L’intervista al candidato sindaco Giulio Preda detto Angelo (76 anni, pensionato) in campo per le elezioni amministrative 2019 a Brusaporto con la lista civica “BRUSAPORTO VERSO  NUOVI ORIZZONTI



Perché ha scelto di candidarsi alla carica di sindaco?
Per continuare a dare un contributo alla qualità generale del mio paese.

Un giudizio sull’operato dell’amministrazione negli ultimi cinque anni?
Sono state fatte delle scelte che non ho condiviso. Per esempio la realizzazione di cucine al Centro Polivalente, la realizzazione di alcuni parcheggi spacciati per ampliamento piazza, ora l’ampliamento della palestra scolastica (senza spogliatoi) costruendola a confine con la strada pubblica di via Tognoli, con uno stile del tutto opposto all’urbanistica del luogo …. Opere che hanno oltretutto sottratto risorse ad altre più utili.

Doti che ritiene di possedere per amministrare nel modo migliore?
Serietà, competenza, passione, dignità. L’esperienza di un cittadino nato e vissuto nel paese, il costante contatto con la gente in modo da individuare i reali problemi della comunità e non quelli di facciata, e la familiarità in questioni amministrative.

Cosa manca al paese che lei si impegnerà a concretizzare?
In un paese in cui la crescita demografica sta diminuendo sensibilmente da anni, contemporaneamente alla crescita di persone anziane bisognose di aiuto, occorrono strutture sociali che incontrino le esigenze della popolazione. Tale problematica è stata evidenziata già da molti anni. Il centro diurno per anziani è da tempo in cima alle nostre proposte. Ora la maggioranza se ne è appropriata, cosa che andrebbe comunque bene, ma il luogo dove penserebbe di realizzarlo ci sembra un’area troppo limitata e pertanto non vorremmo che fosse una proposta solo di facciata.

C’è un ruolo strategico che il paese potrebbe occupare nel contesto della nostra provincia?
Siamo un paese che fa parte dell’Hinterland di Bergamo ma tra noi e la città c’è Seriate (anch’essa città a dire il vero) e questo ci condiziona molto anche nei servizi, specialmente nei trasporti.

Come descriverebbe ad un estraneo il paese per il quale si candida?
Innanzitutto da Brusaportese direi che è un ottimo paese, che a nord ha delle bellissime colline dove attraverso i sentieri e la pista ciclopedonale si possono fare delle piacevolissime camminate (infatti sono molto frequentati), a sud attraverso le strade campestri si possono fare delle ottime biciclettate, e quindi fare movimento senza fare palestra. Abbiamo molti servizi, l’ospedale a 2 km, un centro commerciale a 1 km e aree industriali tutte attorno. Quindi un bel posto in cui vivere.

Quale è oggi la difficoltà maggiore nell’essere sindaco?
Credo che le difficoltà odierne per gli amministratori, siano legate più che altro alla complicazione del tenersi aggiornati rispetto alla conoscenza delle leggi e della macchina burocratica. Sapersi districare attraverso i regolamenti. In un contesto generale in cui c’è la necessità di saper gestire una interazione / collaborazione tra enti locali e comuni.

Come intende affrontare le situazioni di marginalità sociale del suo territorio?
Purtroppo è un problema che anche nei paesi della nostra realtà territoriale sta’ affiorando sempre più, per cui occorre necessariamente non pensare sempre alle palestre ma a dei luoghi per le persone in difficoltà fisiche ed economiche.

Il suo politico di riferimento (anche passato) e perchè?
Sono un ex democristiano, ciò non toglie che politici che ho stimato e stimo siano trasversali a partiti e schieramenti. Conservo ancora tante amicizie, in campo politico, amministrativo, sportivo e sociale. Persone che mi confermano tutt’oggi con il loro operato che la volontà, la voglia e l’orgoglio di svolgere bene il proprio ruolo esiste. Purtroppo spesso i comportamenti virtuosi e corretti vengono messi in ombra dai molti poco dignitosi.

A un indeciso in cabina elettorale cosa gli direbbe per farsi votare?
Sono sicuro di avere dimostrato nella mia vita l’impegno e la dedizione verso il mio paese e la sua gente. Possiedo un curriculum corposo di azioni e opere eseguite con serietà, con l’unico obiettivo di fare bene e migliorare la nostra realtà locale. Ho esperienza e conoscenza sia del territorio che delle norme e dei servizi che necessitano al tessuto sociale del nostro paese.

Candidati Consiglieri: Valtellina Chiara Camilla, Bellezza Roberto, Di Gioia Giuseppe Armando, Fiordalisi Ornella, Lorenzi Fabio, Milesi Marcello, Pelliccioli Oscar, Pezzotta Ilenia, Salvi Alfredo, Testa Simone, Villa Elena.

Tutti i sindaci intervistati da socialbg.it




I candidati non ancora contattati che avrebbero piacere ad una intervista senza tagli o interpretazioni possono mandare un messaggio alla pagina facebook socialbg. Grazie

Print Friendly, PDF & Email

Autore

Bruno Silini

Giornalista di PrimaBergamo, precedentemente dell'Eco di Bergamo. Blogger, content editor, esperto di social network. Autore con Evi Crotti e Alberto Magni del libro "L'immagine e l'anima. Donne famose del '900" pubblicato nel 2007. Nello staff comunicazione della Cisl Bergamo. Iscritto all'albo dei giornalisti della Lombardia.

Vedi tutti gli articoli