A Bergamo, a due passi dal Sentierone è apparsa una Greta Thunberg in versione lavoratrice della nota multinazionale Just Eat. E’ intenta a sponsorizzare barattoli di pomodoro (modello Andy Warhol) da usare per un tirassegno verso le opere d’arte (pratica purtroppo assai di moda nell’ultimo anno).

L’autore è Valerio Morganti, alias Mart Signed, dagli esperti considerato il Banksy italiano. Le sue opere di strada hanno fatto parlare di sé in tutta Italia. Dal blitz satirico a Roma – con Di Maio al guinzaglio di Draghi – al segno lasciato alla mostra su Banksy a Livorno. Un’escalation per l’artista livornese che in questi giorni ha soggiornato nella nostra città alla ricerca di ispirazioni.

Greta Thunberg è ritratta come una influencer che spinge le persone al gioco proprio sulla parete di fronte alla famosa catena di caffè statunitense Starbucks, simbolo anch’esso di un commercio globale, recentemente inaugurata a Bergamo. Tutto questo interpretabile, a seconda dei punti di vista, come una cosa positiva o negativa. L’opera, realizzata a Bergamo, si inserisce nel contesto dell’apertura di BAF Bergamo Arte Fiera, dove Mart Signed era presente con un grande stand gestito dal suo gallerista e amico Mario Mazzoleni.

Lo street artist Made in Italy, ormai in rampa di lancio nel panorama internazionale, lascia così di nuovo il segno affrontando, con il suo personale stile pungente e ironico, un tema dibattuto e di grande attualità: “Una provocazione verso questo nuovo movimento Just Stop Oil – afferma l’artista -. Con questo murales mettiamo in evidenza come un’ipotetica Greta influencer può fare da testimonial ad una linea di pomodori fatta appositamente per essere lanciata contro le opere d’arte in un vero e proprio contest a punti“.

L’arte diventa sempre più un messaggio sociale. Mart Signed continua a farlo utilizzando semplicemente dei manifesti preparati prima in studio “perché l’artista deve lanciare messaggi senza rovinare nulla, altrimenti diventa vandalismo”.

Print Friendly, PDF & Email