Almanacco di oggi 10 luglio 2021 (Sabato); Notizie e curiosità

27^ settimana – Giorni inizio/fine anno 180/175 – BUON WEEKEND

OGGI in QUESTO ALMANACCO:

  • I Santi del giorno
  • Il “pensiero” del giorno
  • Storia di Bergamo
  • L’appello della Regione: “Giovani vaccinatevi
  • Bergamo e i “Grandi Italiani” nelle Vie della città
  • Un gelato può sostituire un pasto?
  • Liti condominiali
  • Accadde Oggi
  • I benefici del melone
  • Altre “Notizie e Curiosità del giorno”. 
  • I MORTI DI OGGI E LA DATA DEI FUNERALI (clicca qui)
  • TUTTA LA CRONACA (clicca qui)

I SANTI del GIORNO:
Sante RUFINA e SECONDA martiri
Sante ANATOLIA e VITTORIA martiri
Santi FELICE, FILIPPO, VITALE, MARZIALE, ALESSANDRO, SILVANO e GENNARO martiri

AFORISMA del GIORNO: “Perché tu puoi anche essere un libro aperto, ma se capiti in mano a degli analfabeti, non c’è speranza”

IL “PENSIERO” del GIORNO (di Don Antonio Donghi)  “Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati.” – Con una simile immagine ci viene offerta una visione serena e paziente della vita. Infatti intuiamo che la nostra esistenza è un mistero che si sviluppa al di là delle nostre previsioni. Viviamo in tanti oggi ricchi di imprevedibilità. Ciò che conta è che viviamo ogni istante con tanta fiducia per costruire un mondo migliore –  Padre, nelle tue mani è la nostra vita e questo fatto allieta il nostro cuore. Donaci il tuo Spirito vitale perché possiamo camminare nella tua misteriosa volontà con tanta fiducia. Qui scopriamo la bellezza feconda di seguire giorno per giorno il tuo Figlio Gesù che ci aiuta a costruire la nostra vera umanità per crescere nella vera solidarietà con ogni fratello. Amen

STORIA di BERGAMO: il 10 luglio 1838 (183 anni fa), in occasione dell’ingresso in Bergamo di Francesco I Imperatore d’Austra e Re d’Ungheria viene inaugurata la “Strada Ferninandea” (oggi meglio conosciuta come Via Roma, dall’incrocio di Porta Nuova, all’incrocio di Via Verdi e Viale Vittorio Emanuele, da Via Verdi a Porta San’Agostino). In tale occasione l’Imperatore inaugura anche i “Propilei” di Porta Nuova (precedentemente chiamata “Barriera alle Grazie” per il passaggio che c’era nelle antiche Muraine. L’attuale Viale Papa Giovanni fu realizzato molti anni dopo. Al dì della “Barriera” sorgevano l’antica “Casa di Ricovero dei poveri” (oggi sede del Credito Bergamasco e fu anche la prima sede della Croce Rossa) e l’antico Convento Francescano e l’antica Chiesa dedicata a Santa Maria delle Grazie del 1419 su iniziativa di San Bernardino da Siena.. Sia il Convento che la Chiesa furono completamente (o quasi) abbattuti per creare l’attuale Viale. L’attuale Chiesa “alla Grazie” è stata costruita in occasione del dogma dell’Immacolata Concezione nel 1857. Questi brevi cenni storici mi portano ad invitarti ad una più ampia lettura della storia che puoi trovare an hd in internet.

L’APPELLO della REGIONE LOMBARDIA: “GIOVANI VACCINATEVI” La variante Delta (indiana), la più contagiosa finora del virus che provoca il covid-19, ha preso il sopravvento anche in Lombardia. Nella prima settimana di luglio, infatti, la Regione conferma il sorpasso in atto con la variante Alpha (inglese). L’analisi, che si basa su dati consolidati all’8 luglio, è stata realizzata dalla Direzione Generale Welfare ed evidenzia che dall’1 gennaio sono state eseguite 19.374 genotipizzazioni per 16.916 pazienti. Complessivamente i pazienti per cui è stata identificata la variante Delta sono 522, pari al 3% di tutti i casi sottoposti sino ad ora a genotipizzazione. E’ confermato che nell’88% dei casi i contagiati sono pazienti non vaccinati, media che crolla al 6% tra coloro che invece hanno completato il ciclo vaccinale, con tutte le varianti che rispondono in maniera percentualmente simile alla copertura vaccinale. Copertura vaccinale che nei casi di contagio comunque evita l’evolversi grave della malattia. in particolare ai giovani, e alle loro famiglie, per i quali saranno a disposizione 500.000 slot speciali dal 23 agosto, prenotabili da subito attraverso i consolidati canali: portale, Postamat, portalettere o chiamando il numero verde 800.89.45.45″.

BERGAMO e i “GRANDI ITALIANI”: GIUSEPPE GAUDENZI nato a Terra del Sole il 17 febbraio 1872 morto a Forlì il 10 luglio 1936 (85 anni fa) è stato un politico italiano. La città di Bergamo gli ha dedicato una Via. Compì gli studi a Firenze. Fu uno dei più attivi propagandisti nonché principale fondatore e primo segretario del Partito Repubblicano Italiano, fu anche uno dei più tenaci fautori della ricostruzione del partito dopo le divisioni fra “associazionisti mazziniani” e “collettivisti” o “sociali”. Nel 1890 fondò il giornale La Romagna. Il 30 aprile 1894 diventò presidente del Circolo Giuseppe Mazzini di Forlì, che contava allora oltre 600 soci. A questo avvenimento si lega la rinascita del partito repubblicano sia in Romagna che in Italia. Nel 1895, Gaudenzi costituisce le prime organizzazioni economiche repubblicane nel forlivese. Deputato repubblicano di Forlì dalla XXII legislatura dal 1904 al 1919 e pro-sindaco della città dal 1919 al 1923. Alla rielezione del 1909 alla Camera dei Deputati, Gaudenzi invece di giurare fedeltà al Re giura “fedeltà alla Patria e al Popolo”. Nelle consultazioni del 1913 nel collegio di Forlì Gaudenzi batte largamente il socialista Benito Mussolini.. Allo scoppio della Prima guerra mondiale, Gaudenzi aderì con riluttanza all’interventismo. Sconfitto nelle elezioni politiche del 1919, riassunse in quel medesimo anno la guida del Comune di Forlì, che tenne fino al 30 ottobre 1922 quando i fascisti, con l’occupazione del municipio, gli imposero le dimissioni insieme con quelle dell’intera giunta. Durante quest’ultimo mandato da Sindaco, nel 1921, inaugurò, nella piazza principale di Forlì, oggi Piazza Aurelio Saffi, il forlivese che fu punto di riferimento per tutto il movimento mazziniano italiano, dopo la morte di Giuseppe Mazzini. Contrario al fascismo, divenne capo politico del PRI ad interim e mantenne la carica fino al maggio del 1925. Dopo il consolidamento della dittatura fascista si ritirò a vita privata nella capitale; morì il 10 luglio 1936 nel suo podere di Pievequinta, nei pressi di Forlì. Un busto di Giuseppe Gaudenzi si trova nel Parco della Resistenza, a Forlì.

UN GELATO PUO’ SOSTITUIRE un PASTO? Lo abbiamo chiesto ad un medico nutrizionista. Simbolo dell’estate, il gelato è un alimento che rinfresca le giornate più afose e che dà tanta soddisfazione al palato. Inoltre è un alimento comodo, che si può consumare anche per strada, magari quando si è di fretta: e proprio per la fretta può capitare che lo si preferisca a un pranzo “completo”.Ma si può sostituire, ogni tanto, il pasto con un gelato? Non più di una volta alla settimana, ma si può fare. Un gelato, specie se artigianale, può essere tranquillamente mangiato al posto del pranzo o della cena, basta seguire qualche accorgimento. Per quanto riguarda i gusti, si può tranquillamente scegliere quelli preferiti: stiamo parlando di un gelato ogni tanto, perciò non c’è motivo di optare esclusivamente per i gusti a base di frutta. Evitabili, però, il cono e la panna, che alzerebbero troppo il carico glicemico. Attenzione solo alle porzioni: ovviamente un gelato da due gusti non avrà lo stesso apporto calorico di un cono extra large, ma qui entra in gioco il buonsenso”.

LITI CONDOMINIALI: Sbattere tappeti o stoviglie è reato? Iniziamo da chi ha l’abitudine di sbattere tappeti dal balcone o dalla finestra. Certamente non si tratta di una condotta facilmente occultabile: chi lo fa, sa bene che, se sbaglia, può essere visto e punito con facilità. Proprio per questo è più difficile pensare alla malafede di chi agisce. Che il tappeto sbattuto possa sporcare è indubbio (altrimenti non ci sarebbe bisogno di sbatterlo), ma è anche vero che i corpuscoli di polvere non sono in grado di danneggiare nessuno. Lo stesso dicasi per chi scuote la tovaglia sporca di briciole di pane anche se tale gesto, ripetuto quotidianamente (e anche più di una volta al giorno) è in grado di mandare su tutte le furie chiunque abiti di sotto. La Cassazione è stata chiamata a chiarire se sbattere tappeti dal balcone è reato. La risposta è stata negativa. Difatti, affermano i giudici, affinché vi sia il reato di getto di cose pericolose è necessario che ad essere danneggiata sia una persona e non degli oggetti. Come dire: chi fa cadere un catino d’acqua sulla testa del vicino. Il codice penale punisce chiunque getta o versa, in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone. Lo sbattimento di qualche tappeto e lo scuotimento di qualche tovaglia non è reato. In molti Comuni, nel Regolamento Comunale, si stabiliscono sanzioni verso coloro che sbattendo i tappeti o altro dalla finestra non rispettano i passanti sulla strada.

SIGNIFICATO del NOMEVITALE” è “Vigoroso, forte”. In Italia portano questo nome circa 5.665 persone di cui il 17,9% in Campania, 17,1% in Sicilia, 14,2% in Lombardia

ACCADDE OGGI:
– 1861 Viene istituito (160 anni fa) il “Gran Libro del Debito Pubblico del Regno d’Italia” dove tutti gli Stati “pre-unitari” devono registrare la propria situazione debitoria
– 1866 Viene brevettata (155 anni fa) la matita indelebile
1976 Il disastro (45 anni fa) della diossina a Severo
2016 Il Portogallo è Campione d’Europa battendo la Francia 1 a 0 dopo i tempi supplementari

FILASTROCCA di LUGLIO: Nel mese di luglio canta il grillo e la cicala, tutte le erbe diventano paglia, viene il caldo del solleone e il ghiotto mangia un buon melone”

PROVERBI: “Impara l’arte e mettila da parte”

GIORNATA NAZIONALE del MELONE (italiano): Grazie alle sue proprietà, il melone è un frutto rinfrescante, diuretico, dissetante. Ha inoltre potere lassativo. È composto principalmente di acqua (circa il 90%); per quanto concerne minerali e vitamine contiene soprattutto potassio, fosforo, calcio, vitamina C e vitamina B3. Contiene inoltre niacina, una sostanza antiossidante. La presenza di fosforo e calcio rende il melone un ottimo alleato delle ossa, mentre il betacarotene aiuta l’organismo a produrre melanina; il melone è quindi anche un valido alleato della tintarella. Il melone è poco calorico ma, allo stesso tempo, però, essendo ricco di fibre, ha un elevato potere saziante, caratteristiche che lo rendono uno spuntino perfetto anche nelle diete ipocaloriche. Con i semi del melone si preparano infusi che hanno proprietà emollienti e sedative per la tosse., Buonissimo da mangiare, buonissimo sulla pelle: il melone viene utilizzato anche come ingrediente per maschere naturali per il viso.

SEI NATO OGGI? se c’è una persona che ti sta sulle scatole, evitala in questo fine settimana, perché non sarai gentile. Dovrai lottare con qualcuno o avrai piccole tensioni che riguardano la tua vita. Ti avevano promesso delle cose che non sono state mantenute. Tu sei un segno molto socievole, ma sei anche il segno dell’isolamento: quando non ti senti bene in mezzo agli altri, giochi a fare l’eremita, magari solo per un po’.

A BERGAMO e in PROVINCIA: il SOLE sorge alle ore 05.42 e tramonta alle ore 21.11 – Durata del giorno 15.29 (-2 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte: 08.31 (+2 minuti rispetto a ieri) – La LUNA crescente (7%) sorge oggi alle ore 05.43 e tramonta alle ore 21.30

Seguici su Google News


Print Friendly, PDF & Email