Una prova di civiltà per i cittadini di Valbrembo sul fronte della raccolta dei rifiuti organici. Infatti, il comune dell’hinteland è stato premiato dal Consorzio Italiano Compostatori (CIC) per la qualità della raccolta dell’umido.



L’umido di Valbrembo vanta una una purezza (senza tracce di altri rifiuti) superiore al 99%. Il premio (una targa) è stato ritirato a Roma dal sindaco Elvio Bonalumi (già nella capitale per motivi professionali) in occasione della terza edizione del Forum Rifiuti. Un primato che Valbrembo condivide con di Vinci (Fi), San Vendemiano (Tv) e Castellana Grotte (Ba). La classifica arriva dopo un certosino lavoro di analisi merceologiche della raccolta dell’organico in quasi 1000 comuni d’Italia.“Un riconoscimento – spiega Bonalumi – che premia la qualità dell’umido raccolto e che sta a dimostrare l’attenzione della popolazione in ambito ecologico”.

Uno stimolo a fare sempre meglio

È importante ricordareaggiunge Massimo Centemero, direttore CICcome raccogliere bene l’organico incida anche sul fattore economico. Ogni punto percentuale di impurità nell’umido equivale infatti a 3 euro a tonnellata da spendere per estrarre le impurità stesse nel corso del trattamento negli impianti”. In particolare Valbrembo è da 20 anni impegnato in un percorso di crescita della raccolta differenziata. Un lavoro fatto insieme ai cittadini e alla municipalizzata (Geco) che si occupa della raccolta dei rifiuti. “La targa che ho ritirato – precisa Bonalumi – rappresenta un riconoscimento importante. E’ uno stimolo a fare sempre meglio in una prospettiva di tracciabilità dei rifiuti e di ridefinizione personalizzata della tariffa”. Il sindaco ha evidenziato il grande impegno messo in campo per ottenere una percentuale di purezza vicinissima al 100%.

Il settore emergente del biowaste

Rappresenta il risultato dell’investimento che stiamo facendo sul territorio – continua il sindaco – con la raccolta porta a porta e con la formazione dei cittadini, soprattutto quelli più giovani, sul riciclo dei rifiuti”. Un’abitudine virtuosa non solo per Valbrembo ma per tanti comuni italiani. Hanno dato linfa propulsiva al biowaste (la filiera del rifiuto organico). Un settore che rasforma l’umido di scarto delle nostre case in concime agricolo (compost). I 4100 cittadini di Valbrembo rientrano nei 40milioni di italiani che effettuano la raccolta differenziata dell’organico.Alla fine del 2014 – si legge sul report consegnato durante la premiazione – la somma di umido e verde rappresenta ben il 43% dei rifiuti urbani raccolti in maniera differenziata. Una percentuale che supera di gran lunga gli altri tipi di rifiuti come carta, plastica e vetro”.

L’impegno sulla differenziata

Se sulla purezza dell’umido Valbrembo è al top il sindaco ammette, però, che occorre ancora lavorare sodo (al via dall’anno prossimo la raccolta degli oli casalinghi) sulla percentuale di raccolta differenziata. Ancora non arriva all’asticella del 65%. Una percentuale raggiunta da per 24 comuni bergamaschi.  In testa c’è Alzano Lombardo (80,5%). Seguono San Paolo D’Argon (76%) e Martinengo (73,5%).


Print Friendly, PDF & Email

Tagged in:

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli