Un’altra lettera è stata inviata al Prefetto, alla Provincia e al Sindaco di Ponteranica per l’irrisolta questione della velocità in via Valbona. La speranza è di smuovere una situazione pericolosa.

Sono residente sulla Strada Provinciale n°12 in via Valbona a Ponteranica. In tale via nel tratto compreso tra il parcheggio ex stazione ferroviaria e l’intersezione con via Padre Longari,sprovvisto da un lato di marciapiede e diventato, ormai da diverso tempo, molto pericoloso. Automobilisti e motociclisti sfrecciano, a tutte le ore del giorno e della notte, a velocità eccessiva.

L’amministrazione comunale ha fatto un buon intervento installando un pannello elettronico nel tratto discendente da Ponteranica verso Bergamo (non capisco perchè non anche uno nel senso di marcia opposto) che rileva la velocità dei veicoli in transito.

Inizialmente tale dispositivo pareva efficace nel far rallentare i veicoli, ma accertato che non fosse collegato a nessun autovelox e che il superamento del limite di velocità segnalato non procurasse alcuna sanzione, si è innescato l’effetto opposto: in parecchi ora lo usano per verificare, valutare e stabilire il proprio record di velocità (come testimoniano le foto 1-2-3).

Non parliamo poi dei fenomeni che lo percorrono ben oltre i 70 km/ora (il pannello elettronico dopo tale velocità resta fisso su segnale di pericolo vedi foto 4 ) effettuando spesso dei sorpassi nonostante vi siano riga continua in carreggiata, diversi passi carrai, e i residenti sul lato sprovvisto di marciapiede, uscendo dal proprio cancello pedonale, rischino continuamente di essere investiti!

Faccio presente che agli estremi di questo tratto di strada esistono due attraversamenti pedonali posti su dossi rallenta-traffico che molto spesso vengono ignorati dagli utenti della strada, tant’è vero che vi è già stato un investimento con purtroppo il decesso del pedone, oltre a diversi incidenti stradali.

Il problema potrebbe essere risolto o quanto meno mitigato adottando una o più soluzioni del tipo:

  • intensificare la presenza della polizia comunale in diversi orari e posizioni (presso civico n°43 e civico n°34)
  • installazione di un dosso rallentatore monoblocco in EPDM posizionato a metà rettilineo,all’altezza dei civici n°49 e n°30 (investimento di denaro poco impegnativo)
  • cinstallazione sugli attuali attraversamenti pedonali, di semafori che tramite pulsante di chiamata mettano in sicurezza i passaggi pedonalie, che al superamento dei 50 km/h , facciano scattare il segnale rosso, ovviamente abbinato ad un rilevatore di infrazione semaforica (investimento di denaro più impegnativo ma che si ripagarebbe in breve tempo)

Ringrazio sin ora per la cortese attenzione confidando che uno o più suggerimenti questa volta vengano attuati a breve. Cordiali saluti.

lettera firmata

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in: