Nel 2014, appena vinte le elezioni, avevano il gruppo di maggioranza più giovani d’Italia. Poi avevano altro da fare che stare ad aggiornarsi sul primato man mano che le consultazioni alle urne si susseguivano. Sicuramente il sindaco di Sedrina Stefano Micheli (34 anni) e i suoi assessori Alessandro Gotti (33 anni) e Cinzia Mangili (37 anni) nonché tutto il consiglio di maggioranza costituiscono un’eccezione alla disaffezione dei Millennials alle trame della politica raccontata ad ogni piè sospinto da sociologi ed esperti. Certo, il sindaco Micheli non nasconde che i primi tempi, con un bilancio controllato a vista dalla Corte dei Conti e maglie operative alquanto ristrette, la tentazione di scendere dall’avventura amministrativa c’è stata. Ma poi le giovani energie del gruppo hanno fatto massa comune dando nuovo slancio all’impegno di amministrare i 2500 concittadini di Sedrina.Un po’ coraggiosi, un po’ incoscienti – precisa Micheli – a prendere in mano un Comune in odore di dissesto finanziario. Ma abbiamo deciso di rischiare perché c’era bisogno di aria nuova. E poi in discesa sanno andare tutti. Qui a Sedrina, invece, la strada era tutta in salita”.


Come a dire che essendo concittadini di Felice Gimondi, la voglia di pedalare duro non è venuta meno. Dopo tre anni i conti comunali sono sostenibili e la tensione dei primi tempi s’è un po’ sfumata. Ed aver salvato la scuola dell’infanzia dalla chiusura definitiva attraverso “una statalizzazione diesel” (per step successivi) ha sicuramente stimolato la giovane giunta a continuare il tragitto cambiando l’iniziale trazione sfibrante da scalatore con quella da passista determinato. Alla giovinezza si accompagnano solidi studi e una visione pragmatica della res publica.Quindi – continua Micheli – obiettivi e realizzazioni, dentro un paradigma di cambiamento, che guardano al bene dei cittadini”. A un coetaneo che vorrebbe imitarlo nell’amministrare un Comune, Micheli suggerisce la pratica della partecipazione. “Lasciarsi coinvolgere in gruppi, associazione e volontariato”.

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli