Almanacco Bergamo 7 gennaio 2022 (Venerdì)

52^ settimana – Giorni inizio/fine anno 07/348BUON ANNO 2022
AUGURI di BUON COMPLEANNO e di BUON ONOMASTICO a tutti coloro che oggi lo festeggiano

SEI NATO OGGI? La tua caratteristica più appariscente è l’irritabilità. In realtà la tua aggressività cela la paura di non essere accettato. Questo atteggiamento ti procura non pochi problemi sia in amore che nel lavoro. E’ davvero un peccato perché le qualità per emergere in campo professionale e realizzarti nel settore affettivo, non ti mancano di certo. Cerca dunque di essere più paziente e conciliante con chi ti circonda e vedrai che riuscirai ad ottenere quel che desideri.

SIGNIFICATO DEL NOME VIRGINIA è vergine. Oggi è Santa Virginia. In Italia portano questo nome circa 60.848 persone di cui il 29,4% in Lombardia.

AFORISMA del GIORNO
I Magi bussano al Tuo cuore con un balsamo di SPERANZA, un profumo di GIOIA e uno scrigno di SERENITA’

PROVERBI
L’apparenza inganna
Non è l’abito che fa il monaco
L’esperienza è maestra delle cose
Impara l’arte e mettila da parte


I MORTI DEL GIORNO A BERGAMO E PROVINCIA (clicca qui)

I SANTI del GIORNO

San RAIOMONDO de Panafort. Padre Domenicano, grande sostenitore del Sacramento della Penitenza, patrono dei Giuristi e Avvocati – San LUCIANO martire – San CRISPINO Vescovo – San CIRO Patriarca – San RINALDO Monaca – Santa VIRGINIA pastorella e veggente – La Chiesa festeggia altri 12 SANTI e 5 BEATI

COSTI DELLA PILLOLA ANTI COVID

L’Agenzia italiana del farmaco ha approvato l’uso di Molnupivar, un medicinale che ostacola la riproduzione del virus nell’organismo: a chi è destinato? E’ in distribuzione, su ordinazione, nelle farmacie da 4 gennaio 2022. Secondo i test effettuati durante gli ultimi dodici mesi, il medicinale dovrebbe prevenire oltre il 30% dei casi gravi e dei ricoveri tra coloro che risultano positivi al virus: questo però nel caso in cui il farmaco venga assunto subito dopo l’avvenuto contagio. Il farmaco ha il vantaggio che può essere assunto a domicilio. Molnupiravir sarà riservato ai pazienti sopra ai 18 anni di età con fattori di rischio che fanno presagire un aggravamento. Va assunto entro 5 giorni dalla comparsa dei sintomi, altrimenti  il suo utilizzo rischia di diventare inutile. Il suo ruolo infatti è ostacolare la replicazione del virus nell’organismo, che avviene nelle prime fasi dell’infezione. L’assunzione di Molnupiravir consiste nell’ingestione di 4 compresse per 2 volte al giorno. Il costo di un ciclo – almeno sul mercato americano – è di circa 700 dollari (equivalenti a poco più di 615 euro). Il farmaco è in distribuzione alle Regioni dal 4 gennaio da parte della struttura commissariale del generale Figliuolo. Tutti i pazienti che lo assumono saranno iscritti in un apposito registro di monitoraggio per verificarne gli effetti a breve e a lungo termine. Il farmaco deve essere prescritto dal proprio medico, per ora, è a pagamento dell’assistito.

IL FREDDO E’ IN ARRIVO

Dopo le temperature miti di inizio anno a Bergamo sta per tornare l’inverno (quello vero). Nei prossimi giorni le temperature – sia minime che massime – si abbasseranno e rientreranno nelle medie del periodo. Tutto merito di una “perturbazione nord atlantica sta attraversando l’Italia e concentrando i suoi effetti tra la bassa Val Padana e le regioni centrali, sospinta da correnti fredde di estrazione artica che stanno provocando una diminuzione delle temperature e nevicate fino a quote molto basse”, è riportato nel Bollettino Meteo dell’Aeroporto di Orio al Serio. A Bergamo non sono previste nevicate, anzi. I cieli del Nord Italia, ormai fuori dal raggio d’azione della perturbazione, saranno prevalentemente sereni. La colonnina di mercurio, tuttavia, diminuirà la sua oscillazione e a partire da sabato 8 gennaio andrà sotto zero fino a raggiungere, nei momenti più caldi del giorno, massime tra i 7 e i 10 gradi.

IL PENSIERO del GIORNO  (a cura di Mons. Antonio Donghi)

“Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce”. Nel cuore di ogni uomo opera una intensa volontà di luce: è il desiderio di avvertire una presenza personale che rischiari le tenebre presenti nella storia quotidiana. Crediamo al sogno che alberga nelle nostre persone per non lasciarci sconfiggere dagli ostacoli. Amiamo cercare luce in ogni buio e ci proietteremo in avanti. Un cuore che ama brama sempre procedere verso un coraggioso futuro.Padre, nelle oscurità del quotidiano tu ci regali la LUCE che illumina ogni uomo che viene in questo mondo. Infondi nel nostro cuore questa certezza perché nelle difficoltà di tutti i giorni non ci perdiamo di coraggio. Il tuo Spirito creatore rafforzi in noi tale convinzione perché con grande speranza possiamo camminare verso un futuro che è nascosto nel tuo Amore. In te è la nostra bellezza rigeneratrice. Amen

FESTA del TRICOLORE e della BANDIERA

Secondo l’art. 12 della Costituzione Italiana: “La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni”. Oggi, 7 Gennaio, si celebra la Festa del Tricolore 2022, la giornata nazionale dedicata alla nascita della bandiera italiana. L’inconfondibile vessillo verde, bianco e rosso compie oggi 225 anni. L’Italia festeggia questa ricorrenza dal 1997, con celebrazioni di norma organizzate a Reggio Emilia, città che ha dato i “natali” alla bandiera italiana. Il tricolore nasce infatti nel capoluogo emiliano nel 1797, quando viene adottato come vessillo nazionale della Repubblica Cispadana, uno degli Stati istituiti nel Nord-Italia da Napoleone Bonaparte. La bandiera esiste quindi da ben prima dell’Unità d’Italia, che arriverà 64 anni dopo. Questo primo tricolore è però ben diverso da quello odierno. è a bande orizzontali, con il rosso come primo colore. Al centro della banda bianca, inoltre è presente il simbolo della Repubblica Cispadana, un turcasso con quattro frecce circondato da alloro. L’idea stessa del tricolore risale al 1794, quando due studenti universitari, Luigi Zamboni e Giovanni Battista De Rolandis organizzarono una sommossa per liberare Bologna dal giogo dello Stato Pontificio. Ispirati dalla Rivoluzione Francese e impazienti per l’arrivo di Napoleone, all’epoca visto come un liberatore, i giovani patrioti scelgono come simbolo della rivolta una coccarda tricolore: bianca e rossa, come gli stemmi di Bologna e Asti, e infine verde, colore della speranza. L’insurrezione, tuttavia, è un fallimento: lo Stato Pontificio condanna a morte entrambi gli studenti. Secondo alcuni storici, la Rivoluzione Francese influenzò fortemente la scelta dei colori della bandiera. Molti altri ricordano come, secondo le prime fonti ufficiali, i colori hanno ben altra origine. Erano infatti in uso nei vessilli della Legione Lombarda, unità militare di volontari della Repubblica Transpadana, altro Stato creato da Napoleone. Il rosso e il bianco erano i colori della bandiera comunale di Milano, mentre il verde quello delle uniformi della guardia civica della città lombarda. LEGGE e REGOLAMENTO per l’ESPOSIZIONE della BANDIERA pochi italiani sanno che per esporre una Bandiera ci sarebbe da rispettare la Legge n. 22 del 1998 pubblicata sulla G.U. del 18 maggio 2000. Purtroppo dobbiamo rilevare che noi italiani abbiamo poco rispetto della nostra Bandiera a partire da quelle esposte nei luoghi pubblici: sgualcite, strappate. Nei luoghi privati, secondo quanto prescrive la Legge, ci dovrebbe essere l’autorizzazione del Comune. La Bandiera dovrebbe essere esposta su un pennone più alto rispetto ad altre Bandiere, se lasciata di notte dovrebbe essere illuminata. Non si potrebbe usare, come avviene, al termine di manifestazioni sportive come avviene per le partite di calcio. Le Legge esiste ma come tante nessuno la fa rispettare a partire dagli Enti Pubblici

COSA RISCHIANO gli OVER-50 NOVAX?

La principale novità delle nuove norme anti Covid approvate ieri dal governo riguarda l’introduzione dell’obbligo vaccinale per tutti gli over 50, anche per quelli che non lavorano, fascia d’età considerata più esposta al rischio di ammalarsi. L’obbligo riguarda chiunque compia 50 anni entro il 15/06/2022. Chi svolge una qualsiasi attività, sia in ambito pubblico sia in ambito privato, per poter lavorare dovrà esibire un Green Pass rafforzato, cioè il certificato che viene rilasciato solo dopo il vaccino o la guarigione dall’infezione, misura che partirà dal 15 febbraio. Per gli over 50 che si presenteranno al lavoro senza Super Green pass niente stipendio ma conservazione del posto di lavoro, come prevede la bozza. Saranno considerati “assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro, fino alla presentazione” del certificato rafforzato. Chi non rispetta il divieto subirà una sanzione amministrativa tra 600 e 1.500 euro. Tutte le imprese potranno sostituire i lavoratori sospesi. La sostituzione è di dieci giorni rinnovabili fino al 31 marzo 2022.  Per gli over50 che non lavorano la sanzione è di 100 euro. In una prima bozza del decreto era previsto anche l’obbligo del Super Green Pass per accedere ad attività commerciali e servizi, ma la norma è stata poi stralciata a seguito della forte opposizione della Lega, che aveva minacciato di non votare il decreto. Nella versione finale del testo viene stabilito che per accedere ai servizi alla persona, a banche, poste, uffici pubblici, negozi, centri commerciali, basterà il Green Pass base, quello che si ottiene anche con un tampone negativo. Per i servizi per la persona, come parrucchieri, barbieri o estetisti, la rixhiesta del Green Pass base entrerà in vigore dal 20 gennaio mentre per quanto riguarda le altre attività l’obbligo di certificazione verde base partirà dal 1 febbraio

LEGGE di BILANCIO 2022: CONFERMATI i BONUS CASA

La Legge di Bilancio 2022 ha confermato alcuni dei più importanti Bonus Casa, ovvero le agevolazioni pensate per favorire la ripresa del settore edilizio nonchè la ristrutturazione e l’ammodernamento degli edifici italiani. La Legge è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il 1° gennaio 2022 diventando, così, totalmente effettiva. Ecco quali sono i Bonus Casa, le novità rispetto al 2021, le scadenze e i requisiti da avere.

  • BONUS BARRIERE ARCHITETTONICHE Tra le novità dell’anno spicca il Bonus Barriere Architettoniche, che prevede una detrazione del 75% per rimuovere le barriere architettoniche in edifici di diverso tipo. Si potrà, quindi, usare per installare ascensori, montacarichi, seggiolini scorrevoli nelle scale, soluzioni cruciali per rendere un edificio accessibile a disabili e chiunque abbia mobilità ridotta.
  • SUPERBOBUS 2022: nella Manovra Finanziaria non poteva mancare il Superbonus 110%, la principale agevolazione dedicata agli immobili, nata nel pieno della pandemia con il Decreto Ristori. l’agevolazione è stata prorogata per tutti, senza il tetto ISEE di 25 mila euro per le ville unifamiliari di cui tanto si era parlato. Le scadenze sono differenti in base al soggetto che richiede il beneficio:
  • BONUS RISTRUTTURAZIONI: ritorna nel 2022 e prevede un’aliquota del 50% sulle spese sostenute per ristrutturare l’immobile, fino ad un massimo di 48mila euro. Occorrerà registrare gli interventi all’interno di lavori più generali, ovvero quelli di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento dell’unità immobiliare. Ecobonus e Bonus Ristrutturazione si possono richiedere fino al 31 dicembre 2024
  • BONUS MOBILI e ELETTRODOMESTICI 2022: Un altro bonus confermato dalla Legge di Bilancio 2022 è quello dedicato alla sostituzione e all’acquisto di nuovi mobili ed elettrodomestici. Questi articoli si potranno acquistare con l’agevolazione solo per immobili oggetto di ristrutturazione. Rispetto al 2021 sono cambiati i tetti di spesa detraibile. Infatti, la nuova manovra prevede la detrazione del 50% delle spese sostenute che possono essere elargite, sotto forma di detrazione, in 10 rate annuali di pari importo. La spesa massima non è più 16mila euro ma 10mila euro nel 2022, mentre nel 2023 e 2024 diventerà di 5mila euro. Le spese sostenute nel trienni 2022-2024 devono essere rivolte a mobili ed elettrodomestici di classe A per i forni, almeno F per i frigoriferi e congelatori ed E per le lavatrici, le lavasciuga e le lavastoviglie. Si possono detrarre anche le spese di trasporto e montaggio.
  • BONUS FACCIATE 2022: Ritorna anche il Bonus Facciate, ma anche stavolta è ridimensionato. Infatti, la detrazione non sarà più del 90%, ma passerà al 60% delle spese sostenute per il rifacimento della superficie esterna degli edifici visibile dal suolo pubblico o strutture situate in zone ad alta densità urbanistica. Dal 2023 il Bonus Facciate sarà integrato nel Bonus Manutenzione, un’agevolazione che riguarda lavori per la casa più generali e che permetterà di avere una detrazione del 50%.
  • BONUS INFISSI 2022 è legato all’Ecobonus, perciò la sostituzione degli infissi sarà agevolabile solo se migliorerà l’efficienza termica dell’abitazione. La detrazione del 50% si può richiedere per la sostituzione (non nuova installazione) di finestre, serramenti, ma anche porte-finestre, persiane, avvolgibili, tende da sole orientate a nord. Si può richiedere un rimborso fino a 60 mila euro per immobile, compresi interventi di muratura e altre prestazioni professionali.

BASTA TELEFONATE COMMERCIALI dai CALL CENTER

Giorni contati per le chiamate indesiderate dei call center ai cellulari. Nonostante i tanti anni di rinvii nel 2022 si potrebbe arrivare alle battute finali per l’adozione dello strumento di difesa più efficace contro il telemarketing selvaggio. Dopo i rimpalli governo dopo governo, anche per i telefonini potrebbe essere presto messo a punto un registro delle opposizioni dove può inserire il proprio numero chi non vuole ricevere chiamate a scopo commerciale. Gli utenti che non vorranno più ricevere telefonare indesiderate sul proprio cellulare dovranno iscriversi gratuitamente al nuovo Registro delle Opposizioni, e per farlo avranno a disposizione quattro modalità: 1) web (con la compilazione di un modulo elettronico) – 2) telefono (chiamando il numero verde del Registro delle Opposizioni) – 3) email (con l’invio di un apposito modulo) – 4) raccomandata. Gli operatori telefonici che svolgono attività di telemarketing avranno dunque l’obbligo di consultare il Registro e il divieto di chiamare gli utenti dopo 15 giorni dall’iscrizione.Le telefonate pubblicitarie quindi potranno essere fatte solo ai numeri non presenti in registro, ad eccezione delle compagnie con cui l’utente ha un contratto attivo o con cui lo aveva fino a 30 giorni prima. Con provvedimento del Ministero saranno resi noti i recapiti del “Registro delle Opposizioni” e questo, secondo quanto reso noto, non avverrà prima dell’estate 2022.

LE VIE E LE PIAZZE DI BERGAMO. GIOVAN BATTISTA DELL’ERA

Nato a Treviglio il 20 maggio 1765 – morto a Firenze il 7 gennaio 1798 è stato un pittore italiano. Le città di Bergamo e di Treviglio ghi hanno dedicato una Via. solo famiglie benestanti economicamente. Il precoce avvio del Dell’Era. alla pittura, forse in contrasto con la volontà paterna, avvenne a Bergamo, dove egli compì il proprio apprendistato presso il pittore Capella. Rimane comunque una traccia dei rapporti artistici dei Dell’Era. con la città natale in un disegno giovanile esposto nella parrocchiale trevigliese di S. Martino. Influì fortemente sull’artista la frequentazione nei primi anni ’80 dei corsi presso la neocostituita Accademia di belle arti di Brera alla quale poté accedere grazie alla sovvenzione assicuratagli dall’orefice Varisco. Da una lettera autografa del marzo 1785 si ha notizia della sua presenza a Roma per un primo soggiorno di studio. Roma offrì a Ddell’Era uno degli ambienti più stimolanti dell’epoca; un appoggio determinante gli venne dal neocletto cardinale di origine bergamasca Francesco Carrara, fratello di Giacomo – il futuro fondatore dell’omonima Accademia di Bergamo – ed a sua volta intenditore d’arte. Il cardinale infatti gli commissionò il proprio ritratto (Bergamo, Arch. d. Accademia Carrara), e lo introdusse nel cosmopolita ambiente artistico romano. Ciò valse probabilmente al giovane trevigliese l’ingresso in una selezionata cerchia di artisti neoclassici che, coordinati dal bergamasco Giacomo Quarenghi, architetto di corte dell’imperatrice Caterina II, eseguirono all’encausto la riproduzione a grandezza naturale delle Logge vaticane di Raffaello, che furono ricomposte dal Quarenghi nell’Ermitage di Pietroburgo, dove attualmente ancora si trovano. All’inizio del 1787 egli inviò a Bologna da Roma la tela, moderatamente innovativa nel taglio compositivo e nell’ambientazione classica, raffigurante Egeo che riconosce il figlio Teseo, per la prima edizione del premio curlandese di pittura, e venne proclamato vincitore il 12 febbraio. Solo nella primavera 1789 lasciò Roma per alcuni mesi: tra il maggio e il giugno era infatti a Firenze impegnato a copiare i dipinti della “Galleria dei lavori di commesso”: In quell’anno, venne eletto accademico delle arti del disegno (13 sett. 1789). La fama dell’artista rimane comunque legata ad un soggetto sacro, la pala di Ester davanti ad Assuero, eseguita grazie alla mediazione del conte Carrara, per la cappella del Rosario nella basilica di S. Martino ad Alzano Maggiore (Bergamo), ove tuttora si trova. Contemporaneamente l’artista eseguì per la cupola della cappella dedicata a S. Maria del Conforto nel duomo di Arezzo quattro cartoni raffiguranti rispettivamente lo Sposalizio della Vergine, la Visitazione, l’Adorazione dei magi, la Disputa nel tempio, Il Dell’Era morì prematuramente a Firenze il 7 gennaio 1798 (si ignora il luogo della sua sepoltura)

IL MUSICAL GHOST AL CREBERG – 21 GENNAIO

L’eterna storia d’amore tra Sam e Molly continua a far sognare e a emozionare il pubblico che potrà finalmente rivivere la magia di Ghost, il musical nelle tappe del lungo tour che dal 28 dicembre 2021 fino al 10 aprile 2022 toccherà le maggiori città italiane. Lo spettacolo tornerà così a teatro con quello stesso fascino e quella stessa energia che avevano letteralmente conquistato le platee durante il tour di debutto della scorsa stagione quando purtroppo aveva dovuto interrompere le proprie repliche a causa della pandemia. Il comunicato.

BERGAMO. APERTI I NIDI MA SOSPESI GLI SPAZI AUTONOMIA, BEBÈ E LUDOTECHE

Le verifiche sull’andamento della pandemia e sulle assenze del personale, portano a dover effettuare delle scelte nell’erogazione dei servizi per l’infanzia e per i giovani. E’ stato scelto di garantire la riapertura lunedì 10 gennaio degli asili nido comunali che complessivamente in questo momento accolgono circa 560 bambini e bambine e che ovviamente osserveranno le normative previste dall’ultimo decreto del Governo, cioè sospensione per 10 giorni delle attività di sezione con uno o più positivi. Si sospende invece fino alla fine di gennaio l’attività dei servizi complementari (spazi autonomia, spazi bebè e ludoteche). Le strutture interessate sono: Ludoteca al Parco Locatelli e Ludoteca al Parco Turani; spazio bebè al Parco Locatelli e spazio bebè al Centro Famiglia; spazio autonomia al Parco Locatelli e spazio autonomia al Centro Famiglia. Infine, in accordo con i Dirigenti scolastici, sono sospese fino al 23 gennaio le attività delle “Scuole Aperte” così come si spostano online le attività presso gli spazi giovanili di quartiere (Boccaleone, Celadina, Grumello al Piano, Monterosso) che poi riprenderanno con accesso subordinato alla presentazione di green pass. Il tutto salvo verifica della situazione dei contagi dopo il 20 gennaio.

FARMACIE di TURNO NOTTURNO

(da questa sera ore 21 a domani 8 gennaio 2022 alle ore 9,00): TURNO NOTTURNO: Albano S.A. farmacia Comunale – Alzano L.do Farmacia di Nese – Bedulita – BERGAMO Farmacia Centrale Via XX Settembre – Cisano Bg.sco – Martinengo – Osio Sotto – Peia – Ponte San Pietro Farm. Mauri Via Roma 60 (fino le ore 24) – Predore – Rovetta – Sedrina – Seriate Farm. Del Cassinone (fino le ore 24) – Solto Collina – Taleggio – Treviglio Comunale 3 Viale Piave 43.
FARMACIE di TURNO DIURNO durante il giorno, per sapere i turni. puoi chiamare il Numero Verde Gratuito 800.356114 “Pronto Farmacie” attivo 24 ore su 24
CONTINUITA’ ASSISTENZIALE (ex Guardia Medica) tel. 116117 attivo dalle ore 20 alle ore 8 nei giorni lavorativi – 24 ore su 24 nei giorni di sabato e domenica e festivi.
SERVIZIO PEDIATRICO GRATUITO: il SABATO pomeriggio (dalle 14 alle 18,30) presso i Comuni: Albino (tel. 035 306.2722) – Almenno San Salvatore (tel. 035. 632.0021) – BERGAMO (tel. 035. 267.6523) – Calusco d’Adda (tel. 035.438.9418) – Dalmine (tel. 035.378.134) – Romano di Lombardia (tel. 0363.919220) – Sarnico (tel. 035.306.2444) – San Giovanni Bianco (tel. 0345.273.54)

L’ANGOLO della CULTURA A BERGAMO

  • BERGAMO – Borgo Palazzo – 8 gennaio ore 16 – Visita guidata ai Presepi esposti nelle varie vetrine dei negozi del Borgo
  • BERGAMO – Mutuo Soccorso Via Zambonate – 10 gennaio ore 17,30 “Giustizia: prospettive di riforma. Tra efficienza e garanzia del sistema” Promossa da PD Bergamo
  • BERGAMO – Ex Monastero del Carmine Città Alta – 8 gennaio ore 21 – Circo Stanza in Concerto
  • BERGAMO – Spazio Polaresco – 8 gennaio ore 21.00 – “Eleazaro Rossi in Concerto”
  • BERGAMO – Museo delle Storie – Apertura straordinaria fino al giorno 9 gennaio con orario continuato dalle ore 10 alle ore 18.
  • ARDESIO – Sala Consiliare – fino al 9 gennaio – “Un viaggio nella storia di Ardesio” di Enzo Valenti – Vivi Ardesio con la Pro Loco Ardesio e il Comune di Ardesio e in collaborazione con L’Eco di Bergamo, una mostra dedicata agli articoli su Ardesio di Enzo Valenti.
  • DALMINE – 9 genn. dalle ore 14 alle 18 – Visita guidata al Rifugio antiaereo – prenotazione obbligatoria a: www.comune.dalmine.bg.it
  • GRASSOBBIO – Chiesa di S. Alessandro – fino al 9 gennaio – Mostra di presepi
  • LOVERE – Centro storico – fino al 9 gennaio – “Il Borgo della Luce”
  • ISEO – Fondazione Arsenale – fino al 9 gennaio – Espone Silvia Inservini
  • PALAZZOLO S/O – P.le Papa Giovanni – fino al 16 gennaio – Pista di Pattinaggio su ghiaccio
  • PONTE SAN PIETRO – Chiesa Vecchia – fino al 9 gennaio – Mostra di Presepi
  • SERINA – Viale Papa Giovanni – fino al 9 gennaio – Pista di pattinaggio su ghiaccio
  • TRESCORE BALNEARIO – Cine teatro Nuovo – 8 gennaio ore 20.30 – “Musica alla ribalta. Giovani artisti in concerto”

L’ANGOLO della LETTURA

L’INCREDIBILE FAMIGLIA APPENZELLAutore: di Sébastien Perez, Benjamin Lacombe – Rizzoli Editore – Collana per ragazzi – pag. 80 – costo € 25,00 – Da un matrimonio segreto nasce una famiglia speciale. Questa è la sua storia. Un volume prezioso per un racconto deliziosamente dark che ci parla del diritto di ciascuno a essere “unico” e “diverso”. Con le meravigliose illustrazioni di Benjamin Lacombe. sorriso.

L’ANGOLO del CINEMA

AMERICA LATINA – Giudizio**** – Thriller – Durata 90 minuti – Consigliato + 13 anni – Trama: I fratelli D’Innocenzo sanno fare cinema. Con questo assunto si intende sottolineare che gli Autori (e loro lo stanno, film dopo film, diventando) sono quelli che non si adagiano su schemi ripetibili ma si impegnano nello spiazzare non solo il pubblico ma anche se stessi. In questo film, di cui non andrebbe conosciuta una riga in più di trama di quelle scritte sopra, continuano a perseguire il percorso iniziato con La terra dell’abbastanza in cui mettevano a nudo l’appiattimento delle coscienze per proseguire poi con il pluripremiato Favolacce al cui centro c’era un maschio alfa interpretato da Elio Germano. Il quale torna per dare corpo (e fiato) a un personaggio opposto, tutto regolatezza e comportamenti socialmente accettati ed accettabili. L’attore gli dà fiato nel senso che il suo respiro, che diviene man mano sempre più teso, si amplifica rimanendo sempre auditivamente in primo piano mentre la macchina da presa ne esplora da distanza più che ravvicinata le espressioni.

L’ANGOLO della CUCINA: CANEDERLI

Come tradizione vuole, anche la nascita dei canederli affonda le sue radici nella leggenda. Nati come un piatto povero contadino e del recupero del pane raffermo, spesso arricchito da erbette di campo o rape, meno frequentemente da carne o speck, ingredienti riservati ai giorni di festa. Ogni famiglia e ogni locanda conserva la propria ricetta, che varia di poco e si adatta a quello che in cucina avanza, canederli per tutti i gusti, coi porcini, di mare, vegetariani e anche dolci. Nei vecchi ricettari è facile trovare accanto ai più tradizionali canederli, i “canederlini” o “canederlotti” da servire in brodo o anche come contorno

Per tutte le notizie seguici su Google News

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in: