L’intervista al candidato sindaco Attilia Mistri (54 anni, impiegata comunale) in campo per le elezioni amministrative 2019 ad Colzate con la “Uniti per Colzate“.



Perché ha scelto di candidarsi alla carica di sindaco?
La mia è stata una “scelta di cuore” ho scelto di candidarmi a seguito della fiducia che mi hanno dato i miei compagni di avventura dopo aver lavorato per 19 anni come impiegata al Comune di Colzate.

Un giudizio sull’operato dell’amministrazione negli ultimi cinque anni?
Io non mi sento di esprimere giudizi in quanto ho lavorato al Comune di Colzate per 19 anni è ho collaborato con l’attuale Amministrazione per quasi 8 anni. Quello che secondo me è mancato è l’ascolto ed il dialogo con le persone e un po’ di solidarietà verso le stesse.

Tre doti che ritiene di possedere per amministrare nel modo migliore?
Servizio, responsabilità e coerenza.

Cosa manca al paese che lei si impegnerà a concretizzare?
“Uniti per Colzate” impronterà la sua attività amministrativa sulla trasparenza e sul dialogo e supporto continuo con i cittadini, per una politica al servizio della gente.

C’è un ruolo strategico che il paese potrebbe occupare nel contesto della nostra provincia?
Colzate è un piccolo paese che si trova al centro tra la media e l’alta Val Seriana. Potrebbe fare congiuntura tra le problematiche delle due realtà. Non c’è un ruolo strategico del paese ma sicuramente possiamo collaborare con i Comuni limitrofi per valorizzare il territorio.

Come descriverebbe ad un estraneo il paese per il quale si candida?
E’ un piccolo paese che gode delle protezione di San Patrizio visto che il bellissimo Santuario domina la vallata, ed invito tutti a visitarlo.

Quale è oggi la difficoltà maggiore nell’essere sindaco?
Oggi è molto difficile, non è più come gli anni trascorsi. lLe difficoltà sono sempre maggiori soprattutto per i piccoli Comuni e si deve riuscire ad amministrare bene con le poche risorse ormai destinate.

Come intende affrontare le situazioni di marginalità sociale del suo territorio?
Nel nostro programma elettorale abbiamo previsto delle politiche sociali che così riassumo:
1) stipulare convenzioni con le case di riposo dei paesi limitrofi;
2) prevedere un contributo per le famiglie di soggetti diversamente abili o con gravi difficoltà;
3) rilanciare le attività del Centro Sociale, collaborando con la Parrocchia ed i volontari valorizzando il bellissimo santuario di San Patrizio;
4)aiutare le giovani coppie;
5) rafforzare l’assistenza domiciliare coinvolgendo le associazioni locali.

Il suo politico di riferimento (anche passato) e perchè?
A me è sempre piaciuta la frase di Gandhi che “per poter trasformare gli altri, dobbiamo trasformare noi stessi”. Nella sua azione politica e sociale furono il considerare le difficoltà come opportunità di servire e il “volere” come azione di comandare ed obbedire al tempo stesso.

A un indeciso in cabina elettorale cosa gli direbbe per farsi votare?
Che merito di essere votata perché la mi è stata UNA SCELTA DI CUORE, e poi ci vuole cambiamento e rinnovamento anche … per il Comune di Colzate.

Candidati Consiglieri: Bonfanti Davide, Consonni Giacomo Paolo, Azzola Silvana Maria, Aquilini  Samuele, Filisetti Romeo, Projetto Carmelo, Mistri Maurizio, Armignano Erika, Mazzoleni Vittorino, Lanfranchi Roberta.

Tutti i sindaci intervistati da socialbg.it




I candidati non ancora contattati che avrebbero piacere ad una intervista senza tagli o interpretazioni possono mandare un messaggio alla pagina facebook socialbg. Grazie

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

,

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli