Lo scopo è la divulgazione dell’astronautica, dell’astronomia e delle conoscenze scientifiche ad esse collegate. E’ la mission statutaria di Orbiter, la nuova associazione presieduta dal bergamasco Eugenio Sorrentino (57 anni, originario di Salerno, addetto stampa dell’aeroporto di Bergamo), giornalista scientifico e aerospaziale, cresciuto professionalmente cullando il sogno (realizzato nel luglio 1969 con la missione Apollo 11) della conquista della Luna. Per dare un’idea della sua caratura giornalistica, contestualmente a Paolo Attivissimo, ha dato la notizia della falsa diretta con la stazione orbitale ISS, dal palco del Festival di Sanremo, tra Carlo Conti e l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti, impegnata nella missione “Futura”.“Semplicemente per un gioco di orbite – precisa Sorrentino – a quell’ora la stazione non era collegabile”. Gli appassionati di scienze spaziali sanno che al nome “orbiter” è legato il notiziario di informazione spaziale on line (Sorrentino è il direttore responsabile) dotato di un canale di telescienza. Una testata giornalistica di serio rigore scientifico (che spazia anche in altre discipline come la chimica, la geologia, la medicina) che negli anni scorsi ha promosso eventi nell’ambito di BergamoScienza e sul territorio provinciale. Ricordiamo gli incontri con gli astronauti Franco Malerba a La Torre del Sole di Brembate Sopra e Umberto Guidoni all’auditorium di Albino, attraverso una performance teatrale diretta da Oreste Castagna.“Un’esperienza di successo – continua Sorrentino – che porteremo in giro per l’Italia considerato anche l’accresciuto interesse per le materie spaziali che, sicuramente, la missione della Cristoforetti ha stimolato”.  


Ora la prestigiosa testata del web (fondata nel 1998) diviene un’appendice del nuovo organismo associativo. Un potenziamento istituzionale per incrementare la cultura dello spazio attraverso tutti gli strumenti che permettono di raggiungere un pubblico più ampio possibile. “L’associazione – si legge nello statuto – promuoverà incontri e conferenze, contributi a riviste e giornali, pubblicazioni editoriali autoprodotte, proiezioni cinematografiche, trasmissioni televisive o radiofoniche, Podcast, siti Internet e, in via generale, sfrutterà qualunque altro “media” adatto al raggiungimento degli scopi sociali”. La nuova associazione annovera tra i soci fondatori Gennaro Russo (vicepresidente), ingegnere aerospaziale già responsabile dei programmi e sistemi spaziali del CIRA (Centro Italiano di Ricerche Aerospaziali), Gian Battista Gualdi (segretario organizzativo), esperto di comunicazione e formazione, e i consiglieri Antonio Quiri e Antonio Del Mastro, presidente di Italian Mars Society. Ques’ultima è un’organizzazione non profit internazionale nata negli Stati Uniti (c’è una sede italiana anche a Curno) per promuovere a livello politico l’esplorazione del pianeta Marte, e per sollecitare la comunità scientifica internazionale ad avviare programmi tesi ad acquisire le necessarie conoscenze scientifiche e logistiche per una futura missione sul pianeta rosso. “L’associazione Orbiter – conclude Sorrentino – figura tra i sostenitori del concorso “La Scienza secondo me”, rivolto agli studenti tra i 13 e 17 anni, organizzato da SEA (Storytelling European Association). Inoltre Orbiter è partner di Fast (Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche) nell’organizzazione della giornata di apertura di EUCYS 2015, il 27° concorso dell’Unione Europea per i giovani scienziati, tenuta pochi giorni fa  a Milano.


Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli