Press ESC to close

Redazione Socialbg

Si chiude con un ospite di livello internazionale la seconda settimana di Molte Fedivenerdì 18 settembre alle 21 si terrà il dialogo con Pepe Mujica, l’ex presidente dell’Uruguay e attualmente senatore della Repubblica uruguayana. «Abbiamo a lungo seguito Pepe Mujica, era da un po’ di anni che lo cercavamo – dichiara Daniele Rocchetti, presidente delle Acli di Bergamo -. Finalmente grazie soprattutto al lavoro dell’ex senatore Gilberto Bonalumi e a tutto il nostro staff siamo riusciti a portarlo virtualmente a Bergamo. Per noi è un grande onore poterlo ascoltare: in dialogo con lui ci sarà Alfredo Somoza, giornalista e scrittore italiano, di origine argentina, membro dell’IILA, Istituto italo latino-americano di Roma. Il fatto che Mujica sia stato soprannominato il presidente francescano è emblematico del carisma che possiede e del fascino che possa suscitare sul nostro pubblico. Penso che le sue parole, colme di vissuti sofferenti e di saggezza, possano essere testimonianza incarnata e viva per pensare il futuro».

Josè Pepe Mujica prima di diventare presidente dell’Uruguay dal 2010 al 2015 è un ex guerrigliero che è stato 13 anni incarcerato durante la dittatura prima di Areco e poi di Bordaberry. Oggi vive in una modesta abitazione alla periferia di Montevideo e passeggia senza scorta per le strade del suo Paese. Devolve l’87% del suo stipendio a un progetto di case per i poveri e a lui rimangono circa 2.000 euro mensili. Negli ultimi anni l’Uruguay, soprattutto sotto la guida di Mujica, ha conosciuto una notevole crescita economica e sociale, dopo la crisi economica e finanziaria del 2002. Viene eletto nel 2010 nelle schiere del Frente Amplio, una formazione politica di sinistra dove convivono democratici cristiani, socialisti, comunisti e settori di partiti storici. Mujica ha contribuito a portare l’Uruguay ad avere il Pil più alto dell’America Latina e ad approvare leggi avanzate sulla proibizione del consumo di tabacco e sul regolamento del mercato della marijuana da parte dello Stato.

L’evento sarà disponibile sul sito e sulla pagina Facebook di Molte Fedi.

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,

Preferenze dei cookie