Home VITA BERGAMASCA CITTA' La lettera di Salvini non pubblicata integralmente da L’Eco di Bergamo

La lettera di Salvini non pubblicata integralmente da L’Eco di Bergamo

1285
CONDIVIDI
Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell’Interno, ha scritto a L'Eco di Bergamo riferendosi all'editoriale del giornalista Alberto Ceresoli del 27 novembre scorso dal titolo

Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell’Interno, ha scritto a L’Eco di Bergamo riferendosi all’editoriale del giornalista Alberto Ceresoli del 27 novembre scorso dal titolo “La nostra storia è fatta con voi”. Il giornale non ha ritenuto di pubblicare integralmente la lettera bensì l’ha “cucinata” dentro un articolo. Ogni testata, si sa, ha la propria agenda setting, ma credo che di fronte allo scritto di un ministro dell’Interno nonché vice premier (che piaccia o non piaccia!) si ha il dovere, per la credibilità che accenna il giornalista Ceresoli, di pubblicare la lettera nella sua interezza. Quello che non ha fatto l’Eco lo facciamo noi di sociabg.it.


Egregio direttore,
nel Suo editoriale del 27 novembre scorso parla dei giornalisti e -della fatica di dimostrarsi credibili. Vale anche per noi politici: abbiamo il dovere di rendere conto ai cittadini-elettori, e per essere credibili servono i fatti. Mi espongo, dopo circa sei mesi da vicepremier e ministro dell’Interno, per tracciare un primo bilancio rivolgendomi ai Bergamaschi attraverso il Suo quotidiano: ho provato a dare immediata concretezza agli impegni assunti in campagna elettorale.

Pochi giorni fa il Decreto Sicurezza è diventato legge. Non elenco le misure sul fronte immigrazione: sono note. Gli sbarchi si sono ridotti dell’80% e stiamo tagliando i costi dell’accoglienza, stroncando il business di chi lucrava sui clandestini.

Le mie posizioni e quelle de L’Eco di Bergamo sono chiare: la pensiamo diversamente. Mi piace soffermarmi sulle tante notizie positive che riguardano la Vostra provincia, e che credo possano far piacere indipendentemente dal colore politico.

Non ho sottovalutato, infatti, i dibattiti locali degli ultimi mesi, innescati anche dal sindaco del Pd Giorgio Gori. Mi è spiaciuto, l’altro giorno, leggere le critiche del centrosinistra orobico. Accusa il sottoscritto di non aver ascoltato il territorio: non è così. Abbiamo preso nota di tutte le richieste. E molte di queste sono state accontentate.

Ne elenco alcune: c’è la possibilità di assumere nuovi agenti della polizia municipale, ci sono nuove risorse per la videosorveglianza (dopo i fondi già erogati per il capoluogo e per Montello), c’è l’estensione del Daspo urbano, ovvero la possibilità di allontanare dal territorio comunale delinquenti e sbandati che allarmano cittadini e famiglie. Non solo. Ora i sindaci potranno chiudere e ridurre gli orari d’apertura dei negozi che non rispettano le norme o attirano una clientela problematica. Sarà possibile allontanare dai locali pubblici facinorosi e pusher. Recentemente abbiamo adottato nuove direttive, con l’obiettivo di contrastare con forza lo spaccio di droga nelle piazze e nei dintorni delle scuole.

Oltre a questo ci sono altre norme interessanti, per esempio per accelerare gli sgomberi e per assegnare maggiori poteri e strumenti alla Polizia locale (tra cui la sperimentazione del Taser). Anche l’accesso alla banca dati di polizia è finalmente realtà: mi stupisce che il vicesindaco Gandi affermi il contrario, su L’Eco del 29 novembre. Ho un dubbio: hanno letto il Decreto?

C’è anche una attenzione alle istanze autonomiste: prima, i prefetti potevano imporre l’accoglienza di richiedenti asilo sul territorio, ora devono interpellare gli amministratori locali.

A breve Bergamo avrà 47 poliziotti in più, 35 carabinieri in più, abbiamo sbloccato (dopo anni) la pratica per ingrandire il Commissariato di Treviglio, abbiamo stoppato i tagli della Polizia Postale, Ferroviaria e Stradale (quest’ultima rimarrà anche a Treviglio). Il governo ha promosso la caserma dei carabinieri di Zingonia a Tenenza. A Grumello ci sarà una nuova caserma della Guardia di Finanza. A febbraio inizieranno i lavori per abbattere le torri di Zingonia: pochi giorni fa c’è stato l’ennesimo maxi-blitz dei Carabinieri, che hanno trovato clandestini e droga. Voglio essere presente, appena possibile, a un Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica della vostra provincia.

C’è ancora tanto da fare, ovviamente.

Nel prossimo triennio abbiamo deciso di assumere circa 8mila donne e uomini delle Forze dell’Ordine in tutta Italia, e parte di questi nuovi agenti potranno certamente arrivare nella Bergamasca.

Non mi dilungo oltre, ma segnalo i passi in avanti sulla Flat tax per le partite Iva, l’impegno a rivedere il codice degli appalti, il primo passaggio sull’Autonomia regionale (è in agenda nelle prossime settimane). In manovra raddoppieremo la detraibilità dell’Imu sui capannoni e diminuiremo i contributi Inail per le imprese. All’inizio del 2019 approveremo la nuova legge sulla legittima difesa.

In sintesi, vogliamo passare dalle parole ai fatti. Il dialogo col territorio e con gli amministratori sarà sempre aperto. Non dimentico Bergamo e i Bergamaschi.

(Matteo Salvini – Vicepremier e ministro dell’Interno)



CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here