In via Aldo Moro a Stezzano si realizzeranno i dossi per contenere la velocità delle auto che transitano lungo il rettileneo. L’Amminastrazione comunale accoglie all’unanimità una mozione presentata dalla minoranza della Lega che mirava, appunto, a sensibilizzare il Consiglio comunale “all’installazione di dispositivi idonei a limitare la velocità e aumentare la sicurezza in via Aldo Moro“. Una moziona nata dagli stessi cittadini, che la Lega ha accolto, che lamentavano l’eccessiva velocità dei veicoli in transito e il conesso pericoli per gli abitanti della zona.

I dissuasori stradali già presenti nella via si sono dimostrati insufficienti a prevenire l’eccesso di velocità . Pertanto il rettileneo avrebbe bisogno di altri sistemi di sicurezza.

Sono soddisfatto per l’approvazione della mozioneprecisa Luca Montanelli di cui sono firmatario che prevede l’impegno per il Sindaco e per la Giunta di effettuare dei sopralluoghi in via Moro e di installare dei dossi e il limite di velocità a 30km/h per i veicoli. Ho presentato la mozione a seguito delle segnalazioni dei residenti che lamentavano una pericolosità derivante dall’elevata velocità di alcune vetture nel percorrere quel tratto di strada della nostra città. Troppo spesso in Italia si aspetta il verificarsi di situazioni spiacevoli prima di intervenire. La proposta era appunto finalizzata ad evitare questo. Occorre intervenire prima che le persone subiscano danni o che vi siano incidenti che possano portare ad esiti spiacevoli. Il voto favorevole unanime, di tutte le forze politiche presenti in Consiglio, dimostra che certi temi sono trasversali e ci riguardano non in quanto membri di partiti, ma in quanto cittadini“.

Questa la via vista da satellite. I due tratti blu sono dove ci sono già due dossi (nella parte per entrare nella via) mentre i tratti arancioni sono dove (secondo me) andrebbero realizzati per diminuire la velocità delle auto. La valutazione sul luogo preciso in cui metterli poi verrà fatta da Sindaco è Giunta insieme all’ufficio tecnico.


Meno soddisfatto Montanelli del mancato coinvolgimento delle minoranze nella redazione del Piano di Diritto allo Studio. “Mi sarebbe piaciuto inserire all’interno del Piano – continua Montanelli – dei premi per gli studenti delle scuole della nostra città che sviluppano progetti innovativi e meritevoli, al fine di incentivare la crescita sia degli alunni delle scuole sia della comunità stezzanese nel suo complesso. È grave che non si sia speso nemmeno un minuto di discussione su questo nella Commissione Istruzione, di cui peraltro faccio parte. In Consiglio ho anche invitato l’Assessore Tondolo a convocare il prima possibile una seduta della Commissione, della quale è Presidente, tenuto conto che la Commissione non viene convocata da sei mesi. Ieri sera ho votato a favore del Piano illustrato dall’Assessore Tondolo per senso di responsabilità, altrimenti con il voto contrario del Consiglio il documento non sarebbe andato alle scuole, che ne sarebbero rimaste sprovviste. Ribadisco che le Commissioni devono essere la sede principale di confronto con le forze politiche di minoranza prima che un provvedimento approdi in Consiglio Comunale e a mio parere devono essere valorizzate maggiormente”.

Print Friendly, PDF & Email

Tagged in: