Almanacco di oggi 13 luglio 2021 (Lunedì); Notizie e curiosità

28^ settimana – Giorni inizio/fine anno 194/171 – BUONA GIORNATA

OGGI in QUESTO ALMANACCO:

  • I Santi del giorno
  • Giornata Mondiale del Rock n’roll
  • Nasce l’Arma dei Carabinieri
  • I vaccini proteggono dalla Variante Delta
  • Bergamo e i “Grandi Bergamaschi”
  • Bollette: con il Mercato Libero si può risparmiare
  • Visite gratuite al Teatro e Casa Donizetti
  • Allerta: il “Penace” sta invadendo la Lombardia
  • Altre “Notizie e Curiosità del giorno”. 
  • I MORTI DI OGGI E LA DATA DEI FUNERALI (clicca qui)
  • TUTTA LA CRONACA (clicca qui)

I SANTI del GIORNO:
Sant’ENRICO II – Imperatore della Baviera
Santa CLELIA BARBIERI Vergine
San SILA discepolo
Sant’ESTRA Sacerdote
Sant’EUGENIO Vescovo

La Chiesa ricorda la Terza Apparizione della Madonna di Fatima: in questa Apparizione la Madonna annuncia lo scoppio di un’altra più potente e sanguinosa guerra mondiale (Seconda Guerra Mondiale). Ai tre pastorelli insegna la preghiera che poi verrà inserita nella recita del Rosario: “O Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci …”

GIORNATA MONDIALE del ROCK N’ROLL Si potrebbe dire che la musica rock’n’roll potrebbe avere origini dal blues e dal jazz dove la base comune è sempre la stessa ovvero la ricerca ad un futuro migliore tramite la musica. Il Rock’n’Roll nasce negli Stati Uniti negli anni ’50 grazie ad Elvis Presley e Chuck Berry per raggiungere l’apice con i Rolling Stones che tutti conosciamo. Negli anni ’70 poi la musica Rock ha incarnato lo spirito rivoluzionario dei tempi e la contestazione giovanile, lo stile di vita di quel tempo e la moda stessa con i suoi outfit che sono stati definiti particolari, ma che ancora oggi influenzano fans in tutto il mondo. I cantanti rock non hanno solo uno stile musicale ma curano moltissimo anche la loro immagine in ogni particolare ed è proprio questo che ha creato degli stili di moda Rock’n’Roll amati senz’altro da chi ama le loro canzoni.

AFORISMA del GIORNO: “La mattina la gente si sveglia e dice: “Da oggi cambio vita”. Invece non lo fa mai … capita anche a te?”

NASCE L’ARMA dei CARABINIERI: Abito turchino in panno di lana, chiuso da una fila di bottoni bianchi, stivali neri e cappello alto a due punte, con la coccarda azzurra dei Savoia sul davanti. Era l’uniforme dei Carabinieri Reali, corpo istituito a Torino, il 13 luglio 1814, dal Re di Sardegna Vittorio Emanuele I, attraverso le Regie Patenti. Sia nell’abbigliamento, che nella funzione assegnata, richiamavano la gendarmeria francese: armati con l’inseparabile carabina e la spada, svolgevano infatti compiti civili, di controllo dell’ordine pubblico, e militari, nella difesa della patria e come polizia militare. Protagonisti nelle guerre risorgimentali, i Carabinieri divennero un’arma dell’esercito l’8 maggio 1861, affiancandosi alle altre sezioni (fanteria, artiglieria, cavalleria) e attestandosi nel tempo come l’Arma per antonomasia. Altra data storica è il 5 giugno 1920, quando la Bandiera dei Carabinieri fu insignita della prima Medaglia d’oro al Valor Militare, in riconoscimento al contributo offerto nel corso della Prima guerra mondiale. In ricordo di quel giorno si tiene, annualmente, la Festa dell’Arma.

I VACCINI PROTEGGONO dalla VARIENTA DELTA? Lo abbiamo chiesto ai Medici della Direzione di Humanitas. La variante Delta è stata individuata per la prima volta in India nell’ottobre 2020, a oggi la sua prevalenza in Italia è stata stimata del 22,7% ed è stata identificata in 16 Regioni/Province Autonome, come riportato nel rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità (datato 22 giugno 2021). Cosa sappiamo della variante Delta e del suo impatto sulle misure di contrasto alla pandemia COVID-19? I vaccini proteggono contro questa variante? Dai dati attualmente disponibili, tutti i vaccini utilizzati in Italia (Pfizer/BioNTech, Moderna, Vaxzevria/AstraZeneca e Janssen/Johnson&Johnson) sono efficaci contro le varianti. Per quanto riguarda la variante Delta tuttavia, la protezione è maggiore con il ciclo vaccinale completo: coloro che hanno ricevuto solo la prima dose di una vaccinazione che prevede due somministrazioni, sono meno protetti contro l’infezione con la variante Delta rispetto all’infezione da altre varianti, indipendentemente dal tipo di vaccino somministrato. Aver completato il ciclo vaccinale offre invece una protezione contro la variante Delta quasi equivalente a quella osservata contro la variante Alpha.

BERGAMO e i “GRANDI BERGAMASCHI”: CLARA MAFFEI (al battesimo Elena Chiara Maria Antonia Carrara Spinelli) nata a Bergamo, 13 marzo 1814, morta a Milano, il 13 luglio 1886 (135 anni fa) è stata una patriota e mecenate italiana, meglio nota come Clara Maffei, dal nome del marito, il nobile Andrea Maffei. La città di Bergamo le ha dedicato una Via del centro (Via Clara Maffei). Clara nacque – figlia unica – da genitori appartenenti a due famiglie aristocratiche in un palazzo di via Arena, a Bergamo Alta. Il padre, Giovanni Battista Carrara-Spinelli, discendeva dai Carrara di Bergamo, la madre Ottavia Gàmbara vantava tra i propri antenati personaggi di chiara fama quali la poetessa Veronica Gàmbara, due cardinali e la beata Gàmbara Costa. All’età di nove anni Clara, a seguito del divorzio dei genitori, fu affidata alla contessa Mosconi di Verona dove intraprese gli studi. Quando la madre Ottovia morì, Clara si trasferì a Milano con il padre per completare gli studi e qui si sposò il 10 marzo 1832 con Andrea Maffei di sedici anni più vecchio. Maffei apparteneva a una famiglia il cui rango nobiliare era inferiore rispetto a quello dei Carrara Spinelli, potendosi fregiare “soltanto” del titolo di cavaliere del Sacro Romano Impero. I due andarono ad abitare in via Tre Monasteri (poi via del Monte di Pietà), e Andrea non tardò a trascurare la moglie per i salotti, i caffè e altre donne, anche se la nascita di una figlia parve cementificare, momentaneamente, il loro rapporto. Alla figlia le fu dato nome Ottavia, come la madre di Clara, ma morì appena nove mesi dopo la nascita, gettando la contessa in uno stato di profondo sconforto. Il marito fece allora convenire nella propria casa alcuni poeti e intellettuali in voga nel tentativo di consolarla. Tommaso Grossi e Massimo d’Azeglio erano i frequentatori più assidui, e furono loro a costituire il nucleo originario del “salotto” Maffei, destinato in breve tempo ad ergersi a punto di ritrovo per i patrioti della città. Nel 1842 un giovane compositore parmigiano si prendeva la rivincita alla Scala, mettendo in scena il 9 marzo il Nabucco e riscuotendo un successo trionfale ma aprì le porte di una carriera straordinaria e decretò immancabilmente un nuovo ingresso in casa Maffei: quello di Giuseppe Verdi. Il 15 giugno 1846 la coppia Maffei si separò; testimoni dell’atto furono Giulio Carcano e Giuseppe Verdi, affettuosamente vicini sia a Clara che ad Andrea. Clara avrà poi con Carlo Tenca, noto patriota anti austriaco,  una lunga e duratura relazione. Fu nota per il suo salotto milanese, punto d’incontro di tante persone illustri: letterati, artisti e patrioti del Risorgimento, tra cui Alessandro Manzoni, Giuseppe Verdi, Emilio Bignami e Giovanni Prati. Clara Maffei morì di meningite il 13 luglio 1886. È tumulata nel cimitero Monumentale di Milano. Per scoprire e conoscere l’importanza che ebbe il “salotto” Maffei nel Risorgimento italiano vi invito a leggere la Sua storia in internet che qui purtroppo per mancanza di spazio non è stato possibile riassumere ma scoprirete un grande personaggio.

BOLLETTE: con il MERCATO LIBERO SI PUO’ RISPARMIARE: il mese di luglio 2021 è iniziato con il consueto aggiornamento tariffario che ha portato ad un netto aumento dei prezzi di luce e gas per le famiglie in tutela. Per risparmiare conviene sempre di più passare alle migliori offerte del mercato libero, caratterizzato da una maggiore convenienza rispetto al mercato tutelato, derivante proprio dal fattore libera concorrenza. Nonostante sia emerso un aumento generale dei costi, complessivamente si assiste a un’impennata del risparmio se si sceglie di passare al mercato libero dal mercato tutelato. I costi delle bollette sono più elevati ma il passaggio al mercato libero conviene sempre di più. Il risparmio annuale è, infatti, cresciuto fino al +81% con la possibilità di tagliare le spese di oltre 400 euro.

VISITE: TEATRO DONIZETTI e CASA NATALE Questo fine settimana (17 e 18 luglio) sono visitabili il Teatro Donizetti e la Casa natale di Gaetano Donizetti, sita in Città Alta. Nuove modalità di visita: visita libera, con l’ausilio di brevi descrizioni fruibili attraverso QR code, o audiotour: al TEATRO DONIZETTI possibilità di usufruire di un’audioguida che accompagnerà lo spettatore all’interno del Teatro attraverso la voce di Maurizio Donadoni per la versione italiana e di Claire Dowie per la versione inglese. In visita CASA NATALE di DONIZETTI è possibile intraprendere, con il dispositivo Impronte sonore, un viaggio nel passato, circondati dalle voci e dai suoni che animavano i tempi del piccolo Gaetano. Orari: – sabato: 14.00-18.00 – – domenica: 10.00-13.00 e 14.00-17.00

ALLERTA il “PANACE” STA INVADENDO la LOMBARDIA Il Panace di Mantegazza (nella foto di copertina) si sta diffondendo nei boschi, nei pascoli e lungo i corsi d’acqua delle Orobie, ma anche in habitat parzialmente ombreggiati. Attraverso sottoli peli che si trovano sulla pagina inferiore delle foglie secerne una sostanza tossica che viene attivata dai raggi del sole. I sintomi sono simili alle ustioni e possono comparire nel giro di un quarto d’ora. ore trasformarsi in grosse bolle. Anche gli animali da compagnia possono restare intossicati. La pianta è considerata pericolosa anche per la sua rapidità di diffusione, in grado di minacciare la biodiversità della vegetazione. Può raggiungere tra i 2 e i 5 metri d’altezza, la fioritura avviene da giugno ad agosto e i fiori sono di colore bianco o verde-giallastro e raggruppati a ombrello; le foglie possono essere anche lunghe un metro. Nei casi in cui si venga a contatto con questa pianta è da segnalare all’ASL di competenza.

ACCADDE OGGI: 1862 Viene istituito (159 anni fa) il Monopolio di Stato su Sali e tabacchi

PROVERBI:
“Il giusto paga per il peccatore”
“Pagare è regnare”
“Gli errori sono come le tasse, si finisce sempre per pagarli”
“Il pensiero che a pagare sia sempre l’altro è la salsa migliore al mondo”

GIORNATA NAZIONALE dei BENEFICI delle PRUGNE: (italiane) Dolci e energetiche, basterebbero queste due ragioni per consumare le prugne, ma ci sono ben sette ottimi motivi in più per mangiarle. Il caldo estivo non invoglia di certo a stare a tavola, quindi per dare sostentamento al nostro corpo possiamo scegliere degli alimenti rinfrescanti e nutrienti allo stesso tempo. È il caso delle prugne, frutti estivi buonissimi e freschissimi ricchi di proprietà salutari per il nostro organismo. E anche in grado di sostituire lo zucchero. Le prugne vantano altre proprietà salutari come un’azione antivirale e antibatterica (la vitamina C potenzia le difese immunitarie), purificano il corpo dalle tossine e riducono il colesterolo cattivo, apportano benefici a unghie e capelli e hanno proprietà energetiche e tonificanti dell’organismo.

SEI NATO OGGI? Chi nasce durante questo mese possiede un innato istinto che gli permette di sfruttare qualsiasi occasione e qualsiasi situazione che il destino pone davanti la strada. Coloro che nascono durante il tredicesimo giorno dell’anno infatti sanno essere molto intuitivi e capaci e difficilmente si lasciano sfuggire una buona opportunità. Le occasioni positive possono arrivare in qualsiasi momento e uomini e donne nati il giorno 13 Luglio sanno benissimo che non devono andare a cercare le opportunità ma devono semplicemente attendere, aspettare con fiducia perchè esse arriveranno all’improvviso.

A BERGAMO e in PROVINCIA: il SOLE sorge alle ore 05.44 e tramonta alle ore 21.09 – Durata del giorno 15.25 (-2 minuti rispetto a ieri) – Durata della notte: 08.35 (+2 minuti rispetto a ieri) – La LUNA crescente (21%) sorge oggi alle ore 08.56 e tramonta alle ore 23.14

Seguici su Google News


Print Friendly, PDF & Email