Indice dei contenuti

NECROLOGIE DI OGGI 17 NOVEMBRE 2022

44^ Settimana – Giorni inizio/fine anno 321/44 – BUONA GIORNATA

  • GIORNATA MONDIALE degli STUDENTI
  • GIORNATA MONDIALE dei BAMBINI PREMATURI
  • GIORNATA MONDIALE della FILOSOFIA
  • GIORNATA NAZIONALE del GATTO NERO
  • GIORNATA MONDIALE della FILOSOFIA

I SANTI del GIORNO

Santa ELISABETTA d’UNGHERIA, religiosa. Chiamata la “Principessa della carità” è patrona delle Associazioni caritatevoli, degli infermieri, dei panettieri ed è con San Luigi dei Francesi, patrona principale del Terzo Ordine Regolare di San Francesco e dell’Ordine Francescano Secolare. A BERGAMO viene celebrata presso i Padri Cappuccini e le Suore Cappuccine di Clausura – San GREGORIO Taumaturgo Vescovo. Invocato contro i terremoti, le piene dei fiumi. E’ trai Santi invocati nelle cause disperate – Sant’EUGENIO Diacono – Sant’ILDA Badessa – Santi ALFIO e ZACCHEO martiri – La Chiesa celebra la Festa di altri 17 SANTI e 7 BEATI

AFORISMA del GIORNO

“Smettila di dire “non posso”. La tua mente crede a ciò che dici”

IL “PENSIERO” del GIORNO

“Gesù, alla vista della città, pianse su di essa”  Il cuore umano, quando è innamorato, piange davanti ad una drammatica sventura perché sta amando. È il mistero di un cuore che brama vivere e regalare serenità. In tal modo scopriamo che tale atteggiamento ritraduce un senso di speranza, pensando ad un futuro migliore per non cadere nel pessimismo. Le lacrime sono il linguaggio di un cuore che desidera riposare e sognare in un contesto di misteriosa speranza. – Padre, Gerusalemme è la città in cui abita la tua gloria ed è un segno della tua fedeltà alle promesse. Gesù vive questo tuo dramma nella speranza, perché ama ciò che tu ami. Vieni in aiuto alle nostre povertà perché sempre sappiamo avere il cuore aperto al tuo Cristo. Lo Spirito Santo ci stimoli a crescere in tale atteggiamento per gustare la tua meravigliosa e misteriosa fedeltà nei confronti dell’intera umanità. In te dilatiamo il desiderio di vedere un mondo veramente rinnovato. Amen – Mons. Antonio Donghi

ASSEGNO UNICO: le NOVITA’ nel 2023

Cosa si può prevedere in vista del 2023? Era stato messo in conto che la percentuale di adesione sarebbe stata inferiore al 100% il primo anno. Non è dunque una sorpresa. Certo è che alla fine dell’anno prossimo, se il trend delle rinunce rimanesse costante, ci potrebbe essere un altro avanzo di quasi 4 miliardi su 18 già stanziati. Arriviamo al sodo: l’assegno aumenterà? Sì, ma forse non del 50%, per tutti i livelli di Isee. Passare da 175 a 263 euro al mese come importo massimo per chi ha un Isee fino a 15 mila euro costerebbe tanto, almeno 6 miliardi. L’importo medio mensile per richiedente, oggi, è risultato pari a 233 euro ed è stato pagato in media per 1,6 figli per ciascun richiedente, mentre l’importo per ciascun figlio è risultato, sempre in media, di 145 euro. La cifra mensile salirà in ogni caso dal 1° gennaio 2023 perché gli importi devono essere adeguati al costo della vita, lo prevede proprio la legge che la ha introdotto. Così l’assegno unico ai figli sarà indicizzato all’inflazione, proprio come le pensioni. Conti alla mano, l’importo massimo andrà fino a 190 euro e quello minimo da 50 a 54 euro. Si alzerà però, contestualmente, anche la soglia Isee (è la “clausola di indicizzazione” prevista): quella che consente di avere l’importo massimo per figlio passerà da 15mila a 16.185 euro, quella per l’importo minimo passerà da 40mila a 43.160 euro. Le soglie Isee aumentate potrebbero cambiare il quadro generale, in prospettiva. Il motivo? Si pensi a cosa accadrebbe se più famiglie prenderanno l’assegno di livello massimo e meno famiglie prenderanno l’assegno di livello minimo. Dal 2023 se i requisiti del nucleo familiare non sono cambiati rispetto all’anno prima, l’assegno sarà comunque erogato direttamente dall’Inps, senza più l’obbligo di presentare la nuova domanda

SALTA L’AUMENTO del TETTO del CONTANTE

Salta, per ora, l’aumento della soglia dei pagamenti in contanti annunciato dal consiglio dei ministri che ha approvato il Decreto Aiuti quater lo scorso 10 novembre, ma il testo non è stato ancora pubblicato sulla Gazzetta ufficiale e nell’ultima bozza datata 16 novembre manca proprio la norma citata che era indicata nel comma 2 dell’articolo 6 della bozza entrata alla riunione del Cdm. Mancherebbero infatti i requisiti d’urgenza previsti per incorporare la norma in un decreto legge. E così com’era non poteva essere firmato al presidente della Repubblica Mattarella. Salta quindi per ora l’innalzamento della soglia per l’utilizzo del contante, da mille a 5 mila euro, a partire dal primo gennaio del 2023. Uno stop che potrebbe essere però solo momentaneo come confermano fonti della Lega: la norma tornerà nella prossima legge di bilancio ora in fase di definizione negli uffici del ministero dell’economia. Uno studio di Bankitalia ha mostrato che un precedente innalzamento del tetto, portato da mille a 3 mila euro dal governo Renzi nel 2016, aveva provocato un aumento dell’evasione fiscale

BLACK FRIDAY: ATTENZIONE alle FREGATURE in INTERNET

“Ho prenotato dei profumi e mi sono arrivate delle bottigliette d’acqua, chiamo e nessuno risponde” così scrive in una “Lettera al Direttore de …”. ll 26 novembre 2022 è il giorno delle grandi promozioni del Black Friday anche in Italia, una data speciale da segnare in calendario, perché interamente dedicata allo shopping a prezzi stracciati. Si sa, la tradizione del ‘venerdì nero’nasce negli Stati Uniti, ma ormai da qualche anno ha oltrepassato i confini e preso piede anche in Italia. Il Black Friday è l’occasione per togliersi degli sfizi, ma anche l’occasione per anticipare lo shopping natalizio, risparmiando tempo prezioso e soprattutto una buona quantità di denaro. Il venerdì nero coinvolge sia negozi fisici sia shop online, ma sono proprio questi ultimi ad avere preso il sopravvento e ad essere i protagonisti indiscussi della Black Week e, in generale, del Black November. Non fatevi prendere dal panico: è vero, il 26 novembre 2022, giorno del Black Friday, si avvicina, ma le occasioni non mancheranno: sarà sufficiente seguire le semplici regole soprattutto per gli acquisti via web. Cominciate subito a buttare giù la vostra lista, armatevi di carta prepagata e scegliete un buon amico da tenere al vostro fianco perché possa togliervela al momento giusto. La “Campagna SALDI INVERNALI” in Lombardia avrà inizio sabato 7 gennaio 2023 e terminerà mercoledì 8 marzo 2023

L’ECCIDIO alla MALGA LUNGA

Il 17 novembre 1944 la Malga viene attaccata di sorpresa da ingenti forze fasciste della Legione Tagliamento. Da giorni, le zone operative delle formazioni partigiane erano percorse da fitti rastrellamenti. I fascisti della Tagliamento giunsero di sorpresa alla Malga Lunga verso le ore 12. L’imboscata fu favorita da una serie di circostanze avverse, dal mancato allarme della sentinella al fatto che la squadra quel giorno si trovava a ranghi ridotti perché un gruppo di uomini era impegnata fuori reparto, per motivi legati all’attività partigiana. Sono otto i partigiani nella Malga: con Giorgio Paglia vi sono Guido Galimberti (“Barbieri”), Andrea Caslini (“Rocco”), Mario Zeduri (“Tormenta”), i russi Semion Kopcenko (“Simone”), Alexander Noghin (“Molotov”), Ilarion Efanov (“Starich”) e “Donez”. La battaglia infuria per quasi tre ore finché gli assalitori riescono a raggiungere il tetto e a lanciare all’interno alcune bombe a mano, costringendo alla resta i partigiani ormai a corto di munizioni. Giorgio Paglia e i suoi uomini si consegnano ai fascisti con la promessa di avere salva la vita. Tra i partigiani vi sono due feriti gravi, il russo Ilarion Efanov “Starich”, colpito da una bomba a mano fascista, e Mario Zeduri “Tormenta”, rientrato in Brigata proprio la mattina del 17 novembre, ancora sofferente per le lesioni riportate nella battaglia di Fonteno dell’agosto 1944. I fascisti non mantengono la parola e i due feriti vengono finiti immediatamente sul posto a colpi di pugnale. I sei partigiani superstiti vengono trascinati a valle nonostante il tentativo (ostacolato dalla neve alta) da parte degli uomini del comandante Brasi di liberare i prigionieri lungo la discesa. Quattro giorni dopo, per tutti, c’è la condanna a morte. A Giorgio Paglia si vuole concedere la grazia perché figlio di Guido, medaglia d’oro della Guerra d’Africa. Non avendo ottenuto la libertà anche per i suoi compagni, il giovane la rifiuta e anzi chiede di essere fucilato per primo per dimostrare ai compagni che sarebbe morto con loro. Sono le 18.00 del 21 novembre 1944 quando i sei prigionieri vengono fucilati sul lato sinistro del cimitero di Costa Volpino

ACCADDE OGGI

  • 1869 – Viene inaugurato il Canale di Suez (153 anni fa) su progetto dell’italiano Luigi Negrelli pioniere dell’ingegneria ferroviaria e civile. Suo consulente nella progettazione fu Don Giuseppe Bravi che fu Parroco di Cologno al Serio
  • 1967 – A Milano viene occupata (55 anni fa) l’Università Cattolica dagli studenti che contestano l’aumento delle Tasse scolastiche. A inizio così il famoso periodo del “68” gli anni della contestazione studentesca. A ricordo oggi si celebra la “Giornata Mondiale degli studenti”
  • 1970 – Viene brevettato (52 anni fa) il mouse

SIGNIFICATO del NOME “ELISABETTA

Il nome deriva dall’ebraico Elisheba, composto da El, Dio, e scheba, sette, il numero della perfezione; significa pertanto “Dio è perfezione” oppure “Dio è giuramento”. Esistono peraltro altre interpretazioni: infatti per alcuni sarebbe composto da El e da shabat, ovvero sabato. Il sabato era ed è per gli ebrei il giorno del riposo e della preghiera, quindi il nome potrebbe significare anche “il mio Dio è riposo”. Nome molto comune nelle comunità cristiane fin dai primi secoli per il culto di Santa Elisabetta, moglie di Zaccaria e madre di Giovanni Battista. Il nome ebraico originario, Elisheba, è il nome della moglie di Aronne. Elisheba venne poi tradotto nel greco Elisàbet e nel latino Elìsabet. La grande diffusione di questo nome, nella variante italiana e in quelle straniere, si deve alla fama delle diverse regine d’Inghilterra, imperatrici di Russia, Austria e Germania. Nella penisola iberica invece il latino Elisabet si trasformò in Elisabel e poi in Isabel, tradotto nell’italiano Isabella. In Italia portano questo nome circa 157.886 persone di cui il 20,3% in Lombardia

PROVERBI

  • “Uomo peloso uomo virtuoso”
  • “Un favore sospirato ha valore dimezzato”
  • “Hai fatto trenta, fai anche trentuno”

I TURNI delle FARMACIE:

  • TURNO DIURNO durante il giorno, per sapere i turni si può chiamare il Numero Verde Gratuito 800.356114 “Pronto Farmacie” attivo 24 ore su 24.
  • TURNO NOTTURNO: (da questa sera ore 21 a domani 18 novembre ore 9) Per sapere i turni si può chiamare il Numero Verde Gratuito 800.356114 “Pronto Farmacie” attivo 24/24 – consultare il sito www.federfarma.bergamo.it
  • CONTINUITA’ ASSISTENZIALE (ex Guardia Medica) tel. 116117 attivo dalle ore 20 alle ore 8 nei giorni lavorativi24 ore su 24 nei giorni di sabato e domenica (fino le ore 8 di lunedì) e festivi.

NOVITA’ in LIBRERIA: “ORIANA. UNA DONNA LIBERA”

Narrativa – Editore: Rizzoli – pag. 324 – costo € 29,00 – trama: Dall’infanzia a Firenze all’esperienza come staffetta partigiana, dalla precoce scoperta della vocazione per il giornalismo ai reportage di guerra nei luoghi più caldi del pianeta, dalla popolarità mondiale dei suoi libri alla scelta di una reclusione quasi totale fino al controverso impegno civile dopo gli attentati dell’11 settembre, la vita di Oriana Fallaci è una sfida continua in nome della libertà di essere sé stessa. Sempre. Con gli antipatici miti di Hollywood e gli astronauti, con i dittatori e i potenti della Terra. Con i suoi amori folli e geniali. Con i suoi libri. Questo romanzo grafico racconta non solo una scrittrice di genio ma anche le trasformazioni di settant’anni di storia attraverso il percorso umano, professionale, artistico e politico di una donna libera

COME POTEGGERE i CAPELLI in AUTUNNO e d’INVERNO

Come bisogna agire, dunque, per proteggere i capelli dal freddo? Ecco alcuni utili consigli: 1) Fai lo shampoo con acqua tiepida, risciacquando con acqua fredda, in quanto i capelli risentono del brusco cambio di temperatura dal caldo dell’acqua al freddo dell’ambiente esterno – 2) Non eccedere nella frequenza dei lavaggi e evita prodotti aggressivi, altrimenti potresti privare i capelli della loro protezione naturale – 3) Evita di asciugare i capelli con un getto d’aria troppo caldo che ne danneggia il fusto e non tenere il phon troppo vicino alla testa: prediligi una temperatura media e alterna ogni tanto aria calda e fredda. Modera l’uso della piastra – 4) Non uscire con i capelli umidi o bagnati, potresti ottenere “l’effetto paglia” – 5) Utilizza maschere ricche, super idratanti e nutrienti come quelle a base di olio di cocco o di argan – 6) Indossa un cappello – 7) Se vai a sciare, nebulizza uno spray a base di oli (quello solare è perfetto) per proteggere i capelli dal freddo, dal vento secco e dai raggi UV – 8) Pratica dei massaggi al cuoio capelluto per aiutare il sangue a circolare meglio: con i polpastrelli premi leggermente sulle tempie formando dei piccoli cerchi prima in senso orario, poi in senso antiorario. Poi estendi all’intero capo, senza tralasciare alcuna zona, partendo dall’attaccatura dei capelli e scendendo progressivamente verso la nuca. Ripeti la sequenza per 5 minuti

CULTURA e AVVENIMENTI in CITTA’ e in PROVINCIA

  • BERGAMO – Sacrestie della Cattedrale – fino al 27 novembre – Mostra “L’avete fatto a me” promossa dal Museo A. Bernareggi – ingresso libero
  • BERGAMO – Seminario Vescovile – 18 novembre ore 20,30 – incontro di preghiera: “Giovani in preghiera- Nelle tue mani”
  • BERGAMO – Università Via dei Caniana – 18 novembre ore 9 – Dibattito “Ecomafie: crimine organizzato – business e ambiente” 
  • BERGAMO – Centro Congressi Giovanni XXIII – 18 novembre ore 15 – “Festival dei Territori Industriali – Incontro-dibattito “Ridurre gli sprechi: strategie per la sostenibilità”
  • BERGAMO – Palazzo dei Contratti (Borsa Merci) 18 novembre ore 16,30 – dibattito sull’economia attuale
  • BERGAMO – Circolino Città Alta – 18 novembre ore 20,30 – Dibattito: “Una storia nera di provincia”
  • BERGAMO – Palamonti – 18 novembre ore 19 – CAI Bergamo propone: “L’Attacco che mai avvenne. Orobie 1915-18. La Linea Cadorna fra trincee, ambiente natura, persone e fatti”
  • BERGAMO – Cine Teatro Redona – 18 novembre ore 20,30 – proiezione del film “Giulia” in occasione della Giornata contro la violenza sulla donna
  • BERGAMO – Libreria Via Quarenghi – 18 novembre ore 17,30 – dibattito “Il pianeta disorientato – sogni di pandemia”
  • BERGAMO – Teatro Donizetti – 18 novembre ore 17,30 – “Le favorite” di Donizetti – inaugurazione della Stagione Lirica 2022
  • BERGAMO – Seminario Vescovile – 20 novembre dalle ore 9 – Incontro vocazionale per ragazzi e adolescenti 5^ elementare – 1^ e 2^ media
  • BERGAMO – Circolo Artistico Bergamasco (Palazzo ACI) – dal 19 novembre al 1° dicembre dalle ore 16 alle 19 – Collettiva di Pittura, sculture e fotografie
  • BERGAMO – Circolo Artistico Bergamasco (Palazzo ACI – 23 novembre ore 16,30 – incontro con la poesia bergamasca
  • BERGAMO – Piazzale degli Alpini – dal 18 novembre al 26 dicembre – Villaggio di Natale
  • CASTIONE della PRESOLANA – Centro – dal 19 novembre al 18 dicembre (ogni sabato e domenica e festivi) – Mercatini di Natale
  • BERGAMO – Patronato San Vincenzo – 19 novembre ore 10 – Incontro: “Abramo e la promessa della discendenza” relatore Don Davide Rota
  • NEMBRO – Teatro Modernissimo – 18 novembre ore 20,30 – spettacolo con Adriano Olivetti in “Le voci del tempo”
  • SERIATE – Biblioteca – 18 novembre ore 15 alle ore 17 – Corso di decorazione floreale natalizia
  • SERIATE – Biblioteca – 18 novembre ore 14,30 – 17,30 – Giochi in scatola per adulti e ragazzi
  • SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII – Teatro parrocchiale – 18 novembre ore 20,45 – spettacolo: “Continua a camminare”
  • TREVIGLIO – Teatro Nuovo – 19 novembre ore 21 – Elio canta e recita Enzo Jannacci

– IL CINEMA a BERGAMO: “NOTTE FANTASMA”

Da oggi nelle Sale di Bergamo – critica **** – film drammatico – durata 83 minuti – trama: racconta di un sabato sera, in cui il giovane Tarek è pronto a trascorrere del tempo in compagnia dei suoi amici; il programma è molto semplice e prevede di giocare alla playstation e mangiare junk food. Prima di incontrare gli altri, però, il ragazzo decide di andare al parco per comprare qualche grammo di fumo per la serata. Nel frattempo un uomo dentro un’auto lo sta tenendo sott’occhio, ha visto tutto ciò che è accaduto e prontamente gli si avvicina. Si tratta di un poliziotto, che dimostra di essere minaccioso e al contempo gentile, a tratti complice e completamente misterioso. Il poliziotto non arresta Tarek, ma decide di portarselo dietro. È così che il ragazzo, costretto a seguirlo, assiste a risse, inseguimenti e fughe per l’intera notte. Con l’arrivo dell’alba, però, i ruoli potrebbero invertirsi…

GIORNATA del BAKLAVA: un DOLCE IGP

La Francia ha lo champagne, la Turchia ha il baklava. Per i turchi la faccenda potrebbe chiudersi qui, ma non è così semplice perché il baklava è presente in quasi tutte le cucine della vicina Asia e dei Balcani: dalla bakllava albanese, alla pʼaḫlava armena fino alla baqlāwa araba, persiana (baqlavā) e addirittura tunisina (baklewa). Il dolce ottomano probabilmente discendeva da un simile piatto bizantino (greco dunque) a base di miele e noci, che però era ancora privo di pasta. Certo – o quasi – è che la pasta fillo utilizzata nell’odierna ricetta fu creata nel Palazzo Topkapi di Istanbul, dove il Sultano era solito donare ai propri soldati il dolce il 15 del mese di Ramadan nella cerimonia chiamata Baklava Alayı. I primi ad unire alcuni sottili strati di pasta a miele e noci furono probabilmente gli assiri (VIII secolo a.C.). Se però vogliamo mescolare le carte ancora un po’, c’è chi riscontra una sorta di antica baklava nella ricetta cinese del güllach risalente al 1330: un dolce a base di strati di pasta fillo sovrapposti e bagnati uno ad uno in latte riscaldato con lo zucchero che esiste ancora nella cucina turca

SEI NATO OGGI?

Le persone nate in questa data non avranno praticamente mai problemi finanziari. Sapete come fare i soldi e soprattutto come spenderli. Lavorate molto, siete persone serie e riuscite sempre a raggiungere i vostri obbiettivi. Interessati di finanza, progresso e beni materiali, avete la necessità di organizzare, per avere successo. Le vostre potenzialità si esprimono al meglio quando avete degli obiettivi ben chiari. Siete generosi, comprensivi e attivi. Dotati di una mente vulcanica e da un fisico sempre in movimento. Detestate le perdite di tempo e chi ve lo fa perdere. Innate capacità di giudizio, padronanza e capacità di esercitare l’autorità

LUNARIO A BERGAMO e in PROVINCIA

Il SOLE sorge alle ore 07.20 e tramonta alle ore 16.52 – Durata del giorno ore 09.32 (-2 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte ore 14.28 (+2 minuti rispetto a ieri) – La LUNA calante (visibile al 44%) sorge domani alle ore 00.03 e tramonta alle ore 14.12

Fonte immagine di copertina: Depositphotos

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,