Sabato un gruppo di ignoti ha imbrattato i vetri della sede della Lega a Cologno al Serio con scritte irriverenti contro il partito politico di Matteo Salvini. Un episodio analogo era successo l’estate scorsa. Per Marco Picenni (Candidato Sindaco Lega Cologno al Serio) c’è il rammarico di “vedere che a distanza di pochi mesi i nostri detrattori sono tornati alla carica imbrattatando nuovamente la vetrina della nostra sede“. “Non tanto per il gesto in sé, a cui noi della Lega bergamasca siamo abituati e basti guardare i numerosi episodi che hanno coinvolto la sede provinciale di Bergamo, – continua Picenni – ma per il negativo approccio sociale che traspare da questi gesti. Fortunatamente noi della Lega, definiti barbari ignoranti dai nostri avversari, ci comportiamo in ben altro modo e preferiamo affrontare tematiche e cercare soluzioni pratiche nelle opportune sedi di dibattito anziché girovagare di notte vandalizzando le sedi altrui”.

Dalla Lega Giovani giunge la solidarietà a Marco Picenni e a tutti i militanti della Lega di Cologno al Serio. “Noi siamo sempre disponibili precisa il coordinatore Luca Montanelli con chiunque ad un confronto civile basato sui temi e sui bisogni reali delle persone. Vorremmo discutere con chi la pensa diversamente da noi di lavoro, politiche sociali, tutela dell’ambiente e investimenti sulle future generazioni perché crediamo che il confronto sia il più grande strumento di crescita, ma constatiamo che dall’altra parte purtroppo c’è chi ci risponde solo imbrattando vetri. Facciano pure, li puliremo e continueremo a lavorare più convinti di prima. Agli insulti e alla violenza rispondiamo con la forza delle idee”.

Nessuna denuncia è stata fatta “per non oberare le Forze dell’Ordine per una questione politica“. I militanti della Lega di Cologno al Serio, per ora, si limiteranno a pulire le vetrine imbrattate così come hanno fatto ad agosto del 2020.

Tagged in: