Le bufale sul web sono all’ordine del giorno, una sottile bischerata del mondo online per accalappiare click e facile notorietà.


moschea PonteranicaMa quando quella che ha tutti i crismi di una “fanfanteria” (per usare un termine caro al commissario Montalbano) viene messa in circolo da un ex assessore all’urbanistica del Comune di Ponteranica qualche perplessità può sorgere e domande di chiarimenti sono più che giustificate. Anche perchè ai precedenti post dell’ex amministratore, pur senza seguire i precetti del giornalismo di matrice anglossassone, si poteva attribuire loro una buona dose di veridicità fattuale. E’ per questo che l’ultima fatica online dell’ex ha sollevato un polverone che ancora non s’è chetato.

Si chiama Alì Ash Shawbak – scrive l’ex assessore – l’immobiliarista che aveva presentato e proposto al comune di Ponteranica un accordo di programma per la riconversione del progetto della Cittadella della Salute in un Centro Culturale con la previsione di una scuola multilingue, di una biblioteca interculturale, di monolocali, in comodato d’uso, per i richiedenti asilo, di un ristorante con cucina multietnica e di una piccola moschea al fine di venire incontro alle esigenze dei cittadini stranieri residenti a Ponteranica e nel Distretto dei Colli e del Brembo.
Adesso si può!“.

Si avete letto bene. Si parla di una piccola moschea. Se poi alle parole si accompagna un rendering dove si scorgono elementi urbanistici e paesistici di Ponteranica i sospetti che non sia una panzana di mezza Quaresima sono del tutto leciti.

È uno scherzo. Per la moschea non esiste nulla. E’ stata una cosa molto ironica, specie in concomitanza con la bocciatura da parte della Consulta della legge regionale sui luoghi di culto. E’ talmente “grossa” da risultare difficilmente credibile. E’ stato un 1° di aprile anticipato“. Questo è quanto dichiarato dal sindaco Alberto Nevola sull’argomento

La minoranza leghista, però, non la pensa allo stesso modo. “Fino a due anni fa quando c’eravamo noiprecisa l’ex sindaco Cristiano Aldeganinon c’era alcun tipo di progetto se non quello della RSA con il bando già pubblicato sulla gazzetta europea. Appena Nevola ha vinto il bando è stato ritirato. Io non so se da allora vi siano altri progetti, in particolare la costruzione della moschea, però ‘sta faccenda non è la prima volta che salta fuori. Già nella scorsa campagna elettorale mi erano giunte voci in merito e l’allora minoranza mi aveva attaccato dandomi del bugiardo. Adesso Perego (che è stato in Comune per diversi anni con i sindaci Claudio Armati ed Alessandro Pagano con il ruolo anche di assessore) esce con questa notizia. A che pro? Se si legge il suo sito (lamaresana.weebly.com) ci si accorge che parla (a modo suo) delle varie situazioni che accadono a Ponteranica (ovviamente con vena polemica nei nostri confronti). Perchè se non ci fosse nulla di vero spararla così grossa? In effetti Nevola ha messo nero su bianco che vuole fare qualcosa di nuovo nell’area dove noi volevamo la RSA. Che sia la moschea?

Perego ha 70 anni – continua Aldegani – Ha un’esperienza ventennale in Comune. Perchè sparare così alto? Carnevale? Oppure Nevola lo utilizza per cominciare a fare passare la notizia con dose omeopatica? Nevola ovviamente negherà ma la cosa mi puzza. A che pro alimentare polemiche con la minoranza?“.

In effetti di questi tempi le polemiche tra amministrazione e opposizione (ad esempio sul tema della sicurezza) sono all’ordine del giorno con scambi sui social che, a volte, tracimano da una sana urbanità politica. Abbiamo chiesto all’ex assessore Alfredo Perego di chiarire le sue sorprendenti esternazioni sul suo blog.Si tratta di uno scherzo. Non c’è nessun progetto di moschea grande o piccola a Ponteranica. All’indomani della bocciatura della norma cosiddetta «anti-moschee» mi son preso la libertà di uno scritto decisamente ironico. E’ tutto inventato“. (Bruno Silini)
[mc4wp_form]

 

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli