didattica a distanza. Il nuovo decreto varato dal governo infatti prevede la scuola in presenza nelle zone arancioni fino alla prima media e dalla seconda media e per tutto il ciclo scolastico delle superiori in presenza al 50%. Mentre nelle zone rosse (LOMBARDIA) frequenteranno tutti gli alunni fino alla prima media, dad dalla seconda media in poi.

BERGAMO e i “GRANDI BERGAMASCHI”: Gen. LUIGI ENRICO DALL’OVO nato a Bergamo l’8 gennaio 1821 morto a Sforzatica di Dalmine il 6 aprile 1897 (124 anni fa). nonostante il carattere schivo, fu un protagonista del Risorgimento Italiano. Partecipò a tutte le guerre, dal 1848 al 1866, sempre a fianco di Giuseppe Garibaldi e poi fece carriera nell’esercito. Le città di Bergamo e di Dalmine gli hanno dedicato una Via. Compiuti gli studi, fu indirizzato dal padre al commercio della seta. I moti del 1848 lo videro dapprima a Bergamo, poi a Milano come sergente furiere della sezione artiglieria della guardia nazionale al servizio del Governo Provvisorio. L’esito disastroso di Novara spinse il Dall’Ovo a partecipare alla difesa della Repubblica Romana nel 1949. Al comando della VIII Centuria combatté a Villa Corsini e al Vascello contro i Francesi. Nel 1858 con Nullo, Tasca, Cucchi ed altri aderì alla “Società Nazionale Italiana” e nel 1859 partecipò alla I^ guerra d’indipendenza. Come semplice soldato fu incorporato a Savigliano ai “Cacciatori delle Alpi” con il grado di Sottotenente. Fece tutta la campagna entrando a Bergamo, in festa, con Garibaldi. A Bergamo si adoperò per arruolare uomini per la spedizione in Sicilia. Partecipò alla battaglia sul Volturno dove, per merito di guerra, fu promosso maggiore. Ebbe le medaglie commemorative e la Croce di Cavaliere dell’Ordine militare di Savoia. Nel 1872 fu promosso tenente colonnello, nel 1977 colonnello e nel 1895, ormai da molti anni a riposo, fu nominato Maggiore Generale nella Riserva. Nel 1875, Garibaldi, acclamato dalla folla per le vie di Roma , riconobbe dopo quindici anni il Dall’Ovo, fece fermare la carrozza e gli strinse la mano. Morì a Sforzatica di Dalmine nel 1897, ove era stato eletto Sindaco 3 anni prima.

SCOMPARSI OGGI:
 1520 Raffaello SANZIO (501 anni fa) Pittore e architetto tra i più rappresentativi del Cinquecento, con Leonardo e Michelangelo completa la triade dei grandi maestri del Rinascimento italiano
1971 Igor STRAVINSKI (50 anni fa) Compositore tra i più illustri del Novecento, come pianista e direttore d’orchestra è indicato tra i maestri della musica universale.

ACCADDE OGGI:
1896 Ad Atene si aprono i primi Giochi olimpici dell’era moderna, 1500 anni dopo che quelli antichi furono vietati dall’imperatore romano Teodosio I
 1941 Seconda Guerra Mondiale: l’Esercito del Regno d’Italia invade la Jugoslavia e la Grecia
 1941 L’Esercito del Regno d’Italia sconfitto dall’Esercito britannico si ritira dalla Somalia

SIGNIFICATO del NOME “GUGLIELMO” è: “elmo di volontà”. In Italia portano questo nome circa 35.907 persone di cui il 16,2% in Lombardia

PROVERBI:
“A rubar poco si va il galera, a rubar molto si fa carriera”
“Cambiano i suonatori ma la musica è sempre quella”
“Se l’ulivo fiorisce in aprile ogni pianta un barile”

PROVERBI BERGAMASCHI:
“Ol dutur mè sài fasel de per lur” (il dottore bisogna saperselo fare per proprio conto)
“Ndo l’và l’sul al và mia ol dutur” (Dove va il sole non va il dottore”
Intat che l’dutur al pènsa, ol malat al và all’Assènsa” (Intanto che il medico ci pensa, il malato va al Creatore”

FILASTROCCA di PASQUA: Le campane hanno spezzatole funi che le tenevano legate. La terra ha sobbalzato, s’è aperta e versa fiori. Alleluja – Le campane che suonano a festa, a gran voce. Valli e monti si rimandano gli echi festosi. Alleluja

GIORNATA NAZIONALE degli SPATZLE: sono piccoli gnocchetti a base di farina di grano tenero, uova e acqua, una preparazione tanto semplice quanto sfiziosa molto diffusa in Tirolo ma con un nome che rivela le sue origini tedesche. Il segreto di questo piatto sta proprio nella sua realizzazione: pochi e veloci gesti realizzati con antica sapienza per un risultato di sicuro successo. Una volta lessati gli spatzle, basterà saltarli in padella con un pò di burro ed erba cipollina per portare in tavola un primo davvero appetitoso, perfetto da preparare quando avete molti ospiti: con il minimo sforzo otterrete la massima resa. E per dare un tocco di colore a questo piatto provate anche la versione con gli spinaci

SEI NATO OGGI? Gli affetti e l’amore per la famiglia, i figli ed il partner sono senza dubbio il centro della tua vita. Sei molto dolce e sai dare grande serenità a chi ti è vicino, ma manchi di senso pratico e il tuo partner dovrà essere in grado di compensare questa tua carenza. Al lavoro non dai molta importanza ma potrai ugualmente avere fortuna se ti occuperai di economia e finanze.

A BERGAMO e in PROVINCIA: Il SOLE sorge alle ore 06.53 e tramonta alle ore 19.55 – Durata del giorno 13.02 (+3 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte: 10.58 (-3 minuti rispetto a ieri) – La LUNA calante (40%) sorge oggi alle ore 04.22 e tramonta alle ore 13.52