Operazione “Milite non più ignoto” a Ponteranica grazie ad una minuziosa ricerca di un cittadino.


Alfredo Perego è riuscito nell’impresa di ridare gli onori della memoria a dieci soldati “perduti”, nella Grande Guerra. Sono Antonio Vaglieri, Martino Moroni, Pietro Gritti, Giuseppe Gritti, Antonio Beretta, Pietro Bonzi, Stefano Lorenzi, Ernesto Frigeni, Luigi Terzi e Luigi Venturi. L’ultimo della “Perego’s List” non è autoctono di Ponteranica. E’ un aviatore di Russi (Ravenna) precipitato con il suo aereo sulle colline delle Maresana.

L'aviatore Luigi Venturi precipato sulla Maresana durante la Grande Guerra

L’aviatore Luigi Venturi precipato sulla Maresana durante la Grande Guerra


I loro nomi sono stati aggiunti, attraverso la composizione di due lapidi, a quelli già presenti sul monumento dei Caduti posto davanti all’ingresso del cimitero in via IV Novembre. La cerimonia di svelamento è prevista domenica mattina 8 novembre alla conclusione della Santa Messa commemorativa che sarà celebrata alle 10.30 nella chiesa parrocchiale di Ponteranica alta. Un plauso particolare alla ricerca storiografica (condensata in un poderoso volume di un centinaio di pagine presentato nei giorni scorsi in sale consigliare) arriva dal sindaco Alberto Nevola.

La presentazione della ricerca di Perego in sala consigliare

La presentazione della ricerca di Perego in sala consigliare


L’aspetto fondamentale dell’impegno di Perego – ha precisato il sindaco – sta nel fatto che i ragazzi delle nostre scuole che studiano su scala mondiale le vicende della Grande Guerra le ritrovano, calate nella realtà del loro paese, attraverso la riscoperta di antenati che portano cognomi noti sul territorio. Inoltre le pagine di Perego fanno apprezzare in maniera inequivocabile (anche se c’è la tendenza a dare per scontato il concetto) la grazia degli anni di pace che ci è dato di vivere in Italia”.

Il IV Novembre spiegato ai ragazzi nelle scuole di Ponteranica

Il IV Novembre spiegato ai ragazzi nelle scuole di Ponteranica


Sei mesi con addosso i panni di uno Sherlock Holmes del passato a caccia di nomi, date, episodi con l’intento di completare un puzzle fino ad oggi rimasto incompiuto. Perego non ha solo riscoperto nomi celati nell’oblio, ma dei militi noti ha ricostruito la storia dettagliata del loro essere uomini e soldati: la famiglia di origine, le date dei sacramenti, il corpo e il reggimento di appartenza, l’ultimo combattimento prima della scomparsa o della morte e il luogo di sepoltura.

Monumento dei Caduti a Ponteranica. In basso le due lapidi di "aggiornamento"

Monumento dei Caduti a Ponteranica. In basso le due lapidi di “aggiornamento”


Non ho contato le ore – spiega Perego – che ho trascorso nell’Archivio di Stato, tra i registri parrocchiali della canonica e alla biblioteca Angelo Mai di Città Alta. Senza contare le relazioni intessute, per esempio, con l’Ambasciata di Albania e della Repubblica Ceca, con il Console onorario di Breslavia, il Consolato di Metz, i volontari della Fondazione “Le vie della Pace” che curano l’ossario di Caporetto in terra, oggi, slovena con il nome di Kobarid.”. “

Alfredo Perego

Alfredo Perego


Mi ha appassionato – scrive il parroco don Sergio Scotti che ha firmato la prefazione del libro – vedere come questo mosaico, partito da scarne citazioni sul monumento davanti al cimitero, si è pian piano arricchito e composto a raccontare vicende e luoghi. Questa ricerca insieme alla Grande Storia ci ha svelato qualche frammento delle piccole storie di tanti ragazzi di Ponteranica che hanno pagato con la loro vita le scelte fatte dai ‘grandi’ prima di noi”. (Bruno Silini)

Print Friendly, PDF & Email

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli