Press ESC to close

Guido Tedoldi

Le navi da crociera producono una quantità esagerata di inquinanti atmosferici. Solo per fare un esempio, nei paraggi di Venezia, nel 2017, sono arrivate 68 navi che hanno disperso in atmosfera circa 27 tonnellate di ossidi di zolfo. Sulla terraferma veneziana si stima che ci siano 110˙000 automobili, le quali nello stesso 2017 hanno emesso meno di 2 tonnellate complessive di ossidi di zolfo.

Cosa hanno fatto 68 navi da crociera a Venezia

68 navi da crociera che a Venezia hanno inquinato 13 volte di più di 110.000 auto. Il dato, impressionante, è stato pubblicato da TransportEnvironment, una organizzazione che monitora l’inquinamento atmosferico (il suo sito online è al link: https://www.transportenvironment.org/wp-content/uploads/2021/07/One%20Corporation%20to%20Pollute%20Them%20All_English.pdf) e rilanciato da Davide Michielin sul sito web della rivista Le Scienze (al link: https://www.lescienze.it/news/2019/06/21/news/inquinamento_grandi_navi-4453766/).

Gli studiosi hanno tratto i loro dati dal sistema Ais, una sorta di gps che controlla la posizione delle navi da crociera – che è pubblicamente disponibile (qualche info su la Wikipedia online al link: https://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di_identificazione_automatica). Le navi controllate sono state 203, in viaggio principalmente nel Mediterraneo e nel Mare del Nord.

Nel 2017 quelle navi hanno consumato più di 3,2 milioni di tonnellate di carburanti derivati dal petrolio, versando in atmosfera 10,3 milioni di tonnellate di anidride carbonica, 155.000 tonnellate di ossidi di azoto e 62.000 tonnellate di ossidi di zolfo – aggiungendo pure 10.000 di polveri sottili.

Uno dei motivi di tanto inquinamento è il fatto che i motori delle navi sono enormi rispetto a quelli delle automobili, essendo concepiti per trasportare pesi di centinaia di migliaia di tonnellate e migliaia di persone tra passeggeri ed equipaggio.

Azoto e zolfo

Ma un altro motivo è la qualità dei carburanti utilizzati. Quelli navali possono contenere lo 0,1% di zolfo, mentre quelli delle auto possono arrivare soltanto allo 0,001%, ovvero 1˙000 volte meno. Questo per quanto riguarda lo zolfo.

Per quanto riguarda l’azoto, e considerando i soli porti italiani, le 141 navi da crociera monitorate hanno emesso il 17% rispetto alle 38 milioni di autovetture circolanti nel nostro Paese. Per quanto riguarda le polveri sottili, le navi hanno emesso il 12% rispetto alle auto.

I gas di zolfo e azoto aumentano l’effetto serra, le polveri sottili hanno azione cancerogena.

Il settore della cantieristica navale è in forte sviluppo, e le nuove navi in costruzione e in progetto hanno motori più puliti.

Per il momento, però… le navi inquinano di brutto.

Print Friendly, PDF & Email

Autore

Guido Tedoldi

Nato nel 1965 nel milieu operaio della bassa Bergamasca. Ci sono stato fino ai 30 anni d’età, poi ho scelto di scrivere. Nel 2002 sono diventato giornalista iscritto all’Albo dei professionisti. Nel 2006 ho cominciato con i blog, che erano tra gli avamposti del futuro. Ci sono ancora. Venite.

Vedi tutti gli articoli

Preferenze dei cookie