TREVIGLIO ricorda l’Evento miracoloso della MADONNA delle LACRIME avvenuto il 29 febbraio 1522 (500 anni fa) salvò, con le sue prodigiose lacrime, la città da sicura distruzione da parte delle truppe francesi, guidate dal generale Odet de Foix

I SANTI del GIORNO: San ROMANO Abate – Sant’ILARIO Papa –  Sant’OSVALDO Vescovo – San’AUGUSTO martire – La Chiesa celebra la Festa di altri SANTI e BEATI compresi quelli che ogni quattro anni si festeggiano il 29 febbraio 

NECROLOGIE DI OGGI 28 GENNAIO 2022

AFORISMA del GIORNO: “Esserci quando è il momento e non quando hai un momento è qui la differenza”

IL “PENSIERO” del GIORNO: Impossibile agli uomini, ma non a Dio”. L’uomo nell’affrontare la storia quotidiana si sente immerso qualche volta in alcune grandi difficoltà e il suo cuore si rivolge istintivamente verso l’alto per avere suggerimenti o sperare soluzioni. In simile atteggiamento vive l’intenso desiderio che Dio lo possa aiutare, qualunque ne sia il volto. È la speranza che alberga nel cuore di ogni creatura e che le offre la forza di una costante supplica. Padre, in te abita la speranza di ogni creatura che si dibatte nelle difficoltà, qualche volta anche tragiche, che la soffocano esistenzialmente. Il tuo Figlio Gesù ci ha suggerito di non smettere mai di supplicare. Fà che lo Spirito, che vive in noi gemiti inesprimibili, ci doni sempre il coraggio di immettere nel tuo cuore l’umana sofferenza quotidiana per camminare nella fiducia del dono del tuo amore misericordioso. Amen –  (a cura di Mons. Antonio Donghi)

GIORNATA MONDIALE delle MALATTIE RARE si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e i decisori politici sulle malattie rare e il loro impatto sulla vita dei pazienti, e lanciare un appello affinché si impegnino per migliorare le condizioni di vita delle persone e delle famiglie che si trovano ad affrontare una malattia rara. Si stima che in Italia ci siano circa 2 milioni di persone colpite da malattie rare, il 70% delle quali in età pediatrica. Una malattia si definisce rara quando la sua prevalenza, intesa come il numero di casi presenti su una data popolazione, non supera la soglia dello 0,05 per cento della popolazione, ossia 1 caso su 2.000 persone. Le malattie rare e diagnosticate si aggirano tra le 7000 e le 8000, ma il numero è in continuo mutamento con l’avanzare della tecnologia e della ricerca scientifica. La maggioranza di queste malattie ha origine genetica ma esistono anche malattie infettive molto rare, così come malattie autoimmuni e carcinomi rari. Circa il 30% dei malati rari non ha una diagnosi e rischia di convivere con una malattia che resterà senza nome. Per fortuna lo scenario sta cambiando: l’innovazione tecnologica da un lato e la ricerca biomedica dall’altro hanno messo a disposizione del mondo sanitario e delle istituzioni opportunità di intervento in grado di cambiare la storia naturale di molte malattie rare.

MARTEDI’ GRASSO Il Carnevale è una delle feste più amate dell’anno. Una ricorrenza attesa soprattutto dai bambini, i quali possono travestirsi dai loro personaggi più amati. Oltre ad una connotazione più mondana, il Carnevale ha anche una connotazione religiosa. Con il martedì Grasso si chiudono i 7 giorni “grassi” di Carnevale, durante i quali si tengono molte sfilate in maschere e vari scherzi carnevaleschi, quest’anno annullate o rinviate a causa delle restrizioni anti-Covid. Ma dove proviene il nome della giornata principale di festa, il cosiddetto “martedì grasso“?Il martedì che conclude le festività legate al Carnevale si chiama martedì grasso  perché era abitudine consumare in questo giorno gli ultimi cibi gustosi e succulenti rimasti in dispensa. Non solo la carne, tradizionalmente considerata un cibo ricco, ma anche i dolci tipici del periodo e che variano da regione a regione. Il loro alto contenuto di zuccheri li rende alimenti detti, appunto, “grassi”. Il martedì grasso è, quindi, il giorno in cui culminano i festeggiamenti in maschera e la preparazione dei dolci di Carnevale. A fare eccezione è Milano, città che tradizionalmente segue il calendario gregoriano e che fa scalare l’inizio della Quaresima di una settimana festeggiando quindi il Carnevale durante il sabato grasso.

LOMBARDIA: AUMENTANO gli INFORTUNI sul LAVORO: Crescono del 74,8% gli incidenti sul lavoro in Lombardia a gennaio 2022 rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, e del 40% rispetto al 2019. E’ quanto emerge dalle elaborazioni condotte dalla Cisl, sulla base degli ultimi dati Inail. “Come abbiamo già sottolineato, con la ripresa produttiva e dei servizi gli infortuni aumentano anche oltre le possibili stime del tempo di lavoro”, sottolinea Pierluigi Rancati, segretario regionale della Cisl. A gennaio di quest’anno infatti gli incidenti sono stati 12.794 contro i 7.318 del 2021 e i 9.131 del 2019, quando ancora la pandemia non condizionava i ritmi delle attività produttive. L’incremento riguarda soprattutto le denunce di infortuni in occasione di lavoro (+ 5.291). Numeri che secondo Rancati evidenziano una “costante carenza di prevenzione, con un’insufficiente gestione dei rischi, per mancata formazione e modalità lavorative sempre poco attente alla salute e sicurezza”. In questo contesto, tra il 2021 e il 2022 aumentano in particolare le denunce che riguardano le lavoratrici: piu’ che raddoppiate, da 3.374 a 6.909. Una situazione che sembra generalizzata, visto che per la prima volta in tutti i macro-settori c’è un aumento delle denunce di infortunio rispetto a un anno fa. Il terziario per esempio, che nei due anni della pandemia aveva registrato un forte calo, con 3.229 casi segnalati vede un incremento su gennaio 2021 e 2019. Anche al livello provinciale c’è una crescita diffusa. Gli unici due territori in cui si verifica una flessione sono Como e Sondrio, mentre Mantova e Brescia risultano particolarmente coinvolte.

I NATI il 29 FEBBRAIO QUANDO FESTEGGIANO il LORO COMPLEANNO? Il dilemma è: se un bambino nasce il 29 febbraio, giorno che non esiste tutti gli anni, come festeggia il suo compleanno. La risposta è semplice, non c’è una regola dipende dalla scelta del leaper in questione. C’è chi preferisce anticipare i festeggiamenti al 28 febbraio, per sentirsi ancora un nato di quel mese, e chi, forse per non sfidare la sorte, rimanda il festeggiamento dal giorno fantasma al 1° marzo. Ma il vero problema non è legato solo a quando organizzare la festa di compleanno. I guai possono a volte riguardare la burocrazia, i documenti legali e persino Facebook. Il social network ad esempio non contempla la data tra quelle da inserire come compleanno al momento dell’iscrizione. E non è la sola piattaforma a presentare questo errore. A tutti gli effetti, anche raggiungere la maggior età per queste persone può essere un problema. C’è anche chi sceglie di cambiare la propria data di nascita sui documenti, in modo da non mandare in confusione la burocrazia. Secondo il decreto sulla semplificazione del 9 febbraio 2012, n. 2, art. 7 “Disposizioni in materia di scadenza dei documenti d’identità e di riconoscimento”, in vigore dal 7 aprile 2012, applicato alla legge 112/2008, art. 31, è stabilita una regola che fa risparmiare tempo ai leapers. Il decreto prevede che i documenti di identità e riconoscimento “sono rilasciati o rinnovati con validità fino alla data, corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare, immediatamente successiva alla scadenza che sarebbe altrimenti prevista per il documento medesimo. Per questo i nati il 29 febbraio ricevono una carta d’identità che ha validità di 14 anni, anziché 10 anni.

BERGAMO e i “GRANDI PERSONAGGI”: RICHARD WAGNER nasce a Lipsia il 22 Maggio 1813, morto a Venezia il 13 febbraio 1883 è stato compositore, poeta, librettista, regista teatrale, direttore d’orchestra e saggista tedesco. La Città di Bergamo gli ha dedicato una Via. Nono figlio, a seguito della morte del padre la famiglia si trasferisce a Dresda. Sua madre sposa, in seconde nozze, un attore il quale lo porta spesso con se alle prove, da qui l’amore per il teatro del musicista. Nel 1828 Wagner torna a Lipsia dove completa gli studi. A 16 anni assiste ad una rappresentazione del “Fidelio”, ne è tanto colpito che da quel momento decide di diventare musicista. Dai disordinati studi musicali nascono le prime sonate, un quartetto d’archi e un tentativo mai completato dell’opera “Die Hochzeit”. Finalmente Wagner, nel 1830, intraprende studi più seri di musica. Nel 1833 ottiene la nomina a direttore del coro del teatro di Wàrzburg, che gli offre la possibilità di ricoprire saltuariamente le cariche di direttore di scena, di suggeritore e, successivamente, di direttore d’orchestra. A Wàrzburg compone la sua prima opera “Die FeenDall”. Nel 1837 diviene direttore musicale a Königsberg (l’attuale Kaliningrad), ma il teatro, costretto a chiudere per eccesso di indebitamento, coinvolge Wagner stesso che finisce pieno di debiti. Per sfuggire ai creditori si trasferisce a Riga, dove ottiene un posto da dirigente, che perde però due anni dopo. Ancora in fuga dai creditori varca, di nascosto, il confine fra Russia e Prussia, si imbarca su una piccola barca a vela alla volta di Londra: da questo viaggio burrascoso nascerà “Il Vascello Fantasma”. In condizioni di semi-povertà, nel 1840, si reca a Parigi. Il 1842 vede il vero debutto teatrale di Wagner con l’esecuzione del “Rienzi”, avvenuta a Dresda ed il successo ottenuto gli procura, l’anno seguente, la carica di Musikdirektor all’opera di corte. Amico dell’anarchico russo Michail Bakunin, Wagner nel 1849, viene arrestato per aver partecipato ai moti rivoluzionari. Condannato a morte riesce a fuggire rocambolescamente ed a rifugiarsi a Zurigo dove si trattiene fino all’amnistia (1860). Nel 1852 Wagner comincia a lavorare al progetto “Der Ring des Nibelungen” (“L’anello del Nibelungo”), un immenso dramma teatrale suddiviso in un prologo e tre giornate, e compone “I maestri cantori di Norimberga”. Il “Tristano e Isotta”, messo in scena non ottiene il successo sperato, la sua musica anticipa troppo i gusti musicali che si affermeranno nel Novecento. Anche la vita affettiva di Wagner è piuttosto burrascosa, a causa di una sua relazione extraconiugale, la moglie, la cantante Minna Planner, ottiene la separazione. Rimasto solo, dopo la scandalosa relazione di Wagner con Cosima Liszt, figlia di Franz Liszt, e moglie del celebre direttore d’orchestra Hans Von Bulowdalla , la sposerà nel 1870, ed avrà tre figli Eva, Isolde e Siegfried. Ormai famoso ed economicamente soddisfatto Richard Wagner si dedica ad un altro progetto: la stesura del “Parsifal”, che inizierà nel 1877 per concluderlo nel 1882 a Palermo. In seguito ad un attacco cardiaco Wagner muore a Venezia il 13 febbraio 1883 nel palazzo Vendramin, dove si era trasferito con la famiglia l’anno prima e viene sepolto a Bayreuth non lontano dal teatro a lui intitolato.

RITORNERA’ L’AUSTERITY? dal passato torna lo spettro dell’austerity, facendo rivivere a chi negli anni ’70 era già nato, i timori delle privazioni energetiche. La guerra tra Russia e Ucraina e le sanzioni imposte dall’Ue stanno generando numerosi contraccolpi economici, compreso un rincaro generalizzato dei prezzi e le tensioni sul gas. Tutto questo sembra portare dritto verso un nuovo periodo di austerity, dopo quello vissuto negli anni Settanta con le famose domeniche a piedi. Siamo pronti ad affrontare un nuovo periodo di austerity? Prima facciamo un salto nel passato per ricordare cosa è successo negli anni ’70 e poi cerchiamo di capire se gli italiani sono disposti o meno a ridurre i propri consumi energetici.

SIGNIFICATO del NOME “AUGUSTO” Deriva dal latino Augustus che significa “consacrato”. Gli àuguri erano sacerdoti romani preposti all’interpretazione del volere divino, perciò tutto quello che veniva loro consacrato era degno di venerazione. Augusto non era quindi un nome vero e proprio, ma un titolo che venne imposto a tutti gli imperatori romani, il primo di questi fu Ottaviano (63 a.C.- 14 d.C.). in onore dell’imperatore Augusto è stato così chiamato l’ottavo mese dell’annO. Oggi è sant. Augusto. In Italia portano questo nome circa 59.519 persone di cui il 21,2% nel Lazio, 17,6% in Lombardia, poi….

PROVERBI: “A caval donato non si guarda in bocca” “All’opera si conosce il maestro” “Impara l’arte e mettila da parte” “Chi non sa fare lasci stare”

I TURNI delle FARMACIE:
TURNO DIURNO durante il giorno, per sapere i turni. si chiamare il Numero Verde Gratuito 800.356114 “Pronto Farmacie” attivo 24 ore su 24.
TURNO NOTTURNO: (da questa sera ore 21 a domani 1 marzo 2022 alle ore 9,00): BERGAMO Farmacia di Borgo Palazzo 83 – Brembate Sopra (fino le ore 24) – Calusco d’Adda – Castelli Calepio Farmacia di Cividino – Cenate Sopra – Cerete Colzate – DALMINE Farmacia “All’Università” – Riva di Solto – Romano di Lombardia Farmacia Via Rubini 1 – Sant’Omobono Terme – Sedrina – Taleggio – Torre Boldone – Torre de Roveri (fino le ore 24) – TREVIGLIO Comunale 3 Viale Piave – Urgnano Comunale Via C. Battisti – Valbondione – Vilminore di Scalve.
CONTINUITA’ ASSISTENZIALE (ex Guardia Medica) tel. 116117 attivo dalle ore 20 alle ore 8 nei giorni lavorativi – 24 ore su 24 nei giorni di sabato e domenica e festivi.

L’ANGOLO della LETTURA: “FAI BEI SOGNI – DIECI ANNI DOPO” – Autore Massimo Gramellini – narrativa – pag. 240 – costo € 12,90 – Trama: Fai bei sogni”, era un romanzo autobiografico e la vita dell’autore in questi ultimi dieci anni non solo è andata avanti, come è normale che sia, ma ha avuto anche molti cambiamenti e rivolgimenti. Perciò, in occasione di questo anniversario, Gramellini ha sentito il bisogno di rimettere mano alla sua storia, sia inserendo episodi che nella prima versione non aveva raccontato, sia aggiungendo un lungo capitolo in cui ne riprende i temi più forti e li passa al setaccio emotivo della sua vita di questi ultimi anni. Partendo così dalla morte di sua madre, Gramellini scrive nuove, sofferte e dense pagine con quel tono diretto e intimo che in dieci anni ha conquistato più di un milione di lettori. “Fai bei sogni” è la storia di un segreto celato in una busta per quarant’anni. La storia di un bambino, e poi di un adulto, che imparerà ad affrontare il dolore più grande, la perdita della mamma, e il mostro più insidioso: il timore di vivere. “Fai bei sogni” è dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. Un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà finiscono per smarrire se stessi.

L’ANGOLO della CULTURA e degli AVVENIMENTI
BERGAMO – Ateneo di Scienze – 2 marzo ore 17,30 – “Quali strategie in ambito forestale? – Il ruolo della gestione forestale – L’Orto Botanico di Bergamo –
BERGAMO – Museo del burattino – 1 marzo ore 10 – “I Chiaccheroni” – laboratorio
BERGAMO – Auditorium Piazza Libertà – 1 marzo ore 15,30 – Spettacolo di burattini
BERGAMO – Cinema Teatro del Borgo (Palazzo) – 1 marzo ore 16 – proiezione del film “La signora delle rose”
BERGAMO – Teatro Tascabile – 1 marzo ore 18 – Spettacolo “Io Carmine, Tu Agata” recupero dell’ex Carcere Sant’Agata
CLUSONE – Centro – 1 marzo – Sfilata di Carnevale
CLUSONE – Cinema Garden – 3 marzo ore 21 – Film di Qualità: “Scompartimento n.6 “
LEFFE – Museo del Tessile – 5 marzo ore 15 – Visita guidata – prenotazione obbligatoria
PONTE NOSSA – Piazza – 1 marzo ore 20 – Ballo in maschera

L’ANGOLO del CINEMA: “IL LEGIONARIO” –  critica *** – film drammatico – durata 81 minuti – consigliato a +13 anni – Daniel, italiano di seconda generazione, fa l’agente di polizia nei reparti della Mobile, parte di una squadra di celerini spesso chiamata a eseguire sgomberi di immobili occupati a Roma. La squadra è per lui una famiglia, nonostante la cameratesca integrazione al suo interno porti sempre un asterisco di fondo per l’unico poliziotto di colore del reparto. Daniel ha però anche una famiglia vera che cerca di tenere nascosta ai colleghi, una madre e un fratello che vivono in un palazzo occupato da sempre sotto minaccia di sgombero. Patrick, fratello pieno di rancore a causa del lavoro di Daniel, è tra i più attivi nel comitato degli occupanti, e le due vite non potranno essere tenute separate ancora a lungo.

L’ANGOLO della CUCINA: la PANADA era un piatto comune nelle case dei contadini, oggi lo trovi nei ristoranti tipici e gastronomici. E’ comune a molte regioni italiane come tanti piatti antichi, d’origine umile e contadina, che nascevano dalla necessità di sfruttare il pane secco fino all’ultima briciola. Cambiano i nomi, in Piemonte, Lombardia e Veneto è chiamato panada, e cambia il tipo di pane utilizzato e variano i condimenti, dall’olio extravergine al burro, allo strutto, ma la sostanza è la stessa, si  tratta di una zuppa a base di pane raffermo messo ad ammollare e cotto in un liquido, brodo di carne o latte nelle versioni più ricche, brodo vegetale o semplicemente acqua in quelle più semplici, con l’aggiunta eventualmente di qualche pezzo di verdura o pomodoro, magari un uovo, fino a che si forma una “pappa” morbida. Acquacotta e Pancotto sono zuppe povere che testimoniano un passato contadino, ma che possono essere anche grandi piatti moderni.

SEI NATO OGGI? Avete un innato senso della giustizia, forza di volontà e riuscite sempre a farvi un’idea generale di tutto. Intelligenza acuta e prontezza di riflessi fanno parte di voi, siete inoltre degli ottimi relatori e oratori. Dotati d’intelligenza, opportunismo ma soprattutto di grande ambizione, rischiate per questo di essere circondati dall’invidia. Generosi e protettivi, siete facilmente impressionabili, motivo per cui dovrete fare molta attenzione a non dare troppo alle persone sbagliate. Siete molto legati alla famiglia, e fareste qualsiasi cosa per essa. Capite subito se qualcuno a voi vicino ha bisogno di aiuto, e siete sempre presenti al loro fianco.

A BERGAMO e in PROVINCIA: il SOLE sorge alle ore 06.59 e tramonta alle ore 18.09– Durata del giorno ore 11.10 (+2 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte ore 12.50 (-2 minuti rispetto a ieri) – La LUNA calante (visibile al 18%) sorge oggi alle ore 06.14 e tramonta alle ore 15.13 www.comuni.bergamo.it

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,