Un grande artista come Paul Klee diceva: “Il disegno è l’arte di condurre una linea a fare una passeggiata”… i cui confini, mi permetto di aggiungere, sono infiniti. Pensiamo, ad esempio, alla ricchezza comunicativa collegata ai cartoni Disney/Pixar dove gli spettatori vengono condotti in viaggi indimenticabili fatti di colori sgargianti ma, soprattutto, emozioni profonde perché, in alcune casi, collegate a struggenti temi esistenziali.

Questa analoga esperienza della “meraviglia creativa” la si può anche fare davanti ad un libro e, in tal senso, è bello evidenziare come, negli ultimi anni, l’editoria per bambini sia fiorita in modo impressionante dando vita ad opere che sono già entrate nei cuori dei piccoli lettori. Sono, pertanto, ragionevolmente convinto che analoga sorte toccherà anche ad un testo che è stato appena pubblicato, dalla casa editrice bergamasca “I quindici”, e che ha un titolo davvero toccante “La Sirena Speranza”.

L’autrice del testo è la psicologa Eleonora Tischer mentre l’illustratrice si chiama Sara Stradi alla quale rivolgiamo le seguenti domande:

  1. Da dove nasce il titolo del  libro La Sirena Speranza?

    Il titolo del libro, come la storia, è stato pensato da Eleonora Tisher. L’intenzione è trasformare la paura del suono dell’ambulanza in una speranza di soccorso e guarigione, da qui “La Sirena Speranza” che è diventata il personaggio principale della storia.

  2. A cosa si è ispirata nel realizzare le illustrazioni?

    Quando leggo una storia visualizzo immediatamente le immagini principali che poi realizzo, così è stato anche per la Sirena Speranza. Sono disegni molto semplici e descrittivi.

  3. Qual è il sogno che ha per questo testo?”

    La storia di Eleonora offre un modo diverso di vivere il suono dell’ambulanza, quindi penso sia un buon messaggio per i bambini che sono rimasti spaventati dal primo lockdown. Inoltre i proventi sono destinati alla Croce Rossa e spero vengano vendute tutte le copie. Ne approfitto per dire che il libro è acquistabile con offerta libera al centralino della Croce Rossa al numero 0354555111. Il mio sogno è che questo libro non si fermi a Bergamo ma porti il suo messaggio in altre città italiane.

L’illustratrice Sara Stradi

Con l’inizio della Quaresima si apre un periodo liturgico forte e propositivo che trova, tra le sue indicazioni principali, anche quella della carità: è bello quindi poter vedere, anche in questo libretto, una straordinaria opportunità per compiere un piccolo ma significativo gesto di amore verso il prossimo. Contribuendo a realizzare il “sogno di Sara” saremo parte attiva di una iniziativa editoriale caratterizzata da una tenerezza infinita perché punta a diffondere un messaggio di gioia nei cuori, un po’ impauriti, di tutti i nostri bambini e bambine.

Tagged in:


Autore

Alessandro Grazioli

Marito e papà di 4 bambini, laureato in Giurisprudenza presso l’Università Statale di Milano, Specialista sviluppo prodotti e servizi assicurativi Gruppo Assimoco – Business Unit Eticapro, Consigliere Comunale e Presidente del Comitato di settore dei servizi sociali del Comune di Torre Boldone, divulgatore nazionale

Vedi tutti gli articoli