Col film “ Non cade niente dal cielo ” in programmazione mercoledì 3 agosto alle 21.30 alla Bibliosteria di Cà Berizzi a Corna Imagna, si chiude il ciclo delle sei proiezioni intorno alla tematica della emigrazione bergamasca in Europa e nel mondo.



Un’indagine sul fenomeno migratorio

Si è trattato di film-documenti prodotti dal Centro Studi Valle Imagna nell’ambito di un programma pluriennale di ricerca sui percorsi e i caratteri del fenomeno migratorio di casa nostra. In particolare,  Non cade niente dal cielo  vuole essere un compendio delle “puntate precedenti”.  Indaga, in chiave antropologica, su alcune cause che hanno determinato l’emigrazione, declinate nel racconto di vita di sei protagonisti della storia sociale valligiana del secolo scorso. Un viaggio nel tempo attraverso le testimonianze di Costantino Locatelli, Pierina Invernizzi, Luigi Locatelli, Natalina Zanella, Umberto Mazzoleni, Graziana Personeni.

In preparazione uno studio sull’emigrazione in Brasile

Alle loro parole si intrecciano interviste e immagini d’epoca dove emerge il quadro di una società povera ma orgogliosa, che ha lottato contro la fame e la miseria quotidiana, le privazioni e gli stenti imposti dalle guerre. Il nostro impegno non si ferma – annuncia Antonio Carminati, coordinatore del Centro Studi Valle ImagnaInfatti, stiamo preparando uno studio sull’emigrazione in Brasile del 1876. Un film e un libro che saranno pronti in autunno e dei quali, questa sera, daremo alcune anticipazioni prima della proiezione e durante una cena (ore 19.30) dal sapore carioca”. Prenotazioni al 3665462000.


Print Friendly, PDF & Email

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli