A volte, un po’ per necessità, un po’ per spirito di avventura, si solcano torrenti perduti nel tempo, e nel tempo ritrovati. Sono piccoli corsi d’acqua in cui si è pescato anni addietro, poi abbandonati per altri lidi, altre atmosfere, altri pesci. Ma i ricordi si affollano alla mente appena li rincontro, ricordi di bei pesci catturati, di memorabili battute di pesca, di angoli di natura mai dimenticati. Tutto mi porta indietro nel tempo, a quando, trent’anni prima cominciai ad interagire sistematicamente con tali corsi d’acqua, con tali spots**, con quei pesci, bellissimi, che mi sembrava strano e favoloso trovare proprio lì.

Ecco, risalire uno di questi piccoli torrenti in una tiepida domenica di fine marzo, domandandomi se ci saranno ancora pesci per farmi divertire, e un quesito lecito ed intrigante. E’ come cercare di tornare indietro nel tempo, anche se so perfettamente che il tempo scorre, e non aspetta nessuno, anche se so che tutto quello che era prima, ora non è più! E dentro di me so che è così, ma spero fortemente che qualcosa dell’antico fascino sia ancora rimasto vivo, per farmi di nuovo godere. Poi inizio a risalire il torrente, inizio ad annusare l’aria, a guardarmi in giro, a scrutare a fondo le pieghe di questo piccolo mondo antico, e all’improvviso lo sento, è lui, il mio vecchio amico che mi sta salutando, e che si mostra ancora una volta nella sua veste migliore, quella che mi fece innamorare di lui tanti anni fa.

Si, perché anche questo è amore, lo è verso un mondo, il mio, che non si esaurirà mai, anzi, ad ogni anno che passa acquista forza e fulgore. E arrivano anche loro, le trote, non tante come allora, ma belle, belle di una bellezza selvaggia che mi regala felicità. Mi fermo un attimo lì, seduto su quel grande masso ai piedi della cascata, da quanto non ci vediamo, da anni oramai. Perdonami se non sono più venuto a vederti, a trovarti, ma ora sono qui e ti guardo. E tu mi fai il regalo più bello di questa tiepida mattina di fine marzo. Grazie, ritornerò!!

** in gergo, sono i punti di particolare importanza, sia paesaggistica, sia alieutica, cioè legata alla pesca vera e propria. Cioè i punti migliori del torrente!


Leggi anche: Carpe giganti nel fossato di Cologno al Serio

Tagged in: