Press ESC to close

Bruno Silini

L’intervista al candidato sindaco Stefano Mazzoleni (43 anni, impiegato) in campo per le elezioni amministrative 2019 a Ponte Nossa con la lista civica “Ponte Nossa in Comune



Perché ha scelto di ricandidarsi alla carica di sindaco?
La scelta di ricandidarmi a Sindaco per un nuovo mandato amministrativo, è stata una conseguenza naturale dell’operato fin ora svolto: credo di avere ancora molto a cui lavorare per affinare le scelte messe in campo negli ultimi cinque anni in cui ho avuto la fortuna di amministrare il mio comune. Ho iniziato l’esperienza amministrativa 15 anni fa, e non nascondo la mia passione per questa attività.

Tre doti che ritiene di possedere per amministrare nel modo migliore?
Passione, determinazione, coerenza.

Cosa considera il suo capolavoro amministrativo in questi cinque anni? Di cosa va fiero?
Abbiamo investito in opere pubbliche circa 2.100.000,00 Euro, e oltre 950.000,00 Euro nel sociale senza accendere un solo mutuo, e riuscendo a ridurre il debito dell’Ente che in 5 anni è passato da circa 4 milioni di Euro a circa 3 milioni di Euro. L’opera pubblica più importante è stata senza dubbio la riqualificazione della scuola secondaria di primo grado (scuola media), in collaborazione con i comuni di Parre e Premolo. Inoltre abbiamo ottenuto un finanziamento a fondo perduto di 980.000,00 Euro dal cosiddetto “Patto per la Lombardia”, che servirà alla messa in sicurezza dell’incrocio presso la Ex stazione.

Cosa manca al paese che lei si impegnerà, se eletto, a concretizzare?
La nostra zona è sprovvista di una casa di riposo. Non è pensabile per un comune o per più comuni di piccole dimensioni realizzarne una, ma oggi esistono strutture intermedie.
Da diversi anni stiamo lavorando ad un ambizioso progetto per creare a Ponte Nossa una “residenza leggera” per anziani. Questo sarà il nostro obbiettivo primario se saremo rieletti.

C’è un ruolo strategico che il paese per il quale si candida potrebbe occupare nel contesto della nostra provincia?
Siamo ad un passo da un accordo storico che potrà dare il via al recupero dell’antica zona industriale Ex De Angeli Frua / Cantoni. Ponte Nossa è un paese che si è sviluppato soprattutto grazie alle industrie a partire da fine ‘800. Il recupero a fini produttivi di quest’area consentirà a Ponte Nossa di avere nuovamente una zona industriale di rilevanza se pensiamo di essere in montagna, probabilmente la più importante dell’Alta valle Seriana.

Come intende affrontare le situazioni di marginalità sociale del suo territorio?
Aumentando le opportunità di ascolto dei bisogni per poter mettere in campo tutte le risorse disponibili.

Come descriverebbe il suo paese ad un estraneo?
Ponte Nossa si presenta come piccolo paese di fondovalle, la sua forza sta nel riuscire ad offrire ai suoi abitanti un numero di servizi di molto superiore paragonato ad altri abitati di pari dimensioni e di montagna: penso ad esempio all’offerta scolastica, che va dal nido alle secondarie di primo grado, oppure alla rete di trasporto pubblico comodamente accessibile, alla rete commerciale che, nonostante il periodo storico poco favorevole, riesce ancora a soddisfare tutti i bisogni principali dei cittadini in loco.

Quale è oggi la difficoltà maggiore nell’essere sindaco?
Sono molte le difficoltà, con l’aggravante di amministrare un piccolo Comune di montagna. La più grande frustrazione è la difficoltà di non riuscire sempre, ad essere vicini alle esigenze delle persone in difficoltà per la carenza di risorse.

Il suo politico di riferimento (anche passato) e perché?
Ho sempre avuto stima nei confronti del Presidente Sandro Pertini, in particolare per la sua estrema umiltà.

A un indeciso in cabina elettorale cosa gli suggerirebbe per farsi votare?
Suggerirei di valutare l’impegno profuso negli ultimi cinque anni dal sottoscritto e da tutti gli amministratori. In un periodo di ristrettezze economiche grazie alla coesione e al lavoro di squadra sono state mantenute la maggior parte delle promesse “elettorali”.

Tutti i candidati sindaci intervistati da socialbg.it


Print Friendly, PDF & Email

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli

Preferenze dei cookie