Almanacco di oggi 8 ottobre 2021 (Venerdì); Notizie e curiosità

40^ settimana – Giorni fine/inizio anno 85/280
AUGURI di BUON COMPLEANNO e di BUON ONOMASTICO a tutti coloro che oggi lo festeggiano

Se fai solo quelle che sai fare, non sarai mai più di quello che sei ora

Il SOLE sorge alle ore 07.26 e tramonta alle ore 18.52– Durata del giorno ore 11.26 (-3 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte ore 12.31 (+3 minuti rispetto a ieri) – La LUNA Crescente (visibile al 14%) sorge oggi alle ore 09.44 e tramonta domani alle ore 20.04

SEI NATO OGGI
Per i nati l’8 ottobre, la vita è una favolosa avventura romantica. Hanno un concetto elevatissimo dell’amore di fronte al quale sono pronti a sacrificare tutto oppure a tenersene lontani per sempre. Il romanticismo che li caratterizza non investe solo la sfera amorosa: essi sono capaci di rimanere incantati per le meraviglie della natura quanto i misteri dello spazio, per i movimenti del mare come per la semplice rotazione dei pianeti.

SIGNIFICATO del NOME “PELAGIA” è “marino”. Dal 2012 il nome non è più presente su tutto il territorio nazionale.

PROVERBI:
“A ottobre semi in pugno se vuoi mietere a giugno”
“Ottobre piogoso campo prosperoso”
“Dove manca la libertà non cercar felicità”

OGGI IN QUESTO ALMANACCO

  • I Santi del giorno
  • Il “pensiero” del giorno
  • Il disastro di Linate (8 le vittime bergamasche
  • Giornata Mondiale della podologia
  • La salute del piede parte anche dalle scarpe
  • Ottobre 2021: Eventi astrologici
  • Caldaia: manutenzione e controllo fumi
  • Nuovo Decreto: cosa cambierà da lunedì?
  • Trovato il vaccino contro la malaria
  • Sabato 9: il “Giro della Lombardia”
  • Bergamo e i “Grandi Italiani”
  • I MORTI DI OGGI E LA DATA DEI FUNERALI A BERGAMO E PROVINCIA (clicca qui)
  • SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK (clicca qui)
 

I SANTI del GIORNO

Santa PELAGIA di Antiochia, patrona degli attori, dei mimi e dei musicisti – Sant’UGO da Genova Religioso dell’Ordine di Malta, patrono delle persone inferme – Santa REPARATA martire – San FELICE di Como Vescovo – La Chiesa celebra la festa di altri SANTI e BEATI


IL PENSIERO del GIORNO di Mons. Antonio Donghi

“Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra”. La solidità nel cammino della vita si costruisce in una forte dinamica di comunione. Qui incontriamo la forza per vivere l’impossibile e di affrontare il buio della storia quotidiana. Il segno istintivo dell’abbracciarsi strettamente in una situazione di pericolo ce lo indica in modo molto chiaro. In una cultura, molto dominata dalla paura, dovremmo cercare motivi di comunione per passare dalla paura al coraggio. L’esperienza dei bambini che nella paura si stringono alla mamma ne è un segno evidente. Cresciamo nella comunione dei cuori e cammineremo con coraggio nelle traversie della storia. Padre, nella vita quotidiana siamo travolti da tante paure, perché non abbiamo il coraggio di crescere in dinamiche di vera comunione. Il tuo Figlio Gesù Cristo è venuto tra noi per regalarci il dono della fraternità. Rinnovavi ogni giorno nella creatività rigenerativa dello Spirito Santo perché sappiamo vivere in autentica unità perché possiamo crescere in uno spirito di autentica fraternità. Gli antichi affermavano: essere due corpi con un’anima sola. Amen


GIORNATA MONDIALE dei RISVEGLI VEGETATIVI

Dopo l’isolamento che tutti quanti abbiamo dovuto contrastare, causa la pandemia, torna con ancora maggiore significato la “Giornata Nazionale ed europea dei Risvegli per la ricerca sul coma – Vale la pena”. Questo particolare momento di difficoltà, che ha avuto ripercussioni anche nel terzo settore, ha obbligato Gli amici di Luca a riflessioni profonde senza mai interrompere le relazioni con gli assistiti: persone con esiti di danni celebrali rientrati a domicilio sul territorio e loro familiari, cercando di fare sentire anche da remoto la nostra vicinanza ed il nostro sostegno. Tradizionalmente da molti anni la “Giornata Nazionale dei Risvegli” è un’occasione di incontro con la cittadinanza per ribadire la necessità di guardare le differenze, esprimere solidarietà, gioire e fare festa insieme in un luogo di cura legato alla città che ribadisce con pazienti, familiari, operatori e volontari la sua normalità.


IL DISASTRO DI LINATE DEL 2001

Sulla pista dell’aeroporto di Linate un aereo della compagnia svedese SAS in fase di rullaggio si schianta contro un piccolo velivolo e poi contro un edificio per lo smistamento dei bagagli. Bilancio: 118 vittime di cui 58 italiani, di cui 8 bergamaschi. Per non dimenticare


GIORNATA MONDIALE della PODOLOGIA

Viene celebrata a livello mondiale ogni anno l’8 Ottobre e ha lo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza della salute dei piedi, nonché creare maggiore consapevolezza all’interno e all’esterno della comunità podologica globale sul “camminare uniti” alle persone assistite, grazie anche all’adozione di specifiche campagne di informazione poste in essere dalle Istituzioni Statali dalle libere Associazioni di Podologi di tutto il mondo. La Podologia è una disciplina medico-sanitaria che studia le patologie e disfunzioni del piede, sia che originino da esso, sia che possano coinvolgerlo nell’ambito di condizioni sistemiche. Il Podologo è il professionista sanitario che svolge con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze previste all’interno del proprio campo di attività e responsabilità, anche in collaborazione con gli altri professionisti della salute.


La SALUTE del PIEDE PARTE dalle SCARPE

Il piede è un distretto anatomico molto importante, sottoposto a un carico continuo durante la camminata, la complessa struttura del piede, con 100 tendini, legamenti e muscoli, 26 ossa, e 33 articolazioni, deve sopportare un grande sforzo, una pressione tre volte superiore al peso del nostro corpo. Li poggiamo a terra migliaia di volte e sono sottoposti tutti i giorni a stress biomeccanici: salire o scendere gradini, muoversi in fretta, affrontare percorsi lunghi, terreni diversi, lo sport. La funzionalità del piede nel corso del tempo e con l’utilizzo di calzature più orientate alla moda, può andare incontro a dei cambiamenti e l’arto può essere costretto a lavorare meno e male. Ne sono un esempio scarpe e sandali con tacchi vertiginosi, ma anche ammortizzatori e imbottiture di scarpe da ginnastica rendono il piede sempre più deboli e delicato.


OTTOBRE 2021: EVENTI ASTRONOMICI da NON PERDERE:

Il mese di ottobre 2021 è pronto ad offrirci eventi astronomici spettacolari: tra pianeti, congiunzioni e una bellissima Luna, ecco i fenomeni da non perdere per gli appassionati. Ottobre aprirà le danze con il picco delle meteore Draconidi, previsto a cavallo tra l’8 e il 9 ottobre. Il secondo sciame principale del mese, le Orionidi, raggiungerà la massima attività tra il 21 e il 22 ottobre. Venere risplenderà nei cieli serali dopo il tramonto, raggiungendo la massima elongazione ovest il giorno 29 ottobre. In questo mese avremo ancora come protagonisti indiscussi della notte Giove e Saturno, mentre per tornare a rivedere Marte bisognerà aspettare un po’. La Luna piena del 20 ottobre non sarà una Super luna. Avremo però un’intera giornata da dedicare al nostro satellite. Gli astronomi tramite i loro potenti telescopi hanno osservato l’arrivo di una cometa 67P che nonostante la forte velocità in cui si muove ci vorranno diversi mesi (forse anche tutto il 2022) per essere osservata dalla Terra.


CALADAIA: OBBLIGATORIA la MANUTENZIONE il CONTROLLO dei FUMI

il momento di allentare la stretta. Addio al distanziamento. Il nuovo decreto a partire dall’11 ottobre riapre completamente i luoghi della cultura e permette di riempire per tre quarti gli spalti degli stadi. Per le discoteche l’asticella è fissata al 50% al chiuso, 75% all’aperto, per lo sport 60% al chiuso, 75% all’aperto. Le disposizioni sull’aumento dei nuovi limiti percentuali delle presenze, rispetto alla capienza delle strutture, si applicano dal prossimo 11 ottobre, lunedì. E’ già iniziato il conto alla rovescia. Ritorna quindi la possibilità di riempire al 100% le sale cinematografiche, teatrali e da concerto, anziché soltanto all’80% come suggeriva il Cts. Serve sempre il Green Pass. Questo in zona bianca, perché in gialla il limite al chiuso scende al 50%. Di spettacoli all’aperto con l’arrivo dell’inverno ce ne saranno molto pochi, ma la capienza in questo caso potrà arrivare fino al 100%. Chiuse dal febbraio del 2020, le discoteche potranno riempirsi al 50% e non al 35 come avevano invece richiesto gli esperti del comitato scientifico: si sta con la mascherina, salvo quando si balla. All’ingresso bisognerà lasciare nome, cognome e un contatto mail o telefonico. Al chiuso deve essere garantita la presenza di impianti di areazione senza riciclo d’aria. I locali all’aperto potranno invece riempirsi al 75%. Tutto questo in fascia bianca, perché se una regione si colora di giallo, arancione o rosso si richiude tutto.


TROVATO il VACCINO CONTRO la MALARIA

Anche in questo caso si partirà nel vaccinare i bambini che sono più a rischio per poi passare alla popolazione adulta. Una notizia storica, che potrebbe cambiare per sempre il futuro di intere generazioni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha finalmente trovato il vaccino contro la malaria. La malaria rimane una delle principali cause di malattie infantili e di morte nell’Africa subsahariana. Più di 260mila bambini africani di età inferiore ai 5 anni muoiono di malaria ogni anno. Il vaccino contro la malaria è il risultato di 30 anni di ricerca e sviluppo di GSK ed è stato creato attraverso una partnership con PATH, con il supporto di una rete di centri di ricerca africani. “Abbiamo a lungo sperato, dicono dall’OMS, in un vaccino efficace e ora, per la prima volta in assoluto, abbiamo un vaccino raccomandato per un uso diffuso”.


GIRO della LOMBARDIA: VIABILITA’ MODIFICATA

Sabato 9 ottobre 2021, dopo la partenza da Como, il Giro di Lombardia 2021 tocca rapidamente la provincia di Lecco per poi entrare in quella di Bergamo. E proprio nel capoluogo è fissato l’arrivo dell’ultima classica monumento della stagione ciclistica (la classica delle foglie morte, come viene ribattezzata): l’arrivo a Bergamo, con traguardo in viale Roma, è stimato tra le 16.30 e le 17.30 circa.


BERGAMO e i “GRANDI ITALIANI”: VITTORIO ALFREDI

Nato a Asti il 15 gennaio 1749, morto a Firenze l’8 ottobre 1803 è stato un drammaturgo, poeta, scrittore e attore italiano. La città di Bergamo e molti Comuni gli hanno dedicato una Via. Considerato il maggiore poeta tragico del Settecento italiano, Vittorio Alfieri ebbe una vita piuttosto avventurosa, diretta conseguenza del suo carattere tormentato che lo rese, in qualche modo, precursore delle inquietudini romantiche. Rimasto orfano di padre a meno di un anno, a nove anni entrò nella Reale Accademia di Torino, ma, insofferente della rigida disciplina militare, ne uscì nel 1766. Nei numerosi viaggi effettuati in quel periodo visitò paesi importanti come la Francia, l’Inghilterra, la Germania, l’Olanda e il Portogallo. Tornato a Torino nel 1773, seguirono per lui anni di operoso isolamento e di lucido ripensamento su di sé e sull’ambiente che lo circondava. Di tale processo di crescita intellettuale e morale sono documento i “Giornali”, scritti per una prima parte in francese (anni 1774-75) e ripresi qualche tempo dopo in italiano (1777). Nel 1775 riuscì a far rappresentare la sua prima tragedia, “Cleopatra“, che gli procurò un discreto successo e che gli aprì le porte dei teatri italiani, confermandolo nella sua vocazione. Basti pensare che negli anni successivi arrivò a scrivere qualcosa come venti tragedie, tradusse numerosi testi latini, lesse accanitamente i classici italiani da Dante a Tasso, s’impegnò nello studio della grammatica, mirando a impadronirsi dei modi toscani. Nel 1778 abbandonò il Piemonte e andò a vivere in Toscana, a Siena e a Firenze; fu anche a Roma (1781-83), e successivamente seguì in Alsazia (a Colmar) e a Parigi Luisa Stolberg contessa d’Albany, da lui conosciuta nel 1777, la quale, separatasi dal marito Carlo Edoardo Stuart (pretendente al trono d’Inghilterra), divenne la compagna della sua vita e la dedicataria della maggior parte delle “Rime”. Donò tutti i suoi beni alla sorella. Egli ripercorse il suo cammino formativo in un’autobiografia intitolata “Vita” che cominciò a scrivere intorno al 1790. Tornato a Firenze, dedica gli ultimi anni della sua vita alla composizione delle “Satire”, di sei commedie. Nel 1803, a soli 54 anni, muore a Firenze il giorno 8 ottobre, assistito da Luisa Stolberg. La salma si trova nella chiesa di Santa Croce a Firenze.

 

L’almanacco di oggi lo trovi anche su Google News


Print Friendly, PDF & Email