Dopo lo spiacevole episodio della scorsa settimana in cui una ragazza ha rubato un’ambulanza in piena notte, l’Ospedale di Treviglio torna a essere protagonista a causa di un ragazzo che, dopo essersi rifiutato di indossare la mascherina ha aggredito uno degli operatori presenti al check point per il controllo della temperatura.

Tutto è avvenuto nella mattinata di oggi, mercoledì 25 novembre attorno alle ore 7: un giovane, da poco dimesso dal pronto soccorso si è rivolto alla portineria dell’ospedale, pretendendo che gli fosse chiamato un taxi per tornare a casa.

Il mezzo molto probabilmente è arrivato in piazzale Meneguzzo, ma il giovane non se ne è accorto e il taxi è ripartito senza caricarlo a bordo. Il giovane si è quindi infuriato e si è avvicinato, senza mascherina, al check point posizionato all’ingresso dell’ospedale, con due varchi elettronici con misurazione automatica della temperatura corporea. Visto che non la indossava, il personale gli ha intimato di indossare la mascherina prima di accedere ai rilevatori ma il giovane, ha aggredito uno degli operatori addetti al check point, prendendolo a schiaffi.

Necessario è stato a questo punto l’intervento dei carabinieri, che giunti sul posto hanno identificato e denunciato a piede libero l’uomo, che stando alle prime informazioni sarebbe un giovane con problemi di dipendenze.

Print Friendly, PDF & Email