La data di inaugurazione è già fissata: domenica 16 ottobre. Alla presenza del vescovo, monsignor Francesco Beschi, sarà inaugurata la poderosa ristrutturazione dell’oratorio di Almè. Un intervento di oltre 2 milioni di euro (per la metà già coperti dalla generosità della comunità) dove bambini, adolescenti, ma anche le famiglie, potranno trovare una casa aperta, una piazza di incontri e una frontiera generatrice di ponti. “La vocazione di questa realtàprecisano il parroco don Mansueto Callioni e il curato, don Giorgio Carobbio – è quella di avere un’identità aperta, basata sui valori della libertà, della creatività e della solidarietà. In oratorio si deve respirare questo”. Non si tratta solo di una ristrutturazione (il progettista è Marco Benedetti dello Studio28 di Bergamo) ma anche di una ridefinizione armonica degli spazi.

Pannelli fotovoltaici sul tetto rifatto

Il nucleo centrale (quello della sala giochi e delle aule della catechesi) resta quello di sempre. Benché il tetto sia stato rifatto (con l’installazione di pannelli fotovoltaici e la completa eliminazione dell’eternit), ridisegnato il salone centrale e apportate accurate sostituzioni ad infissi e serramenti. Un’attenzione particolare è stata riservata all’abbattimento delle barriere architettoniche con la creazione di un ascensore esterno e la creazione, per motivi di sicurezza, di una scala di emergenza.

La nuova struttura polifunzionale

Uscendo in cortile e osservando l’ampia area del cantiere si notano cose che prima non c’erano: un campo da calcio per sette giocatori in erba sintetica (diviso sul lato lungo da due campetti da 5 giocatori), un campo di basket e uno di pallavolo, uno spazio giochi con un fondo morbido per i piccoli (già attrezzato) con una zona verde dedicata, nuovi spogliatoi, autorimesse, servizi e all’esterno nuovi parcheggi.  Ma quello che sostanzia di valore l’intero intervento – precisa il parroco – è la nuova struttura coperta polifunzionale (500 posti) con annessa una cucina. Sarà un nuovo punto focale per la nostra parrocchia. Servirà non solo per le attività estive (il Cre e la sagra) ma tutto l’anno potrà essere sfruttata. Per esempio, la scuola materna potrà organizzare qui i momenti topici della sua attività educativa in un luogo dove i bambini, genitori ed insegnanti potranno relazionarsi con maggiore agio”.Almè: verso l'inaugurazione dell'oratorio ristrutturato

Ingresso principale da via Marconi

Un’opera che dà nuovo lustro al complesso inaugurato esattamente 50 anni fa da don Abele Iseni, storico parroco della comunità di Almè (realizzatore anche della chiesa nuova) al quale è anche dedicata una via centrale del paese. Rivisti anche gli ingressi. Infatti, l’entrata accanto alla Chiesina della Immacolata è stata ampliata e diverrà lo stargate ufficiale al quale si potrà accedere da via Marconi e, tramite un passaggio ex novo, da via Conciliazione. Inoltre, un nuovo ingresso è stato collocato accanto alla chiesa parrocchiale dove poco tempo fa figuravano alcuni rustici poi abbattuti. “Fra i ragazzi e i giovani – aggiunge don Giorgio – c’è tanta attesa per una novità che sta per essere inaugurata. La speranza è che tutto vada per il meglio”.

Il giudizio del sindaco Bandera

La sistemazione dell’oratorio – fa sapere il sindaco Massimo Bandera – è sicuramente una delle opere più significative fatte ad Almè negli ultimi anni. Abbiamo recentemente visitato il cantiere accompagnati da don Mansueto per renderci conto di persona e apprezzare il grande sforzo fatto dalla parrocchia per i nostri giovani e l’intera comunità. Per questo siamo pronti ad avviare nuove collaborazioni per valorizzare al meglio i nuovi spazi e per promuovere progetti quali, ad esempio, l’estensione per più mesi del CRE estivo richiesto dalle famiglie”.


Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli