L’intervista al candidato sindaco Juri Imeri (39 anni, consulente con partita Iva per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro) in campo per le elezioni amministrative 2021 a Treviglio con Forza Italia-Udc, Fratelli d’Italia, Lega, Con Mangano x Treviglio, IoTreviglio, Salute e Futuro


Perché ha scelto di ricandidarsi alla carica di sindaco?

Per continuare l’ottimo lavoro che abbiamo fatto.

Un giudizio sull’operato dell’amministrazione negli ultimi cinque anni?
Assolutamente positivo. Abbiamo lavorato tanto, garantendo disponibilità e ascolto.

Tre doti che ritiene di possedere per amministrare nel modo migliore?
Competenza, concretezza ed entusiasmo.

Cosa manca al paese che il candidato sindaco Juri Imeri si impegnerà a concretizzare?
Un servizio diurno per disabili.

C’è un ruolo strategico che il paese potrebbe occupare nel contesto della nostra provincia?
Con la nostra amministrazione la città ha ritrovato un ruolo strategico nella nostra provincia. Ha saputo fare rete con gli altri comuni, dialogare con la provincia e attrarre importanti risorse. Il progetto dell’hub dei servizi tra la stazione centrale e la Brebemi sarà l’elemento essenziale della nuova centralità di Treviglio e della Pianura.

Come descriverebbe ad un estraneo il paese per il quale si candida?
Treviglio è una città ricca di storia, bella, che offre servizi, a misura di famiglia e con un grande cuore.

Quale è oggi la difficoltà maggiore nell’essere sindaco?
Dal punto di vista personale, la sproporzione tra le responsabilità e il ruolo. Dal punto di vista amministrativo, la lontananza tra lo stato centrale e il comune, che è da sempre l’ente più vicino ai cittadini.

Come intende affrontare le situazioni di marginalità sociale del suo territorio?
Innanzitutto puntando sulla dignità del lavoro, che superi l’assistenzialismo. E poi continuando il percorso che abbiamo avviato con progetti, sostegni e misure indirizzate ai più fragili.

Il suo politico di riferimento (anche passato) e perché?
Enzo Riganti, che mi ha trasmesso la passione per la vita amministrativa e pubblica.

A un indeciso in cabina elettorale cosa gli direbbe per farsi votare?
Suggerirei di scegliere chi ha già dimostrato di saper ben amministrare la città.

Vedi le altre interviste:
Elezioni 2021 in provincia di Bergamo con 38 Comuni al voto e 79 candidati sindaci

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli