Un calendario di appuntamenti di spessore sostanzia la festa patronale di Paladina dedicata a Sant’Alessandro martire.

patrono Sant’Alessandro

Teatro “impegnato” in piazza

La ricorrenza entra nel vivo sabato sera con “Il racconto del Vajont” di Marco Paolini rappresentato dall’attore Omar Rottoli (nella foto). Davanti alla chiesa, in piazza Vittorio Veneto (20.30), con la partecipazione attiva dei ragazzi di seconda media, si farà un salto di 53 anni a quel 9 ottobre 1963 quando un’ondata di acqua spense duemila vite a Longarone. Spettacolo musicale in chiesa il 21 sera (20.30) con la gustosa distribuzione del dolce del Sant’Alessandro offerto dalla Pasticceria Bonati. Per l’occasione gli artisti Claudio e Davide Locatelli (padre e figlio) proporanno un concerto di brani classici con contaminazioni jazz e melodie contemporanee con la direzione artistica affidata al parroco don Vittorio Rossi.

Si presenta un libro su Papa Francesco

Martedì 23 (20.30 all’oratorio) il giornalista Roberto Alborghetti presenterà il suo ultimo libro dedicato a Papa Francesco dal titolo “Nessuno resti indietro” che indaga le posizione del papa argentino sulla dignità del lavoro e dell’inclusione sociale nel mondo d’oggi partendo dal suo vissuto pastorale. Certamente suggestivo l’appuntamento del 24 (20.45 in chiesa) che prevede la drammatizzazione della storia di Maria che restituisce alla madre di Gesù la meravigliosa semplicità di una femminilità coraggiosa. Il ricordo del beato don Sandro Dordi (con la benedizione del suo ritratto ad opera di Angelo Capelli) caratterizzerà la Messa della vigilia (ore 18) presieduta dal vicario generale Monsignor Davide Pelucchi.

Il pontificale di Monsignor Malvestiti

Gli artisti di strada (clown, trampolieri, maghi ed equilibristi) saranno i protagonisti del pomeriggio della solennità di Sant’Alessandro (26 agosto) prima del pontificale (ore 18) presieduto dal vescovo di Lodi, Monsignor Maurizio Malvestiti, seguito dalla processione per le vie del paese accompagnata dal corpo musicale della Ramera. Tra i momenti culturali particolare attenzione riveste la mostra iconografica dedicata al beato Papa Giovanni XXIII (nella chiesetta accanto alla parrocchia). Previste anche trasferte (prenotazioni dalle suore) alla Danza Macabra di Clusone del 22 agosto e alla Basilica di Gandino in programma il 24 agosto. Chiuderà i festeggiamenti la rappresentazione (in chiesa il 29 agosto alle 20.45) intitolata “La sosta” scritta e diretta da Umberto Zanoletti e interpretata dalla compagnia “Teatro minimo”. (Bruno Silini)

[paypal_donation_button]
Print Friendly, PDF & Email

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli