La Rassegna Organistica di Valle Imagna sta battendo ogni record di partecipazione distinguendosi come evento di assoluto spessore nell’offerta culturale del territorio e richiamando appassionati dall’intera provincia. La prova del nove di un successo assolutamente meritato è stato il concerto dell’8 agosto nella Chiesa della Roncola San Bernardo. Il pubblico ha risposto alla grande godendosi uno spettacolo a detta di molti “veramente piacevole” con la voce baritonale di Giuseppe Capoferri a reggere l’architrave artistica della serata insieme alle performance di Francesco Panico alla tromba e di Damiano Rota all’organo.  Ma la Rassegna non si ferma sugli allori finora conseguiti e riprende il percorso tracciato fino ad ottobre.

Il quarto appuntamento è, infatti, programmato per giovedì 12 agosto (ore 21) nella Chiesa Parrocchiale di S. Omobono Terme (Piazza Mazzoleni). Sull’organo Giovanni Foglia (munito di 2 tastiere e 41 registri) farà valere la sua maestria Donato Giupponi, docente al Liceo musicale Paolina Secco Suardo di Bergamo. Inoltre, è fondatore e Direttore Artistico della Associazione di Promozione Sociale per la Cultura denominata Le7Note, dove propone a tutto campo, una ricerca tanto dei repertori meno conosciuti ed inediti, quanto degli organici più accattivanti ed originali. Con lui si esibirà la violinista Manuela Matis. L’artista è perfezionata in violino con Maja Iocanovich (e in viola con Reiner Schmidt) conseguendo il Diploma di Musica da Camera ai corsi triennali dell’Accademia di S.Cecilia a Roma con Felix Ayo. La Matis è stata vincitrice di numerosi concorsi in qualità di solista, vincitrice di una borsa di studio con Diploma di Merito presso l’Accademia Chigiana di Siena e protagonista di importanti stagioni concertistiche. Una delle sue esibizioni “bergamasche” più apprezzate è avvenuta l’11 giugno 2016 nella Sala Legrenzi di Palazzo Marinoni di Clusone. Con Dorota Schmitt-Dobosc, la Matis si è distinta in un recital intitolato “Dal Classicismo al Romanticismo”.

L’associazione “Oltre confine”, promotrice della rassegna, ringrazia l’amministrazione comunale di Sant’Omobono Terme e Don Guido Rottigni per la disponibilità e collaborazione. Per partecipare all’evento occorre presentare il GREEN PASS nel rispetto delle recenti norme anti-Covid.

Nel programma musicale proposto dal duo evidenziamo:

  • Concerto in do min. di B. Marcello;
  • Tema e variazioni sopra “La Folia” di A. Corelli;
  • Concerto in sol magg. di A. Vivaldi

Tra i brani solistici all’organo:

  • Tre pezzi di F. Feroci;
  • la “Antica Marcia del reggimento di Turenne” di J.B. Lully
  • una “Messa con registri a piacere” di anonimo.

IL PROGRAMMA

Print Friendly, PDF & Email

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli